Come dare la pastiglia al gatto: 3 trucchi efficaci

dare le pastiglia al gatto

Il tuo gatto non ha intenzione di ingoiare la pillola? Niente paura, abbiamo alcuni trucchetti per te.

Come dare la pastiglia al tuo gatto? Il tuo veterinario ti ha detto di somministrare delle pillole al tuo amico felino e tu sei in crisi. Aiuto! Come si fa a convincere un gatto ad ingoiare una medicina, se non ne vuole sapere? Niente paura. Adesso ti sveliamo qualche trucco (quasi) infallibile per riuscire nell’impresa, senza farsi prendere dal panico.

Tre metodi per dare la pastiglia al gatto

Apri delicatamente la bocca del tuo micio, adagia con dolcezza la pillola sulla sua lingua e il gioco e fatto! Il tuo gatto la ingoia senza fare storie.  Ehm no, purtroppo questo è solo un bel sogno! Sarebbe bello se fosse così facile, vero? E invece di solito dare una pastiglia ad un gatto è una vera e propria sfida.

Succede spesso che il veterinario prescriva dei farmaci per un gatto malato e che ad un certo punto la terapia si interrompa proprio perché il micio non ne vuole sapere di ingoiare le medicine. Purtroppo non puoi spiegare al tuo pelosetto che quella pastiglia è un farmaco necessario, che  deve mandar giù. L’unica cosa che può aiutarti, in questo caso, è un po’ di astuzia.

Fondamentalmente hai 3 modi per riuscire a dare la pastiglia al tuo gatto:

  1. Mimetizzarla: schiaccia la pastiglia e poi mischiala con un po’ di cibo umido, una pasta per gatti o dell’acqua;
  2. Nasconderla senza spezzettarla inserendola in uno snack che sai che il tuo gatto adora;
  3. Inserirla tu nella sua bocca facendo in modo che la ingoi.

Tieni presente che potresti aver bisogno di fare parecchi tentativi, prima di capire quale metodo funzioni meglio con il tuo micio. Non scoraggiarti, però: uno di questi metodi prima o poi funzionerà. Garantito!

Metodo 1: schiaccia e mimetizza

Il gatto è un animale scaltro e diffidente, si sa. Per superarlo in astuzia puoi schiacciare finemente la compressa per poi mescolarla al suo cibo umido preferito, o ad un po’ di pasta per gatti o ancora all’acqua della sua ciotola. In pratica, il trucco consiste nel mimetizzare la pastiglia. Tutto ciò di cui hai bisogno è un mortaio, nel quale schiacciare con cura il farmaco. In alternativa, puoi sciogliere la polvere in acqua e utilizzare una siringa.

Se il tuo gatto deve prendere le compresse per un periodo di tempo più lungo, potrebbe valere la pena comprare uno speciale mortaio per pastiglie, in farmacia.

Importante: verifica prima con il veterinario se le pastiglie che ha prescritto al tuo gatto possono essere macinate per semplificare la somministrazione. Non tutte le compresse si possono schiacciare.

Macina la pastiglia e mischiala alla pasta per gatti

Per questo trucchetto ti basta schiacciare la compressa e poi mischiarla ad un po’ di pasta o crema per gatti (se sai già che piace molto al tuo micio). In alternativa, puoi usare una salsiccia di fegato o dei fegatini di pollo, qualcosa insomma di cui il tuo gatto è goloso.

Un cucchiaino di pasta o di fegatini di pollo dovrebbe essere sufficiente. Con un po’ di fortuna il tuo gatto ingoierà il boccone prelibato senza nemmeno accorgersi del medicinale.

Schiaccia la compressa e mischiala al cibo del tuo gatto

Puoi anche provare a spargere la pastiglia, che avrai precedentemente schiacciato con cura, nella ciotola del tuo gatto mischiandola con il suo cibo abituale. Anche in questo caso ti servirà un mortaio.

È chiaro che questa soluzione molto pratica e veloce funziona solo se la pastiglia non ha un sapore troppo forte. In caso contrario, puoi schiacciare nel mortaio, insieme alla compressa, anche un paio di snack particolarmente saporiti, così da camuffare meglio il sapore del medicinale prima di mischiarlo alla pappa del tuo gatto.

