L’alimentazione dei pesci che vivono in acquario

alimentazione dei pesci

È buona abitudine dare da mangiare ai pesci più o meno sempre alla stessa ora.

Se hai o desideri un acquario pieno di pesci colorati ti sarai sicuramente posto il problema di come sfamare i tuoi nuovi piccoli amici. Seguendo le semplici linee guida che abbiamo raccolto in questo articolo, l’alimentazione dei pesci, per te, non avrà più segreti.

Con che frequenza devono mangiare i pesci d’acquario?

È importante non somministrare mai troppo mangime tutto in una volta, ma sempre soltanto nella quantità che i pesci possono assumere in pochi minuti. Fanno eccezione i prodotti freschi, come le alghe, che possono essere lasciati a disposizione dei tuoi coloratissimi amici.

L’ideale è suddividere la razione giornaliera su più porzioni, in ogni caso almeno due, una al mattino e una alla sera.

L’alimentazione dei pesci non deve assolutamente essere limitata al solo mangime: i pesci cosiddetti fitofagi, ad esempio, ossia quelli che si nutrono solo di alghe, amano mangiare di tanto in tanto foglie di spinaci o di insalata sbollentate in acqua.

Ricorda di non far passare più di due giorni prima di togliere dall’acquario gli eventuali residui di foglie, per evitare che marciscano e che ciò influenzi negativamente i cicli biologici all’interno dell’habitat.

Esiste un momento migliore per dare da mangiare ai pesci?

Se hai appena fatto qualche intervento nell’acquario, per esempio se hai cambiato l’acqua, anche solo in parte, o hai pulito il vetro, aspetta un pochino prima di nutrire i tuoi pesci. Dai loro almeno 30 minuti di tempo per tranquillizzarsi e ri-abituarsi al loro ambiente.

Non disattivare mai il filtro durante il pasto dei pesci. Se ti dovesse capitare di esagerare con la quantità di mangime, il filtro aspirerà l’eccesso: ricorda però di pulirlo quanto prima e in modo accurato per evitare di danneggiarlo o addirittura romperlo.

Qual è il mangime più adatto ai pesci d’acquario?

Anche l’alimentazione dei pesci deve essere il più possibile varia, per la loro salute e la loro felicità.

In commercio sono disponibili le opzioni più disparate, dal mangime in compresse a quello fresco, congelato o liofilizzato.

Posizionando sulla parete dell’acquario una mangiatoia apposita potrai divertirti e rilassarti a guardare i tuoi piccoli amici mangiare.

Dai subito un’occhiata alla nostra selezione di mangime per pesci.

Come comportarsi mentre i pesci mangiano

L’alimentazione dei pesci non è solo nutrimento: mentre i tuoi pesci mangiano, prenditi qualche minuto per osservarli, potrai così notare se c’è qualcosa che non va.

Se un pesce si rifiuta di mangiare, ad esempio, potrebbe non sentirsi bene o addirittura soffrire di una vera e propria malattia. Se non si avventa sul mangime come fa di solito, invece, ma smangiucchia e temporeggia, potrebbe essere a causa del passaggio da un tipo di mangime all’altro, o anche solo del cambio di marca.

In caso avessi deciso di cambiare l’alimentazione dei tuoi pesci, fallo gradualmente, abituandoli pian piano al nuovo mangime e continuando ad osservarli con attenzione.

Chi deve occuparsi di dare da mangiare ai pesci?

Se possibile, i pesci dovrebbero essere nutriti sempre dalla stessa persona. Noterai con incredulità che questi animali riconoscono il passo della figura di riferimento e si precipitano alla postazione del mangime quando la sentono avvicinarsi all’acquario.

I nostri articoli più utili
14 min

Risolvere il problema delle alghe verdi

Poche altre famiglie di alghe presentano così tante e diverse varietà come quella dell'alga verde. Molte di loro sono del tutto innocue o si trovano di rado nei nostri acquari. Tuttavia, alcune varietà di alga verde possono diventare una vera e propria piaga per gli acquariofili. Ma come ci si può liberare una volta per tutte di quella patina verde che ricopre senza pietà i vetri, le piante, i ciottoli e le radici decorative dell'acquario?
4 min

Malattie dei pesci d’acquario

L‘ictioftiriasi, causata dal parassita unicellulare Ichthyophthirius multifiliis, è conosciuta come la temutissima malattia dei puntini bianchi. Il parassita penetra nelle mucose e si installa nel pesce ospite. Questa infestazione è riconoscibile dall’esterno dai caratteristici puntini bianchi leggermente in rilievo. Se però la malattia è già allo stato avanzato, questi potrebbero unirsi tra loro dando vita a delle macchie grigie. La pelle del pesce secerne tanto muco e si disgrega. La malattia può portare alla morte se gli animali infetti non vengono curati. È pertanto importante riconoscerne per tempo i sintomi per poter agire tempestivamente.
3 min

L’alimentazione dei pesci che vivono in acquario

Se hai o desideri un acquario pieno di pesci colorati ti sarai sicuramente posto il problema di come sfamare i tuoi nuovi piccoli amici. Seguendo le semplici linee guida che abbiamo raccolto in questo articolo, l’alimentazione dei pesci, per te, non avrà più segreti.