L’allergia ai gatti: sintomi e rimedi This article is verified by a vet

In collaborazione con Purina Pro Plan

Diverse persone sviluppano un’allergia al loro gatto.

Ti piacciono i gatti ma non fai che starnutire quando ne accarezzi uno? Probabilmente soffri di un'allergia ai gatti. Per fortuna, c’è il modo di liberarti di questi sintomi fastidiosi e coccolare il tuo micio in tutta tranquillità. Scopri come!

I sintomi: come capisco di essere allergico ai gatti?

Se soffri di allergia ai gatti te ne puoi accorgere dal fatto che tendi a reagire in maniera anomala agli allergeni presenti sul tuo pet e nelle sue immediate vicinanze. Se si tratta di un’allergia lieve, sperimenterai sintomi simili a quelli della cosiddetta febbre da fieno.

  • Ti prudono e lacrimano gli occhi
  • Starnutisci o hai frequentemente la sensazione di stare per starnutire
  • Il naso ti cola oppure hai il naso chiuso
  • Hai la gola irritata

Se invece soffri di una forma più grave di allergia, i sintomi sono ovviamente più severi e possono includere:

  • Stanchezza e disturbi del sonno
  • Tosse persistente e difficoltà respiratorie
  • Formazione di zone arrosate sulla pelle (pomfi da orticaria)

Le allergie sono sempre potenzialmente pericolose. Se si soffre di una forma grave e si verifica uno shock anafilattico, senza le necessarie contromisure i rischi sono mortali per via degli effetti associati all’allergia (come il calo della pressione sanguigna e le gravi difficoltà respiratorie).

Il momento della diagnosi: la conferma dell’allergia

Se ti rendi conto di avere reazioni di tipo allergico, quando ci sono dei gatti nelle tue vicinanze, è importante che tu ti faccia controllare da un medico. Questo purtroppo è il solo modo che hai per prevenire complicanze anche gravi e a lungo termine (ad esempio un asma bronchiale).

Di solito non è difficile avere la conferma di un‘allergia ai gatti. Il medico utilizza i seguenti test:

  1. Test cutanei

Esistono diversi modi per eseguire un test cutaneo. La maggior parte degli studi medici si serve del prick test o test intracutaneo. Con il prick test, il medico deposita sull’avambraccio del paziente una goccia di vari estratti di allergene.

In corrispondenza di ciascuna, viene eseguita una leggera scalfitura della pelle per permettere all’allergene di penetrare sotto lo strato superficiale della cute. Dopo pochi minuti, in base alla reazione della pelle, il medico può confermare o escludere la presenza di una allergia nei confronti degli allergeni testati.

Il test intracutaneo è simile, ma in questo caso il medico inietta gli allergeni direttamente sotto la pelle. Per diagnosticare l’allergia ai gatti, di solito il test intracutaneo non è la prima scelta. L’alternativa al prick test, piuttosto, è il dosaggio delle IgE (immunoglobine E) totali e di quelle specifiche per animali, mentre i test molecolari sono di solito riservati agli approfondimenti diagnostici (soprattutto per via dei costi che comportano).

Con il prick test, il medico deposita alcune gocce di vari allergeni sulla pelle del paziente e attende un arrossamento allergico a livello cutaneo.
  1. Dosaggio IgE (test di laboratorio)

Tramite un prelievo di sangue, il medico può verificare la presenza di anticorpi specifici inviando il campione ad un laboratorio. Una più elevata concentrazione di anticorpi IgE indica la presenza di un’allergia.

Di solito si utilizza questo tipo di test per confermare il risultato di un prick test o quando i test cutanei non possono essere eseguiti a causa di particolari condizioni della pelle del paziente, nonché quando quest’ultimo assume regolarmente antistaminici che non può sospendere.

La terapia: come si può curare l’allergia ai gatti?

Il modo più semplice per alleviare i sintomi di un'allergia ai gatti è evitare il contatto con gli allergeni. Questo significa che, se sei allergico, dovresti evitare il contatto con i gatti, ovviamente per quando possibile.

È chiaro che non sempre si può. Ad esempio se vivi con un gatto, se ci sono tanti mici nei dintorni di casa tua e hai un giardino, oppure se per lavoro sei spesso a contatto con uno o più gatti.

Cosa puoi fare, in questi casi? Per fortuna, esistono alcune opzioni.

Se le vie respiratorie si chiudono a causa di un’allergia, lo spray per inalazione può salvare la vita.

I trattamenti farmacologici

Fortunatamente gli antistaminici – di solito sotto forma di colliri o compresse – ti possono aiutare ad alleviare i sintomi di un'allergia ai gatti. Tuttavia, se sei un soggetto particolarmente allergico, dovresti sempre avere a portata di mano uno spray per inalazione con i cosiddetti simpaticomimetici o beta-2 agonisti (ad es. gli spray al salbutamolo).

Questi medicinali ti aiuteranno nel caso in cui i sintomi dell’allergia fossero particolarmente severi e sentissi di non riuscire più respirare.

Pro Plan LiveClear Gattini Ricco in Tacchino  

  • Riduce gli allergeni sul pelo del gatto
  • Rinforza le difese naturali dell’organismo
  • Digeribili e ben tollerate a livello gastro-intestinale
  • Supporta la vista e le naturali funzioni cerebrali del gattino
  • Tacchino come componente principale

Gli alimenti per gatti che riducono la presenza di allergeni sul pelo

Di recente sono apparsi sul mercato alimenti per gatti in grado di aiutare a gestire gli allergeni presenti sul suo mantello. Si tratta di prodotti che contengono una proteina specifica delle uova la quale ha dimostrato di neutralizzare gli allergeni presenti nella saliva del gatto.

