Porticina per gatti: come montarla senza impazzire

Scritto da Sabrina Quente
porticina per gatti

Montare una porticina per gatti è molto più semplice di quanto si possa pensare. In questo articolo ti spieghiamo passo per passo come fare.

Una porticina per gatti regalerà sia a te che al tuo micio molta flessibilità nella vita di tutti i giorni. In questo articolo ti spieghiamo come montare una porticina per gatti e come abituare il tuo pelosetto a questo nuovo modo di entrare e uscire di casa.

I vantaggi di una porticina per gatti

Dentro, fuori, poi ancora dentro e subito, di nuovo, fuori. Anche per il tuo micio è tutto un avanti e indietro? I gatti, lo sappiamo bene, amano fare di testa loro, e ancor più amano la routine. Il massimo per loro è poter scegliere se stare appisolati sul divano o uscire a esplorare il mondo, semplicemente in base a quello che gli passa per la testa.

Montando una gattaiola sulla porta o sulla finestra di casa darai al tuo peloso proprio la libertà di scegliere autonomamente quando uscire e quando tornare. Soprattutto in inverno è importante che il tuo piccolo esploratore possa rientrare a scaldarsi in qualsiasi momento, anche se tu non sei a casa o se ha deciso di farsi una passeggiata nel bel mezzo della notte.

Se dovesse capitare che il tuo pelosetto non stia bene e quindi sia meglio per lui restare al calduccio per guarire il prima possibile, puoi ovviamente fare in modo che non esca, bloccando la gattaiola.

Consiglio: se abiti in un appartamento in affitto, chiedi il permesso al proprietario prima di montare una gattaiola.

Come abbiamo detto, montare una porticina per gatti è molto più facile di quanto si pensi. Ma purtroppo non sempre è possibile, molto dipende dalla situazione in cui si abita. Se vivi in un appartamento in affitto, ricorda che il montaggio di una gattaiola apporta delle modifiche definitive: è bene quindi richiedere l’approvazione al proprietario di casa.

L’acquisto di una porticina per gatti: come trovare quella giusta

Prima di acquistare una porticina per gatti o una gattaiola, devi avere ben chiaro dove vorrai montarla, così da scegliere la tipologia adatta. Caratteristiche fondamentali da considerare nella tua valutazione sono inoltre gli accessori, le dimensioni della porticina basculante e la questione della sicurezza: con tutta probabilità vorrai infatti garantire la possibilità di entrare e uscire solo al tuo peloso e non a tutti gli altri animali del quartiere!

La scelta della dimensione e della posizione della tua gattaiola

Il fattore più importante da considerare nella scelta è naturalmente il futuro utilizzatore della gattaiola. Il tuo micio deve infatti poter passare senza fatica attraverso la porticina basculante. Prendendo come valore di riferimento lo spazio tra il pancino del tuo pelosetto e il pavimento, monterai la tua gattaiola ad un’altezza comoda per l’andirivieni del tuo piccolo vagabondo. Solitamente questo valore si aggira intorno ai 15 centimetri.

In caso abitassi con più di un pelosetto, ti consigliamo di considerare il più piccino per la misurazione di questo valore.

La scelta del luogo in cui montare la gattaiola

Solitamente negli appartamenti siti al piano terra la gattaiola viene montata sulla porta d’uscita o sulle finestre, mentre ai piani più alti la scelta deve necessariamente escludere le finestre.

Se invece vivi in una casa indipendente, avrai molte possibilità diverse: le porte della cantina e del garage, ad esempio, sono spesso l’ideale, visto che il tuo piccolo felino potrebbe tornare a casa con un topolino in bocca come regalo per te, o quantomeno con le zampette sporche. Inoltre, non tutte le gattaiole hanno caratteristiche di isolamento termico, quindi è sempre meglio scegliere un luogo poco riscaldato.

La scelta degli accessori

Nella ricerca della gattaiola perfetta per le tue esigenze ti troverai di fronte a una miriade di accessori che ne aumentano la praticità, la sicurezza e l’affidabilità. La porticina basculante, ad esempio, può avere diverse modalità di funzionamento:

  • Chiusura a 4 vie: potrai scegliere di impostare il movimento della porticina basculante in modo che il tuo micio possa sia entrare che uscire a suo piacimento, oppure solamente uscire o solamente rientrare, bloccando quindi una delle due direzioni. Naturalmente, puoi anche scegliere di tenerla completamente chiusa.
  • Microchip: queste gattaiole sono programmate per riconoscere il microchip del tuo micio e lasciar quindi passare solo lui, evitando così il rischio che entrino in casa anche gatti estranei.
  • Infrarossi: se il tuo pelosetto è abituato al collarino, potrai attaccare un pendente-chip che apre la porticina grazie ad un sensore ad infrarossi.
© Monika Wisniewska / stock.adobe.com

Come montare una porticina per gatti, passo per passo

Una volta individuato il luogo in cui installarla e aver scelto la gattaiola adatta alle tue esigenze, è finalmente ora di passare al montaggio! Puoi rivolgerti ad un falegname o a un fabbro, ma anche decidere di risparmiare e montarla da te.

