17 aprile 2019

Proteggere il cucciolo

Proteggere il cucciolo

Ai cuccioli (non) tutto è concesso

Non c’è alcun dubbio: con quelle zampette morbide, gli occhioni dolci e la loro voglia di giocare, i cuccioli sono proprio un amore! Ma con tutta la loro esuberanza, coinvolgono anche i cani più grandi nei loro giochi? E questi riescono a tollerare il comportamento di un cucciolo? A quanto pare molti padroni danno per scontata questa tolleranza da parte del cane adulto, che approcciandosi ad un cucciolo, cercherebbe di non fargli del male. Questo comportamento dovrebbe tutelare i nostri piccoli amici a quattro zampe da atti di violenza da parte dei cani più grandi. Si tratta purtroppo di un presupposto sbagliato, e in questo articolo cercheremo di spiegarti come stanno le cose.

Solo all'interno del branco

Tra i lupi si è osservato che gli esemplari adulti sono piuttosto tolleranti nei confronti dei cuccioli del proprio branco, dal momento che questi non conoscono ancora le regole che lo governano. È tutto il branco che dimostra una grande tolleranza nei confronti delle marachelle fatte dai cuccioli. Si tratta tuttavia di un comportamento valido solo tra i lupi, o meglio nei confronti dei cuccioli di lupo fino a sette settimane di vita. Di regola i cuccioli di un cane sotto le cure di un essere umano, a quell’età vivono ancora con i loro genitori, e questi chiudono spesso e volentieri anche due occhi di fronte alle loro marachelle. Anche in questo, caso il legame parentale gioca un ruolo importante e, proprio come tra i lupi, questo comportamento è osservabile solo all'interno del branco. I cuccioli di un altro branco rischierebbero la propria vita in situazioni simili.

Ovviamente mamma lupa cercherà di evitare a tutti i costi un incontro del genere. Capiamo quindi che la natura protegge i cuccioli solo all’interno di una cerchia ristretta. Nemmeno la biologia comportamentale riconosce un concetto come quello della tolleranza nei confronti del cucciolo, che è invece diventato sempre più un mito tra i padroni dei cani. C'è poi da dire che una volta raggiunti i tre mesi di vita, anche i lupi si aspettano che i loro cuccioli conoscano e rispettino le regole del branco.

Meglio stare sicuri

"Ma certo che ai cuccioli tutto è concesso! Dopotutto anche quel piantagrane del cane del vicino diventa mansueto e inizia a scodinzolare alla vista di un cucciolo. Non c'è niente che non si lascerebbe fare da un cucciolotto vivace". Sono frasi che vengono spesso usate per spiegare l'esistenza di un comportamento tollerante nei confronti dei cuccioli. Una bella storia di due cani che evidentemente si stanno simpatici, ma non si tratta affatto di una prova tangibile! Ovviamente può sempre capitare di incontrare con il proprio cucciolo un cane sconosciuto che si lascia fare di tutto dal nostro cagnolino, ma ha poco a che fare con questa tolleranza innata. Nella maggior parte dei casi si tratta di cani che hanno socializzato abbastanza da fare attenzione al piccolo cucciolo indifeso, o magari c’è una semplice simpatia reciproca.

In ogni caso , meglio stare sicuri e mettere da parte l’idea che il nostro piccolo amico a quattro zampe possa evitare conflitti seri con i suoi simili solo perché un cucciolo. Se un cane sconosciuto non guarda il tuo piccolo amico con sguardo truce, non significa che da una leggerezza non possano derivare situazioni allarmanti o addirittura pericolose per il tuo cucciolo.

Proteggere il cucciolo: l'incontro con cani sconosciuti

Quando incontri un cane sconosciuto, accertati sempre in anticipo col suo padrone, che il cane in questione sia socievole e vada d’accordo con i cuccioli. Solo allora potrete lasciare che si annusino da vicino. È particolarmente importante, dal momento che il contatto con altri cani durante il primo anno di vita avrà una grande influenza sul tuo amico a quattro zampe. Può quindi capitare che alcuni cani adulti si innervosiscano di fronte all’esuberanza di un cucciolo. Un cane che non ha socializzato abbastanza può ringhiare o abbaiare. Il contatto negativo con un altro cane fa fare spesso dei passi indietro sul piano della socializzazione, e può trasformare un cucciolo curioso e sicuro di sé in un cane impaurito e nervoso. Il nostro consiglio per fare tanti incontri positivi con un cane socievole fin da piccolo, è frequentare una scuola cinofila, anche per cuccioli. Lì il tuo amico a quattro zampe farà la conoscenza di tanti altri cuccioli e imparerà il loro piccolo "galateo".

 

Auguriamo a te e al tuo cucciolo di fare tanti incontri piacevoli con altri amici a due e a quattro zampe!

Articoli più letti

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

Insegnare al cucciolo a stare da solo in casa

I cani sono animali dall'indole socievole che provano quindi piacere a stare in compagnia del proprio padrone. Tuttavia, dovrai insegnare al cucciolo a stare da solo in casa: farlo sin dalla giovane età è utile, dato che i cani adulti che mai sono rimasti soli fanno fatica ad abituarsi a questa novità.

Adottare un cane da un paese estero

Può capitare talvolta che il cucciolo ideale si trovi al di là del confine: il cane e il suo futuro padrone devono superarlo per iniziare la loro nuova vita insieme. Questo accade spesso per chi decide di adottare una razza specifica di un paese o decide di adottare un cane da un particolare allevatore. O ancora altri vogliono donare una casa a un animale che vive in un rifugio. In questo articolo potrai trovare alcuni consigli per adottare un cucciolo dall’estero.