Gatto starnutisce: perché? Ecco cosa fare This article is verified by a vet

gatto starnutisce

Magari non ci hai mai fatto caso, ma anche i gatti a volte starnutiscono.

Il gatto starnutisce come noi umani: però è raro che abbia il raffreddore. In questo articolo cerchiamo di capire insieme cosa scatena gli starnuti e quando è meglio rivolgersi al proprio veterinario di fiducia.

Perché il gatto starnutisce?

Innanzi tutto va detto che il gatto può starnutire per riflesso: succede quando i recettori della sua mucosa nasale vengono stimolati da un agente irritante e dunque reagiscono. Le ragioni sono molteplici e, di base, si tratta di un fenomeno innocuo.

Non c’è motivo di preoccuparsi se il micio lo fa occasionalmente: tiene presente che il tuo amico felino ha ben 60 milioni di recettori olfattivi, contro i nostri 20-30 milioni.

I gatti sono per natura sensibili a deodoranti per ambienti, profumi e detergenti. Se a questo aggiungi l’aria asciutta – specie in inverno, con il riscaldamento – e la polvere, ecco che il nostro micio può ritrovarsi in preda a veri e propri attacchi di starnuti.

Lo starnuto a volte è il sintomo di una malattia

Quando lo starnuto non è sporadico, ma soprattutto compaiono altri sintomi, la causa potrebbe essere una delle seguenti:

  • Influenza felina: può essere causata da più virus e batteri. L’agente patogeno scatenante causa nuovi sintomi per il gatto, che potrebbe non sentirsi bene, avere la febbre, gli occhi infiammati e nel peggiore dei casi anche una bronchite, se non addirittura una polmonite.
  • Raffreddore: in generale, il gatto è soggetto a contrarre il raffreddore quando il clima si fa freddo. Si tratta di un malanno passeggero, che si risolve da sé nel giro di qualche giorno.
  • Allergie: anche i nostri pelosi ahimè ne soffrono. In questo caso il sistema immunitario reagisce in modo esagerato a fattori ambientali come la polvere o i pollini. Un attacco di starnuti potrebbe quindi essere, in realtà, il sintomo di un attacco allergico.
  • Presenza di corpi estranei: non è raro che i nostri mici abbiano dei fili d’erba nelle narici. In quel caso la mucosa si irrita e iniziano gli starnuti.
  • Tumori: indipendentemente dalla natura benigna o maligna, purtroppo anche questi possono provocare frequenti starnuti. Spesso in questi casi il gatto presenta anche secrezione nasale da una sola narice.
Gli spiriti liberi, ossia i gatti domestici che vivono anche fuori casa, sono i più esposti ad agenti irritanti e pollini.

Quando è il caso di andare dal veterinario

Se il tuo gatto starnutisce solo di tanto in tanto, non hai motivo di preoccuparti. Rivolgiti ad un veterinario solo se gli starnuti perdurano e compaiono anche questi sintomi:

  • Febbre, stato di indebolimento
  • Inappetenza
  • Secrezione oculare e/o nasale
  • Respiro affannoso, rantoli o rumori respiratori

L’anamnesi fatta insieme a te e una visita accurata del tuo micio aiuteranno il veterinario a capire perché starnutisce. Per accertare l’eventuale presenza di corpi estranei o tumori, potrebbero essere necessari alcuni approfondimenti diagnostici quali un’endoscopia, alcune  ed ecografie.

Qual è la prognosi?

Le possibilità di guarigione dipendono dalla causa, vale a dire dal perché il tuo gatto starnutisce. Se gli starnuti sono sporadici puoi stare tranquillo: i sintomi di solito si risolvono nel giro di qualche giorno e il tuo pelosetto si riprenderà velocemente.

Nell’eventualità di un tumore o dell’influenza felina, la prognosi purtroppo si aggrava e la malattia potrebbe anche essergli fatale.

Si possono prevenire gli starnuti?

Quando il gatto starnutisce solo di tanto in tanto, in un certo senso non ha sintomi e non devi fare nulla: solo evitare di agitarti.

Abbiamo visto che lo starnuto può tuttavia essere la spia di qualcosa di più serio: purtroppo per la maggior parte delle malattie chiamate in causa non esiste profilassi.

L’unica eccezione è l’influenza felina, ma oggi per fortuna è possibile vaccinare i nostri mici contro alcuni degli agenti patogeni scatenanti. In questo caso, il tuo pelosetto sarà sempre soggetto a contrarre la malattia, ma potrebbe farlo in modo lieve o addirittura asintomatico.


Franziska G., Veterinaria
Profilbild von Tierärztin Franziska Gütgeman mit Hund

Mi sono laureata in Medicina Veterinaria all’Università Justus-Liebig di Gießen, in Germania, e ho maturato una vasta esperienza in diversi ambiti quali la medicina clinica per piccoli animali, la pratica veterinaria per animali di grossa taglia e per animali esotici, approfondendo le mie conoscenze in fatto di farmacologia, patologia e igiene alimentare. Da allora svolgo attività come autrice non solo di testi di argomento veterinario ma anche in quello che è l’ambito della mia dissertazione scientifica. Il mio obiettivo è quello di riuscire a proteggere meglio gli animali dagli agenti patogeni di tipo batterico. Oltre alle mie conoscenze mediche, mi piace condividere la mia felice esperienza di proprietaria di un cane: in questo modo posso comprendere da vicino e allo stesso tempo fare chiarezza sulle principali problematiche che riguardano la salute degli animali.


I nostri articoli più utili
3 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
10 min

Sterilizzare o castrare il gatto

Ci sono ben poche cose al mondo più tenere di una cucciolata di gattini. Purtroppo però è raro che tutti quei dolci micetti trovino una casa accogliente in cui vivere. Se i gatti sono lasciati liberi di riprodursi, quasi certamente si mettono al mondo tante vite misere e infelici.   Sterilizzando il tuo gatto, invece, previeni il sovraffollamento. Scopriamo insieme quali sono gli aspetti da considerare prima di prendere questa decisione e qual è la differenza tra sterilizzare o castrare il gatto.
5 min

Le 6 fasi di crescita del gatto: maturare insieme

Quanto a lungo crescono i gatti e quanto grandi diventano? Da un lato, dipende dal loro corredo genetico, dall'altro la crescita è influenzata anche da elementi esterni quali la nutrizione. Scopriamo insieme le fasi della crescita del gatto. Conoscendo questo processo, potremo regalare ai nostri gattini un perfetto avvio verso una vita sana, e supportarli nel migliore dei modi nella loro fase adulta.