La pancreatite nel gatto This article is verified by a vet

pancreatite nel gatto

Di solito i gatti che soffrono di pancreatite mostrano solo sintomi aspecifici

È nel pancreas che vengono prodotti, immagazzinati e rilasciati gli enzimi digestivi. Tuttavia, può accadere che questi enzimi attacchino il pancreas stesso: il risultato, purtroppo, è una grave infiammazione detta appunto pancreatite. Ecco quello che devi sapere per riconoscere e gestire la pancreatite nel gatto.

Quanto è pericolosa l’infiammazione del pancreas nel gatto?

L'infiammazione del pancreas nei gatti può manifestarsi all’improvviso (forma acuta) oppure protrarsi a lungo termine (forma cronica). Purtroppo entrambe le tipologie possono avere conseguenze fatali, per il gatto. Ecco perché una diagnosi rapida e una terapia mirata ed intensiva sono assolutamente fondamentali.

I sintomi: come si manifesta la malattia?

Di solito la pancreatite nei gatti si manifesta con sintomi molto aspecifici, per cui non è una malattia facile da diagnosticare. Senza contare che i gatti sono dei veri e proprio maestri, quando si tratta di nascondere il dolore.

Questi sono i sintomi che possono indicare una pancreatite nel vostro gatto:

La diagnosi: come si riconosce la pancreatite nel gatto?

Come abbiamo visto, questa malattia non è facile da diagnosticare perché si manifesta con sintomi aspecifici. Quindi di solito il veterinario procede prima con un approfondito esame generale, per poi passare ad ulteriori approfondimenti.

Con un esame del sangue si può valutare la salute del pancreas e rilevare la concentrazione della cosiddetta lipasi pancreatica specifica nei felini (il cosiddetto test SNAP fPLI). Anche per questo esame ormai si tratta di un test rapido che spesso il veterinario è in grado di effettuare direttamente in studio. Se il risultato del test rapido suggerisce una pancreatite, la diagnosi deve comunque essere confermata da un laboratorio.

Inoltre, per avere un'idea delle condizioni del pancreas, il veterinario si serve dell’ecografia. Se appare gonfio e si riscontra un accumulo di liquidi, è verosimile che si tratti di pancreatite.

La terapia: quali sono le opzioni di trattamento?

Purtroppo, se il tuo gatto soffre di pancreatite acuta, potrebbe essere necessario ricoverarlo in ospedale.

A quel punto, per prima cosa il veterinario cerca di individuare la causa e i fattori di rischio per la malattia. Ad esempio, se il tuo pet assume regolarmente farmaci che potrebbero innescare la pancreatite, bisognerebbe interrompere questa terapia, se possibile.

Molti gatti con pancreatite cronica soffrono anche di infiammazione a carico di altri organi addominali. In questi casi bisogna gestire anche le eventuali malattie infiammatorie intestinali (ad es. IBD) o del sistema dei dotti biliari (colangite biliare).

Se sono presenti patologie gravi, l’aspetto più importante è ridurre gli effetti della pancreatite attraverso una terapia sintomatica che di solito consiste in:

  • infusioni
  • passaggio ad una alimentazione dietetica specifica (se necessario con sondino gastrico)
  • terapia del dolore
  • farmaci contro nausea e vomito

La scelta della migliore dieta per il tuo gatto va sempre discussa con il tuo medico veterinario di fiducia. Nello shop online di zooplus trovi tutta la gamma degli alimenti dietetici e dei complementi alimentari per gatti.

La prognosi: si può guarire dalla pancreatite felina?

Quando un gatto è affetto da pancreatite felina ha una prognosi che dipende interamente dal decorso e dalla gravità della malattia. Se si tratta di una forma lieve e se viene riconosciuta e trattata rapidamente, le probabilità di guarigione sono molto buone.

Se invece il gatto sviluppa una forma grave e si verificano complicazioni, o danni ad altri organi, la pancreatite può essere addirittura fatale.

La pancreatite cronica può avere conseguenze anche gravi, per il gatto. A lungo termine, l'infiammazione può portare ad altre malattie come l'insufficienza pancreatica esocrina o il diabete mellito.

Le cause: perché il gatto si ammala di pancreatite?

Nel 90% dei casi la pancreatite felina non ha una causa chiara, e si parla quindi della cosiddetta pancreatite idiopatica. Tuttavia esistono dei fattori di rischio, che sono:

  • alimentazione troppo grassa
  • elevati valori di trigliceridi e di calcio nel sangue
  • disturbi della circolazione sanguigna (ad esempio a seguito di incidenti o di interventi chirurgici)
  • patologie di natura infettiva come l’AIDS felino (FIV) o la toxoplasmosi
  • altre malattie concomitanti come l’infiammazione intestinale cronica (IBD) o il diabete mellito
  • alcune tipologie di farmaci

Prevenire la pancreatite nel gatto

Come abbiamo visto, nella maggior parte dei casi non esiste un chiaro fattore scatenante per la pancreatite, e per questo motivo le misure profilattiche sono difficili. Quello che puoi fare è evitare al tuo gatto i tipici fattori di rischio come i cibi ricchi di grassi e l'obesità.

Trovi tante informazioni utili su come nutrire correttamente il tuo gatto nella sezione alimentazione del gatto del nostro magazine zooplus.

Capire meglio la pancreatite: la funzione del pancreas

Il pancreas è un organo dalla forma allungata che nel gatto si trova nella cavità addominale anteriore. È costituito da una parte endocrina e da una esocrina, ciascuna delle quali ha funzioni diverse.

La parte esocrina del pancreas è costituita dal tessuto ghiandolare: in questa area si trovano importanti succhi digestivi (gli enzimi) che sono necessari per scindere proteine, grassi e carboidrati.

Il pancreas endocrino, invece, produce importanti ormoni che, attraverso il flusso sanguigno, raggiungono il resto del corpo. Tra di essi ricordiamo soprattutto:

  • Insulina: il cosiddetto "ormone dello zucchero" regola il livello di zucchero nel sangue e favorisce il suo assorbimento a livello delle cellule.
  • Glucagone: si tratta di un antagonista dell’insulina, un ormone che aumenta i livelli di zucchero nel sangue aiutando il fegato ad abbattere il glicogeno, il quale provoca il rilascio di zucchero.
  • Somatostatina: nel cervello, questo ormone inibisce il suo antagonista, la somatotropina, l’ormone della crescita, nonché l'escrezione di acido gastrico nello stomaco.

Franziska G., Veterinaria
Franziska G.

Mi sono laureata in Medicina Veterinaria all’Università Justus-Liebig di Gießen, in Germania, e ho maturato una vasta esperienza in diversi ambiti quali la medicina clinica per piccoli animali, la pratica veterinaria per animali di grossa taglia e per animali esotici, approfondendo le mie conoscenze in fatto di farmacologia, patologia e igiene alimentare. Da allora svolgo attività come autrice non solo di testi di argomento veterinario ma anche in quello che è l’ambito della mia dissertazione scientifica. Il mio obiettivo è quello di riuscire a proteggere meglio gli animali dagli agenti patogeni di tipo batterico. Oltre alle mie conoscenze mediche, mi piace condividere la mia felice esperienza di proprietaria di un cane: in questo modo posso comprendere da vicino e allo stesso tempo fare chiarezza sulle principali problematiche che riguardano la salute degli animali.


I nostri articoli più utili
3 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
10 min

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.
8 min

Il coronavirus nel gatto: tutto quello che c’è da sapere

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.