In questo modo, quando il gatto si lava, distribuisce sul suo pelo un allergene meno attivo, riducendo sensibilmente il carico di allergeni che si diffondono attorno a lui.

Uno studio scientifico ha dimostrato come questi allergeni si riducano in media del 47%, se i gatti mangiano ogni giorno questi alimenti per almeno tre settimane.

È chiaro che nessun cibo per gatti potrà mai sostituire gli altri metodi utilizzati per il trattamento dell’allergia, ma questo genere di alimenti può contribuire a ridurre il numero di allergeni nell'ambiente e quindi a rendere la vita quotidiana di chi è allergico un po’ più facile e piacevole.

Se hai deciso di passare agli alimenti per gatti che riducono gli allergeni, procedi per gradi e assicurati di cambiare alimentazione al gatto nella maniera più corretta

Pro Plan LiveClear Gatti Adulti Sterilizzati Ricco in Salmone  

  • Può ridurre la concentrazione di allergeni
  • Supporta la salute delle vie urinarie
  • Aiuta a mantenere il peso ideale
  • Senza aromi né coloranti artificiali
  • Salmone come componente principale

La desensibilizzazione

Se i farmaci per contrastare i sintomi dell'allergia ai gatti non ti aiutano, puoi agire a livello di desensibilizzazione. In pratica, in questo caso il medico ti somministra per alcuni mesi gli allergeni in dosi via via crescenti. L'obiettivo di questa prassi è abituare il tuo sistema immunitario a tollerare gli allergeni riducendo in modo permanente la reazione eccessiva tipica dell’allergia.

Qual è la prognosi?

Per fortuna la maggior parte dei soggetti allergici ha una reazione piuttosto debole. Se invece il tuo sistema immunitario reagisce in maniera eccessiva, il rischio è lo shock anafilattico (potenzialmente letale) o la possibilità di sviluppare un’asma allergico. L’allergia non è un fattore da sottovalutare.

Le cause: cosa innesca l‘allergia?

Pare che una persona su cinque, tra quelle che vivono con un gatto, soffra di una qualche reazione allergica. Non è quindi un fattore trascurabile: una simile situazione non solo aumenta lo sforzo quotidiano legato alle pulizie, ma incide direttamente anche sul rapporto tra gatto e umano.

L'allergia ai gatti è dovuta a speciali proteine ​​che i gatti rilasciano attraverso la saliva e talvolta anche tramite le ghiandole sebacee e urinarie. Quindi non si tratta di una vera e propria allergia al pelo del gatto, come molti pensano.

Il sistema immunitario di un allergico, entrando in contatto con questi allergeni, reagisce in modo eccessivo. Il corpo inizia a rilasciare istamina, la quale provoca non solo prurito e arrossamento della pelle ma anche un calo della pressione sanguigna.

Non sono i peli del gatto i responsabili dell’allergia di alcuni umani.

La prevenzione: si può evitare di sviluppare un’allergia ai gatti?

Teoricamente chiunque può sviluppare un'allergia agli animali, in qualsiasi momento. Quindi non c’è modo di fare prevenzione. La buona notizia però è che, con le diverse modalità che ti abbiamo appena illustrato, puoi tenere sotto controllo i sintomi dell’allergia avendo una qualità di vita molto buona, anche se sei allergico e convivi con un gatto.


Franziska G., Veterinaria
Franziska Gütgemann

Mi sono laureata in Medicina Veterinaria all’Università Justus-Liebig di Gießen, in Germania, e ho maturato una vasta esperienza in diversi ambiti quali la medicina clinica per piccoli animali, la pratica veterinaria per animali di grossa taglia e per animali esotici, approfondendo le mie conoscenze in fatto di farmacologia, patologia e igiene alimentare. Da allora svolgo attività come autrice non solo di testi di argomento veterinario ma anche in quello che è l’ambito della mia dissertazione scientifica. Il mio obiettivo è quello di riuscire a proteggere meglio gli animali dagli agenti patogeni di tipo batterico. Oltre alle mie conoscenze mediche, mi piace condividere la mia felice esperienza di proprietaria di un cane: in questo modo posso comprendere da vicino e allo stesso tempo fare chiarezza sulle principali problematiche che riguardano la salute degli animali.


I nostri articoli più utili
5 min

I segnali che dimostrano che il mio gatto mi vuole bene

Con il loro carattere tendenzialmente lunatico e misterioso tutti i gatti dimostrano, seppure in modi diversi, quanto amano il loro padrone. Qualche volta glielo lasciano intendere in modo più sottile di quanto normalmente non facciano i cani. Chi conosce bene i gatti riesce a riconoscere inequivocabilmente le loro dimostrazioni d'affetto. Più ti fiderai del tuo istinto, come del resto fa il gatto, maggiormente vedrai e percepirai quanto il tuo amato gatto ti voglia bene a sua volta.
8 min

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.
10 min

Convivenza cane e gatto: può funzionare?

"Sono cane e gatto": chi sente questo modo di dire, suppone che cane e gatto non siano esattamente buoni amici. Ma cosa c’è di vero nella leggenda che li vuole nemici giurati? Dove sta il malinteso? È possibile che cane e gatto vivano nella stessa casa e siano felici?