La cosa più facile è installarla in una porta di legno: avrai bisogno di una sega, di un trapano, di un pezzetto di carta vetrata e di un cacciavite. Ecco come procedere:

Prima del montaggio

  • Fai un segno sulla porta in corrispondenza del punto in cui vuoi poi collocare la gattaiola.
  • La maggior parte delle gattaiole in commercio, insieme alle istruzioni, forniscono una sagoma della gattaiola: applicala alla porta e traccia il contorno con una matita o una penna ben visibile.
  • Fai attenzione che sia la sagoma che il contorno siano orientati correttamente. La distanza tra il bordo inferiore della porticina per gatti e il pavimento, inoltre, deve essere adatto alle dimensioni del tuo pelosetto.
  • La maggior parte delle sagome riporta gli angoli di apertura della gattaiola: sono i punti in cui infilerai la sega per seguire il perimetro e tagliare l’apertura per la gattaiola. Inizia realizzando i fori in corrispondenza degli angoli, servendoti del trapano.
  • Il diametro dei fori deve essere leggermente più grande della lama della sega che utilizzerai.

Creazione dell’apertura in cui montare la gattaiola

  • Rimuovi ora la sagoma e utilizza una matita per tracciare delle linee dritte tra un foro e l’altro. Sono le linee che dovrai seguire con la lama.
  • Dopo aver inserito la lama in uno dei fori, prosegui lentamente verso il foro successivo segando tutto il perimetro, fino a che non avrai completamente tagliato la forma della gattaiola. Ti consigliamo di farlo tenendo la porta chiusa.
  • Ora, con la carta vetrata, leviga i bordi del foro appena realizzato.

Montaggio della gattaiola

  • Applica il lato interno e quello esterno della gattaiola sull’apertura appena realizzata, e controlla che la porticina basculante si muova senza difficoltà.
  • Segna e infine realizza con il trapano i fori di fissaggio per il lato interno.
  • Ora applica nuovamente il lato esterno e stringi tutte le viti, unendo così le due parti della gattaiola.

Procedura con altri tipi di porta

  • Montaggio della gattaiola su porte di plastica: esistono naturalmente anche gattaiole idonee a porte in plastica. La procedura di montaggio è analoga a quella appena descritta, avrai però bisogno di una sega adatta.
  • Montaggio della gattaiola su porte di vetro: se hai un tagliavetro e un po’ di pratica nella lavorazione di questo materiale potrai montare autonomamente la tua gattaiola anche su porte in vetro o finestre. In ogni caso è più sicuro chiedere consiglio ad un vetraio.

Come abituare il tuo pet alla sua nuova porticina

Una volta che la gattaiola sarà al suo posto, il tuo pelosetto dovrà imparare a utilizzarla.  Niente paura: basteranno un po’ di pazienza e due snack di ricompensa e la nuova gattaiola non avrà più segreti per il tuo micio.  Per i primi tempi, ti consigliamo di tenere la porticina basculante sempre aperta, fissandola con un nastro adesivo.

Invoglia il tuo tesoruccio peloso a passare dall’altra parte proponendogli un gustoso snack: se ti raggiunge senza difficoltà, puoi provare una seconda volta chiudendo la porticina.  Le prime volte puoi aiutarlo un po’ spingendo leggermente la porticina quando tenta di passare.

Solitamente i gatti imparano in un battibaleno come si utilizza la gattaiola.  Sanno bene che dall’altra parte li aspettano grandi avventure!

Un’alternativa: un’oasi esterna nel tuo appartamento in affitto

Se vivi in affitto e hai un balcone, ma non hai la possibilità di montare una gattaiola sulla porta dell’appartamento o del balcone, non disperare!  Grazie a qualche semplice consiglio potrai comunque far assaporare l’aria fresca al tuo micio sul balcone, in totale sicurezza.


Sabrina Quente
Sabrina Quente

Animals have accompanied me for as long as I can remember - there is hardly a child's photo without a budgie on my head or a cat on my lap. For more than ten years, I have been writing as an editor about various topics ranging from health insurance to cat ownership. Always with me: my cat Mimi, who is the best source of inspiration for many texts and knows when it's time for a break from writing.


I nostri articoli più utili
9 min

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.
11 min

Convivenza cane e gatto: può funzionare?

"Sono cane e gatto": chi sente questo modo di dire, suppone che cane e gatto non siano esattamente buoni amici. Ma cosa c’è di vero nella leggenda che li vuole nemici giurati? Dove sta il malinteso? È possibile che cane e gatto vivano nella stessa casa e siano felici?  
6 min

Segnali che dimostrano che il gatto è felice

Quando si ama qualcuno, è naturale desiderare che sia felice e fare in modo di contribuire a questa felicità. Vale ovviamente anche per gli amatissimi gatti di casa, che condividono con noi gran parte della nostra vita. In fin dei conti, loro sono i primi a renderci felici! Scopri quali sono i segnali che dimostrano che il gatto è felice.