Come prendersi cura di un porcellino d’India

Come prendersi cura di un porcellino d’India

Un porcellino d’India in salute provvede da solo alla propria cura. Con le sue unghie allontana polvere e sporco dal pelo, che poi pulisce leccandolo. Qualche volta è però necessario dare al porcellino d’India un piccolo aiuto in queste operazioni.

Rendi ancora più accogliente il suo recinto in metallo aggiungendo anche un bagnetto per roditori.

Come prendersi cura di un porcellino d’India a pelo corto

Se vuoi fare un piacere al tuo porcellino d’India a pelo corto, puoi pettinare regolarmente il suo pelo con una spazzola dalle setole naturali. In questo modo lo aiuterai a liberarsi dei peli morti, contribuendo all'igiene del roditore e facendogli allo stesso tempo un piacevole massaggio alla cute.

Coccolando regolarmente il tuo porcellino d'India, potrai accorgerti per tempo della presenza di parassiti o di altre patologie della pelle che lo affliggono. Durante il periodo della muta del pelo, ossia a inizio anno e in autunno, al tuo porcellino d’India farà sicuramente molto piacere godersi un’ora al giorno di queste coccole.

porcellino d’India a pelo corto

Come prendersi cura di un porcellino d’India a pelo lungo

La cura di razze di porcellino d’India a pelo lungo come l’Angora è invece piuttosto difficile.

Dal momento che non cambiano il pelo e questo cresce in continuazione, il loro benessere dipende profondamente dalla cura del pelo. Questo può raggiungere una lunghezza di addirittura 20 cm. Senza il tuo aiuto, il porcellino d'India avrà dietro di se un lungo strascico di peli annodati.

porcellino d'india a pelo lungo

I suoi movimenti saranno poi così limitati, che non potrà più nemmeno grattarsi. Vivrà infine una vita di tormenti dal momento che sarà circondato dai suoi stessi escrementi e da resti di cibo che restano impigliati nel suo pelo.

Pettinare il pelo

Per questi animali è fondamentale pettinare il pelo ogni giorno. Ecco alcuni consigli:

  • Mettilo su un panno morbido posizionato su una superficie stabile, come un tavolo
  • Accarezzalo, parlagli con dolcezza e coccolalo con i suoi snack per porcellini d'India preferiti
  • Sciogli innanzitutto i nodi del pelo con un pettine a setole lunghe. Se qualche nodo dovesse essere troppo duro da sciogliere, taglialo via con molta attenzione
  • In un secondo momento puoi far brillare il pelo pettinandolo con una spazzola morbida
  • Se nel pelo del porcellino d'India dovesse essersi incrostato dello sporco, puoi toglierlo con molta attenzione utilizzando un panno umido di pelle di daino.
Come prendersi cura di un porcellino d’India

Accorciare il pelo

Per facilitare la cura del pelo del tuo Porcellino d'India, migliorare l’igiene e permettergli di scorrazzare allegro in giro, è importante anche accorciare regolarmente il suo pelo. Ecco alcuni consigli:

  • Posizionalo anche in questo caso su una superficie stabile
  • Taglia via il pelo del tuo piccolo amico con molta attenzione
  • I peli devono essere di una lunghezza tale da toccare appena il pavimento con le punte
  • Sulla parte posteriore puoi accorciare maggiormente i peli, in modo tale che gli escrementi non restino impigliati

Come prendersi cura di un porcellino d’India: tagliare le unghie

Nell'igiene e cura del porcellino d’India è importante anche tagliare le sue unghie. Se il roditore non ha la possibilità di consumare le sue unghie camminando ad esempio su pietre ruvide, è possibile che queste diventino troppo lunghe. A questo punto il roditore non scorrazzerà più con piacere in giro, dal momento che non potrà più piantare le sue zampette bene a terra e sarà limitato nei suoi movimenti.

Per impedire l’insorgere di infiammazioni e deformazioni delle unghie, rivolgiti al veterinario per fargliele accorciare regolarmente con delle apposite tronchesine. Se invece desideri provare a farlo da solo, fatti mostrare prima la giusta procedura.

Come prendersi cura di un porcellino d’India

Denti

Se il tuo porcellino d’India è un pigrone anche quando si tratta di sgranocchiare, i suoi denti in continua crescita possono diventare troppo lunghi. Un difetto congenito nella dentatura del roditore può avere la stessa conseguenza. Per permettere al tuo porcellino d'india di continuare a sgranocchiare con gioia e appetito, è importante far accorciare i suoi denti dal veterinario ogni due o tre mesi.

Se il tuo porcellino d’India riceverà tutte queste coccole e attenzioni, saprà sempre ricambiarti con la sua allegria e tanti squittii di gioia.

Articoli più letti

Gatto del Bengala

Il gatto del Bengala è una razza felina davvero unica. È un gatto domestico nel vero senso della parola, ma nelle sue vene scorre un pizzico di sangue selvatico. Le razze ibride come il Bengala o il Savannah rappresentano la nuova tendenza dell’allevamento felino. Ma cosa sono questi ibridi e a cosa bisogna prestare attenzione quando si decide di introdurre in casa un incrocio tra un gatto domestico e uno selvatico? Questo articolo ti fornirà le risposte a tanti dubbi.

Norvegese delle Foreste

Il gatto delle foreste norvegesi è il frutto di una lunga selezione naturale. Ha fatto la sua comparsa proprio in Norvegia, da dove ha iniziato a conquistare sempre più estimatori grazie al suo aspetto imponente e selvaggio e alla sua indole.

British Shorthair

La razza British Shorthair è ritenuta la più antica razza felina britannica. Si dice che sia stata portata dai Romani in Gran Bretagna, dove è rimasta per lungo tempo isolata. Da oltre 100 anni i British Shorthair vengono allevati in modo mirato. Nel 1871 i primi gatti British Shorthair vennero esposti al Crystal Palace.