Sono perfetti per questa “operazione camouflage” gli snack per gatti Catisfactions, ad esempio. Basta tritarli in un mortaio insieme alla pastiglia e poi mescolare il tutto al cibo abituale del tuo micio.

Ci sono medicinali che non possono essere mischiati con sostanze che contengano derivati del latte. Ti conviene sempre verificare gli ingredienti dello snack e chiedere prima al tuo veterinario di fiducia se le pastiglie che devi somministrare al tuo gatto possono essere mischiate con snack o paste al formaggio.

Con un po‘ d’acqua, in una siringa

In alternativa, puoi sciogliere la polvere della compressa in un po’ d'acqua o in un altro liquido come ad esempio in un cucchiaio di brodo di pollo. Dopo di che, puoi aspirare questa soluzione con una siringa (senza ago!) e darla da bere al tuo micio. Puoi trovare una semplice siringa usa e getta in qualunque farmacia.

Non è possibile avere un dosaggio esatto

Il problema del mortaio, però, è che non è possibile essere precisi nel dosaggio del farmaco. Qualche grammo di pastiglia va sempre perso.

Come chiunque non stia bene, inoltre, anche i gatti malati hanno spesso scarso appetito. Il tuo quattrozampe, quindi, potrebbe non impazzire di felicità all’idea di mangiare la pasta per gatti che intendi offrirgli, o potrebbe non finire la sua razione di cibo. Quindi è meglio mescolare la compressa con un po’ di liquido oppure riuscire a somministrarla intera.

gatto prende compressa siringa
Con una siringa senza ago puoi far bere al tuo gatto la pastiglia che prima hai triturato e sciolto nell’acqua.

Metodo 2: fai  ingoiare al gatto la pastiglia intera

A volte anche i migliori escamotage per far accettare le pillole al gatto non funzionano. Soprattutto se il gattino è molto malato e mangia pochissimo, non ha senso mescolare il farmaco al cibo sperando che lo ingoi. Alcuni mici malati non hanno alcun appetito nemmeno per gli snack, dove in teoria si potrebbero nascondere le compresse.

Ecco perché ci sono situazioni in cui è fondamentale riuscire a far ingoiare la pastiglia al gatto, senza ricorrere al cibo.

Con un po’ di pratica e molta attenzione

Ma come faccio a convincere il mio gatto a collaborare se non ha fame e non ne vuole sapere di ingoiare la pastiglia? Ti diciamo subito che i metodi esistono, ma probabilmente hai bisogno del tuo veterinario di fiducia per imparare come fare in tutta sicurezza. Il rischio, infatti, è che il tuo micio si spaventi e finisca con il morderti accidentalmente la mano.

  1. Tieni fermo il gatto (senza spaventarlo): la tecnica

Se vuoi somministrare una pastiglia al tuo micio, per prima cosa devi tenerlo fermo. Per questo è meglio essere in due. Siediti sul pavimento e prendi il gatto tra le tue gambe. Le sue zampe posteriori sono vicine al tuo petto, in modo che non abbia spazio per muoversi all’indietro.

  1. Aprigli dolcemente la bocca
  • metti la compressa tra l'indice e il pollice della tua mano destra (della sinistra se sei mancino);
  • con l’altra mano aprigli dolcemente la bocca. Come? – ti chiederai. Devi far scorrere il dito indice nello spazio che c’è dietro il canino. Così facendo la testa del gatto dovrebbe muoversi e puntare leggermente verso l'alto;
  • con il dito medio della mano che tiene la pastiglia, premi delicatamente il mento del tuo micio verso il basso.
  1. Inserisci la pastiglia nella sua bocca: ecco come fare

Assicurati che la pillola sia posizionata nella parte posteriore della bocca del tuo gatto, alla base della lingua. Altrimenti, molto probabilmente, il tuo micio la sputerà subito.

Importante: quando metti le mani nella bocca del tuo pet devi fare attenzione a metterti di fronte a lui, per evitare di essere morso. Ricorda che i morsi del gatto sono pericolosi anche per l'uomo. Se non ti senti sicuro o sei teso, è meglio evitare questo metodo.

Altri trucchi che semplificano la vita: lo “sparapillole

Rispetto a mettere le dita nella bocca del gatto, è decisamente più facile e sicuro utilizzare un distributore di compresse, il cosiddetto “sparapillole”. Puoi trovare questo tipo di accessorio presso i negozi specializzati, oppure puoi rivolgerti direttamente al tuo veterinario.

