Il mio gatto mi ama? 10 modi per capirlo

Il mio gatto mi ama

Il gatto è un animale mutevole e misterioso. A volte mostra chiaramente il suo affetto, altre volte meno. In generale, lo fa in un modo più sottile di quanto non faccia il cane. Ma allora come capire se il mio gatto mi ama?

Chi conosce bene i gatti è in grado di individuare chiaramente i segni del loro amore. In generale, più ti fidi del tuo istinto e meglio puoi cogliere i segni dell’amore che il tuo pelosetto nutre per te.

Chiederti se il tuo gatto ti ama è un po’ come domandarti se il tuo micio è felice. La risposta a queste due domande è praticamente la stessa. Se il tuo pelosetto è contento, infatti, significa che ti vuole bene.

Il tuo gatto è felice anche in tua assenza, ma solo quando confida nel tuo ritorno a casa. Anche questa forma di fiducia è un segno di affetto, esattamente come per il cane.

Come mostra il suo affetto il gatto?

  • Strizza entrambi gli occhi guardandoti

Il tuo pelosetto socchiude gli occhi ripetutamente? È il suo modo di darti dei baci e di dire “ti amo”. Vuoi ricambiare il gesto? Strizza gli occhi anche tu, esprimendoti nella lingua dei gatti. Vedrai che ti capirà al volo!

  • Ti fa dei doni

È chiaro che il suo modo di farti regali va un po’ interpretato, per così dire. Sullo zerbino di casa troverai qualcosa che gli sta veramente a cuore e con cui vuole dimostrarti anche quanto è bravo a cacciare, ovvero una preda!

A modo suoi il tuo micio vuole anche farti vedere cosa è in grado di offrirti.

Magari sulle prime la vista di un uccellino o di un topo morti non ti farà saltare di gioia, te lo concediamo, ma con il tempo imparerai ad apprezzarli per quello che sono: un tipico gesto d’amore da parte del tuo pelosetto.

  • È espansivo

A volte i versi del gatto possono essere il segno di qualche problema a livello di comportamento, oppure della presenza di dolore, di stress o malattie varie come sordità, senilità, demenza, malattie tiroidee, patologie neurologiche, ipertensione e via dicendo.

Altre volte, per fortuna, il gatto emette suoni semplicemente per cercare di comunicare con il suo umano.

Miagolando in modo insistente il tuo pelosetto esprime anche il suo benessere e il suo amore per te. Presta dunque sempre attenzione al contesto nel suo insieme, per interpretare il segnale in maniera corretta. In questo modo saprai anche percepire lo stato di salute del tuo amato felino.

Forse non sai che alcune razze sono più espansive di altre: se il tuo micio chiacchiera volentieri, puoi contraccambiare e rispondergli! Se invece dovessi accorgerti che questo suo miagolio si protrae a lungo soprattutto di notte, ti consigliamo di contattare un veterinario, per farti aiutare a comprenderne la ragione.

  • Ti dorme vicino

Il gatto vuole schiacciare un pisolino, ma non nella sua cuccia ? Magari si sdraia sulla tua scrivania quando sei al pc e miagolando cerca di distoglierti dal lavoro per attirarti sul divano o sul letto? Ecco, allora puoi dire che il tuo gatto ti ama veramente: vuole starti vicino e sentire le tue attenzioni su di sé!

  • Ti mostra la pancia

Il micio è vulnerabile e sulla difensiva alla pari del cane, quando si tratta di mostrarti la sua pancia. Se lo fa è perché con te si sente al sicuro e questa sua attestazione di fiducia è una dichiarazione d’amore.

  • Strofina il muso su di te

Il tuo pelosetto strofina spesso il muso sulla tua testa o su di te in generale, sulle tue spalle o sui tuoi fianchi? Vuole impregnarti con il suo odore, lasciarti la sua impronta olfattiva.

È come se marcasse il territorio: in questo caso vuole segnalare agli altri felini che hai già un quattrozampe al tuo fianco. Sta dicendo a te, ma anche al mondo intero, che sei “suo”!

  • Ti lecca

Il tuo micione ti lecca come se stesse “curando il mantello” di un altro gatto? Allora sentiti onorato. Con questo gesto dimostra di considerarti parte integrante della sua famiglia e ti sta mostrando tutto il suo affetto.

I felini, infatti, si leccano a vicenda per prendersi reciprocamente cura del loro pelo e per esprimere i propri sentimenti. Imparano questo gesto dalla madre, che sin dai primi giorni di vita lecca i suoi cuccioli rafforzando così ancor di più il legame con loro. È un gesto di amore e di dedizione da non sottovalutare.

