Cambiare l’acqua all’acquario: come e ogni quanto

cambiare acqua acquario

Da che esistono gli acquari, l’importanza e la frequenza del cambiare l’acqua all'acquario sono due argomenti sempre in voga. Anche se poche, per fortuna, ci sono ancora persone che hanno pesci ornamentali e credono che nell’acquario possa crearsi una sorta di "equilibrio biologico" simile a quello naturale, giustificando così la loro “preziosa” acqua stagnante.

Bisogna davvero cambiare l’acqua all’acquario?

A livello teorico è una cosa, ma dal punto di vista pratico un acquario, per quanto grande, è e resta un sistema artificiale, che non è stato progettato per ricreare gli spontanei processi evoluzionistici.

In natura, infatti, il metabolismo è sempre in moto: tutto quello che viene creato è soggetto ad un processo di continua decomposizione fino ad arrivare ai suoi elementi fondamentali. Da questi componenti essenziali, poi, rinasce la vita.

Tutto questo non può accadere, però, in un acquario: gli scarti, nel tempo, si moltiplicano raggiungendo concentrazioni sempre maggiori.

Ad un certo punto, l’accumulo di residui raggiunge il livello massimo, superando il grado di sopportazione del pover pesciolino che, andrà incontro a morte certa. Classica situazione in cui si sente dire: “Ma come è potuto succedere, sembrava così sano!”.

Cambio parziale dell’acqua

È chiaro che non ci si deve spingere a tanto. Il metodo preferibile per cambiare e allo stesso tempo "pulire" l'acqua è sostituirne una parte con regolarità. La frequenza e la quantità di acqua dipende principalmente dalle dimensioni della vasca e da quanto è popolata.

Con quale frequenza va fatto?

La regola generale è questa: più piccolo è l'acquario e più pesci vivono al suo interno, maggiore sarà la frequenza di ricambio di una parte dell’acqua. In termini di quantità, invece, è consigliato sostituire circa il 30% (un terzo) del volume della vasca.

Se segui questa proporzione e prendi l’abitudine di fare il ricambio ogni 14 giorni, non puoi sbagliare. L’unico rischio è quello di cambiare troppo poca acqua. Ad esempio, gli acquariofili che allevano pesci più grandi come le ciclidi del lago Malawi, sostituiscono metà dell’acqua una volta a settimana, perché la densità di popolazione è maggiore.

Come cambiare l’acqua all’acquario

La tecnica di ricambio dell'acqua varie in base alle dimensioni dell’acquario, ma di solito prevede l’uso di un tubo. Hai due alternative: svuotare l'acqua con il tubo in un secchio facendo avanti e indietro, oppure usare un tubo che arrivi allo scarico (posizionato più in basso) con possibilità di collegamento per l'ingresso dell'acqua dolce.

Un piccolo segno sul bordo dell'acquario ti sarà d’aiuto ad ogni cambio per quantificare correttamente l’acqua da sostituire. La temperatura dell'acqua aggiunta dovrebbe corrispondere a quella della vasca o essere di poco inferiore.

I nostri articoli più utili
13 min

Risolvere il problema delle alghe verdi

Poche altre famiglie di alghe presentano così tante e diverse varietà come quella dell'alga verde. Molte di loro sono del tutto innocue o si trovano di rado nei nostri acquari. Tuttavia, alcune varietà di alga verde possono diventare una vera e propria piaga per gli acquariofili. Ma come ci si può liberare una volta per tutte di quella patina verde che ricopre senza pietà i vetri, le piante, i ciottoli e le radici decorative dell'acquario?
3 min

Malattie dei pesci d’acquario

L‘ictioftiriasi, causata dal parassita unicellulare Ichthyophthirius multifiliis, è conosciuta come la temutissima malattia dei puntini bianchi. Il parassita penetra nelle mucose e si installa nel pesce ospite. Questa infestazione è riconoscibile dall’esterno dai caratteristici puntini bianchi leggermente in rilievo. Se però la malattia è già allo stato avanzato, questi potrebbero unirsi tra loro dando vita a delle macchie grigie. La pelle del pesce secerne tanto muco e si disgrega. La malattia può portare alla morte se gli animali infetti non vengono curati. È pertanto importante riconoscerne per tempo i sintomi per poter agire tempestivamente.
3 min

L’alimentazione dei pesci che vivono in acquario

Se hai o desideri un acquario pieno di pesci colorati ti sarai sicuramente posto il problema di come sfamare i tuoi nuovi piccoli amici. Seguendo le semplici linee guida che abbiamo raccolto in questo articolo, l’alimentazione dei pesci, per te, non avrà più segreti.