Scegliere integratori per gatti: come non sbagliare

scegliere integratori per gatti

Le scatolette o le crocchette per gatti contengono tutto ciò di cui il tuo amico di zampa ha bisogno per stare bene, oppure talvolta è meglio integrare la sua alimentazione con alcune sostanze specifiche?

A dire il vero, quando si parla di “alimenti completi” ci si riferisce a un prodotto arricchito di vitamine e minerali, in grado di garantire al gatto tutti i nutrienti per lui più importanti.

Ma può capitare che il tuo micio, magari un po’ in là con gli anni o affetto da qualche condizione o patologia specifica, abbia bisogno di alcuni nutrienti particolari che possono essere somministrati sotto forma di integratori alimentari.

Per fortuna in commercio c’è solo l’imbarazzo della scelta: con questo piccolo vademecum desideriamo aiutarti nella difficile missione di scegliere gli integratori per gatti più adatti alla situazione del tuo adorato peloso.

Scegliere integratori per gatti: vitamine e minerali

Un gatto complessivamente in salute necessita di uno specifico mix di vitamine e sostanze nutritive, che devono essere naturalmente adeguatamente bilanciate. Vediamole da vicino!

Le vitamine

  • Vitamina A:La Vitamina A è indispensabile per gli occhi, la pelle e il pelo del tuo amico di zampa.

Una carenza di questa vitamina può causare disturbi oculari e problemi dermatologici di vario tipo.

D’altro canto, anche un eccesso può essere pericoloso, comportando alterazioni muscolo-scheletriche e problemi legati alla crescita.

In linea di massima, un gatto adulto di circa 3 kg di peso ha bisogno di circa 300 UI (Unità Internazionale) di vitamina A al giorno.

  • La vitamina D è importante per la salute di intestino, ossa, reni, ghiandole mammarie e utero e per il corretto bilanciamento di calcio e fosfato.

Tra le cause dell’arteriosclerosi si riscontra anche un’assunzione eccessiva di vitamina D, mentre la sua carenza può portare al rachitismo.

I gatti d’appartamento spesso soffrono di carenze di questa vitamina, mentre i randagi la sintetizzano a partire dalla vitamina D3, con l’esposizione alla luce solare.

  • La vitamina E, al pari della vitamina A, è liposolubile, il che significa che viene assorbita con i grassi alimentari.

Questa importante alleata dell’organismo protegge i grassi naturalmente presenti nel corpo dai radicali liberi: ecco perché è definita anche un antiossidante.

Un gatto adulto necessita di circa 2 mg di vitamina E al giorno. In caso la tua micia sia in dolce attesa o tu ti stia prendendo cura di un gattino, ricorda di aumentare questa quantità chiedendo consiglio al tuo veterinario.

  • La vitamina C viene prodotta direttamente dall’organismo del gatto, tuttavia in bassa quantità ed è quindi necessario integrarla nell’alimentazione.

Assumere quotidianamente dai 100 a 300 mg di vitamina C è di grande sostegno al sistema immunitario, soprattutto in caso di stress, malattie o in età avanzata.

 I minerali

Accanto alle vitamine, c’è un’altra sostanza che non deve mancare nell’alimentazione del tuo gatto: i minerali.

Si tratta di sostanze nutritive che si presentano in forma di ioni o di legami inorganici: di fondamentale importanza per l’organismo, la loro carenza può essere causa di una serie di disturbi, anche gravi.

Un occhio di riguardo deve essere dato, ad esempio, al corretto bilanciamento tra calcio e fosforo: per garantire una rigenerazione ossea ottimale, questi due nutrienti dovrebbero essere presenti nell’alimentazione del tuo micio in rapporto di circa 1,2:1. Tienitelo a mente, quando si tratta di scegliere integratori per gatti.

Sodio, cloro e calcio coordinano l’equilibrio dei liquidi presenti nell’organismo, così come l’assunzione delle sostanze nutritive in generale.

Gli aminoacidi essenziali … per la sua salute

I nutrienti fondamentali per il tuo gatto non si limitano a vitamine e minerali: guai a dimenticare infatti i cosiddetti aminoacidi essenziali, la cui importanza si percepisce già dal nome.

L’organismo, sia umano che animale, non è in grado di sintetizzare da solo queste sostanze, che devono pertanto essere assunte con l’alimentazione, visto il ruolo che rivestono, ad esempio, nella regolazione dei processi metabolici.

Tra gli aminoacidi essenziali più importanti troviamo ad esempio la taurina, responsabile di regolare la trasmissione degli impulsi nervosi e del ritmo cardiaco.

Fortunatamente non esistono rischi legati al sovradosaggio visto che un eventuale eccesso viene eliminato immediatamente dall’organismo.

Al contrario, la carenza di taurina può causare cecità, disturbi del sistema immunitario e cardiomiopatie con atrofia cardiaca.

La dose giornaliera di taurina consigliata per un gatto è compresa, in media, tra i 100 e i 200 mg.

Molto spesso si trascura l’importanza di questo nutriente e si scorda di aggiungerlo all’alimentazione del proprio peloso. Se anche a te è capitato, non ti allarmare: scegliendo un prodotto di qualità, soprattutto se si tratta di un alimento completo, dovresti avere praticamente la certezza di fornire al tuo tesoruccio peloso la quantità corretta di tutti i nutrienti essenziali.

Se il tuo micio è adulto e in salute, quindi, non devi preoccuparti di scegliere integratori per gatti di uno o dell’altro tipo, ti basterà leggere attentamente l’etichetta degli alimenti che compri per lui, senza mai rinunciare alla qualità.

Se invece il tuo amico di zampa ha esigenze particolari e vuoi andare sul sicuro, dai subito un’occhiata alla sezione dedicata agli complementi alimentari per gatti all’interno del nostro shop!

I nostri articoli più utili
6 min

Piante velenose per gatti: scopriamole tutte

Con la bella stagione, giardini, balconi e terrazzi si riempiono dei colori e dei profumi delle piante in fiore. Una gioia per gli occhi e una vera tentazione per il tuo gatto, che sicuramente proverà ad assaggiarne qualcuna. Ma attenzione, perché alcune risultano essere piante velenose per gatti, per cui sono un pericolo serio per la salute del tuo micio. Scopri a quali fare attenzione e quali evitare del tutto, se in casa con te vivono uno o più gatti.
6 min

Alimenti pericolosi per il gatto

Diversi sono gli alimenti pericolosi per il gatto: anche il noto zoologo ed etologo Paul Leyhausen, esperto del comportamento degli animali e autore di importanti pubblicazioni sul modo di comportarsi dei gatti, ha scoperto e sottolineato come i nostri amici felini non mangino solo ciò che è effettivamente buono per loro. Ecco perché è ancora più importante che chi vive con un gatto sia ben informato su quali fra gli alimenti comuni tra le persone possono rivelarsi dannosi per il suo amico peloso. Il seguente elenco non ha pretesa di essere esaustivo ma solo di fornire alcune informazioni utili.
7 min

Quanto deve mangiare un gatto?

La domanda che tormenta tutti i proprietari di mici: quanto deve mangiare un gatto?  Facci indovinare: il tuo amico di zampa sembra sempre affamato e si avvicina miagolando alla sua ciotola mille volte al giorno.  Beh niente panico, non è il solo. La maggior parte dei nostri amici felini mangerebbe tutto il giorno, potendo. Quindi come possiamo calcolare correttamente quanto deve mangiare un gatto in realtà?