Il distributore di pillole assomiglia ad una siringa, e anche il suo funzionamento è simile:

  • aspira un po’ di acqua con la siringa;
  • posiziona la pastiglia sulla punta del dispositivo.
  • inserisci delicatamente lo sparapillole nella bocca del tuo gatto in modo che la pastiglia si trovi nella parte più interna della sua bocca.
  • premi lo stantuffo: a questo punto il tuo micio non ha altra scelta se non ingoiare la pastiglia insieme all'acqua.

Ricorda: anche questo metodo si adatta ad animali calmi e a padroncini rilassati. Altrimenti corri il rischio di fare del male al tuo pet e di ferirti tu stesso.

Metodo 3: inserisci la pastiglia direttamente nella sua bocca

In effetti il modo c’è: puoi mimetizzare la pastiglia creando un guscio goloso nel quale avvolgerla. I modi sono diversi: rivestita di qualcosa di particolarmente gustoso, la medicina potrebbe passare in secondo piano, agli occhi (e all’olfatto) del tuo gatto. Requisito fondamentale però è che il tuo micio trovi davvero irresistibile il guscio nel quale avrai inserito il farmaco, al punto da convincersi ad ingoiarlo. Altrimenti il ​​trucco non funzionerà.

Il “sandwich” masticabile

La maggior parte dei gatti ama i bastoncini da masticare. Puoi sfruttarlo per nascondervi all’interno la pastiglia.

In pratica, ti serve solo un bastoncino o stick da masticare per gatti e un coltello affilato. Quindi puoi procedere così:

  • taglia il bastoncino in piccoli pezzi. Le sezioni dovrebbero essere lunghe circa due pollici;
  • incidi lo stick per il lungo fino al centro, facendo attenzione a non spezzarlo
  • inserisci la pillola nella fessura che si è formata
  • premi delicatamente il "sandwich" tra le dita per compattarlo

Fai attenzione che la pastiglia non scivoli via mentre dai il sandwich al tuo micio. Se la pillola è molto grande, ti conviene spezzarla a metà e fare due sandwich.

Un altro trucco che funziona quasi sempre è quello della salsiccia. Puoi provare ad “ingannare” il tuo gatto tagliando un pezzetto di salsiccia e inserendovi all’interno le pastiglia. Se il tuo micio è un tipo goloso, la ingoierà senza accorgersene.

Prodotti specifici da acquistare se sei in difficoltà

Se il trucco del sandwich non funziona, puoi ricorrere a speciali prodotti ideati proprio per aiutare i proprietari di gatti e i veterinari a somministrare farmaci ai mici più diffidenti. Il tuo medico veterinario di fiducia può aiutarti senz’altro consigliandotene qualcuno.

Ad esempio, in commercio esiste una speciale pasta per gatti, una specie di pongo commestibile, con cui avvolgere la pastiglia perché il gatto la ingoi. Oppure esistono piccoli snack che hanno già una cavità al loro interno nella quale inserire appunto la pillola. In questo modo, mentre dai un premio al tuo pet e lo fai contento, risolvi il problema di fargli ingoiare la medicina.

Se scegli di usare snack o paste speciali, è importante fare prima un test e verificare che il loro gusto piaccia effettivamente al tuo gatto.

Chiedi aiuto al tuo medico veterinario

Indipendentemente dal metodo che scegli di adottare, il nostro consiglio è sempre quello di parlarne prima con il tuo veterinario di fiducia. Non tutte le pastiglie possono essere spezzate a metà o frantumate, e alcuni snack sono incompatibili con determinati farmaci.

Specialmente se decidi di dare la pastiglia al tuo gatto senza "camuffarla", e quindi intera, è fondamentale che tu sia in grado di tenerlo fermo nel modo corretto. Questo vale anche se usi uno “sparapillole”. Metti la sicurezza tua e del tuo pet al primo posto, fai un bel respiro e sii paziente: tu e il tuo gatto, collaborando, troverete senz’altro la strada giusta.

Ora che ti abbiamo spiegato quali sono i migliori trucchi per dare la pastiglia al tuo gatto, non ti resta che metterti all'opera e provare. Buona fortuna!

I nostri articoli più utili
3 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
10 min

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.
8 min

Il coronavirus nel gatto: tutto quello che c’è da sapere

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.