  • Tiene la coda alzata

Il tuo pelosetto è felice e vuole esprimerti tutto il suo affetto quando ha la coda dritta con la punta un po’ piegata, a mo’ di punto di domanda. Ti comunica tutto il suo amore anche quando la sua coda è semplicemente dritta e alzata, tipo punto esclamativo.

  • “Fa la pasta” e le fusa, in segno d’affetto

Il gesto del micio che muove ritmicamente le sue zampe su di te, come se stesse facendo la pasta, è una grande dimostrazione di attaccamento nei tuoi confronti, che ha imparato da piccolo durante l’allattamento.

Anche le fusa sono il più tipico dei segnali di amore: il gatto di solito le fa quando sta bene ed è a suo agio.

Se hai un gatto anziano, questo suo “fare la pasta” allude proprio ai momenti felici: significa che è appagato e ti vuole bene.

  • Ti ronza attorno alle gambe

Se il tuo gatto non si stacca dalle tue gambe, significa che ti ama e che vuole assolutamente fartelo capire. Quando si struscia così ti sta marcando come sua “proprietà” ed è un chiaro segno di affetto. Ti sta dicendo che è solo tuo, e che tu sei solo suo.

Mostra sempre al tuo micio quanto gli vuoi bene e ricambia le sue attenzioni. “Il mio gatto mi ama”? La risposta è sì, non ci sono dubbi! Auguriamo a te e al tuo pelosetto una lunga vita felice insieme.

I nostri articoli più utili
7 min

Quando il gatto ti vuole bene: 5 segnali per capirlo

Un rapporto sereno e armonioso con il tuo gatto si fonda sull'affetto. Ma come lo si crea e soprattutto come dimostrano il proprio amore i nostri amici felini? I gatti sono considerati creature indipendenti e difficili da interpretare, ma questi 5 comportamenti ti dicono se e quanto il gatto ti vuole bene.
9 min

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.
10 min

Eutanasia del gatto: quando arriva il momento di lasciarlo andare

Nel momento in cui il gatto è gravemente malato, ad un certo punto sorge per forza di cose la domanda: è il momento di risparmiargli questa sofferenza? Decidere se far addormentare il proprio gatto che soffre è qualcosa di molto difficile da affrontare. Da un lato, non puoi restare indifferente di fronte alla sofferenza del tuo micione. Dall'altro lato c'è la paura della perdita: fatichi persino ad immaginare le tue giornate senza il tuo amato compagno di una vita. Peggio ancora se in famiglia ci sono anche altri animali: come faranno a gestire questa perdita?

Quello che conta è il benessere del gatto

Per quanto difficile possa essere, la cosa migliore che puoi fare è mettere da parte i tuoi sentimenti e concentrarti sull’unica cosa importante in questo momento: il benessere del tuo gatto. Sei responsabile per lui, che dipende in tutto e per tutto dalle tue cure, soprattutto in questi suoi ultimi giorni di vita. Purtroppo non ci sono regole né tabelle che ci facciano capire con esattezza quale sia la qualità di vita accettabile per un gatto. Tutto dipende dalla situazione e dalle caratteristiche individuali. Un micetto con una mente calma e un carattere resiliente potrebbe essere in grado di affrontare abbastanza bene persino una paralisi e le restrizioni di movimento dovute a questa infermità. Anche i gattini ciechi possono condurre una vita felice. D'altra parte, i nostri amici felini sono veri e propri maestri nel nascondere il dolore, quando soffrono. Sono capaci di “far finta di niente” per molto tempo: per questo non è affatto facile capire quanto stia davvero soffrendo un gatto e quando sia il momento giusto lasciarlo andare. Ecco quali sono i segnali che possono significare che il tuo gatto prova forte dolore:
  • ci mette molto tempo a mangiare e mangia pochissimo oppure quasi per niente
  • si ritrae quando ti avvicini e in generale sembra apatico
  • determinate situazioni e contatti fisici lo fanno reagire in maniera aggressiva
È chiaro che il dolore in sé non è certo un motivo valido per porre fine alla vita del tuo micetto. L'eutanasia del gatto è un’opzione sensata se e solo se non ci sono più possibilità di trattare il dolore o la malattia del tuo pelosetto così da concedergli una qualità di vita accettabile.

Parla con il tuo veterinario di fiducia