Cibo e casette per uccelli selvatici

Cibo e casette per uccelli selvatici

Un allegro cinguettio in giardino risveglia piacevoli sensazioni primaverili.

Quando la neve e il ghiaccio si sciolgono, gli uccelli selvatici hanno di nuovo di che essere felici e cinguettare: il periodo della difficile e faticosa ricerca del cibo sta per finire e il duro inverno è finalmente un ricordo! È il momento in cui la maggior parte delle persone toglie le casette per gli uccelli dal giardino, ma non è opportuno farlo, perché anche nella stagione più tiepida queste facilitano ai volatili la ricerca del cibo!

Che cosa vuol dire “dar da mangiare agli uccelli tutto l’anno”?

Se prima si consigliava di mettere a disposizione degli uccelli cibo e casette, soltanto quando il terreno era ricoperto di uno spesso strato nevoso e dal gelo persistente, ora la si vede diversamente. I naturalisti e gli esperti ornitologi concordano nel dire che la somministrazione invernale del cibo deve cominciare già ad ottobre e concludersi soltanto a maggio. In questo modo gli uccelli avranno abbastanza tempo per trovare un posto adatto in cui nutrirsi e ambientarsi, prima che inizi la stagione fredda. Perciò occorre appendere per tempo le casette per gli uccelli per offrire ai volatili, che sono soliti covare le uova al chiuso, una protezione adeguata dal freddo e dall’umidità. Ma si possono aiutare gli uccelli a trovare il cibo anche nei mesi caldi e soprattutto nel periodo della cova, quando cercano il nutrimento adatto per la loro nidiata.

Ma qual è il cibo adatto?

In autunno e inverno occorre assicurarsi che il cibo per gli uccelli sia ricco di grassi e calorie. I ben noti pastoni racchiudono tutti gli importanti componenti energetici, come per esempio i semi di girasole. Il periodo compreso tra maggio e settembre è il periodo della cova e in questi mesi agli uccelli selvatici andrebbe offerto uno speciale cibo estivo, come ad esempio un alimento che contenga bacche e proteine animali sotto forma di insetti essiccati. Inoltre, per la crescita corretta dei piccoli, sono disponibili complementi alimentari con fiocchi di cereali e minerali. Per aiutare gli uccelli selvatici ad affrontare la scarsità di cibo, aumentando così le possibilità di sopravvivenza dei piccoli, puoi offrire loro il cibo in una casetta.

Di che cosa occorre tener conto al momento dell’acquisto del cibo?

Molte miscele di cibo per uccelli contengono semi di ambrosia. Questa pianta proveniente dal Nord America si sta diffondendo sempre più anche in Europa, tuttavia molte persone sono allergiche al polline dell’ambrosia e il contatto con la cosiddetta “pianta dell’asma” in alcuni può anche scatenare reazioni cutanee. Perciò al momento dell’acquisto occorre assicurarsi che la confezione del cibo riporti la dicitura “garantito senza ambrosia”.

Nel nostro shop trovi un ampio assortimento di cibo per uccelli selvatici, ma anche di casette e dispenser per mangimi!

Prodotti consigliati

Articoli più letti

Insegnare al cucciolo a stare da solo in casa

I cani sono animali dall'indole socievole che provano quindi piacere a stare in compagnia del proprio padrone. Tuttavia, dovrai insegnare al cucciolo a stare da solo in casa: farlo sin dalla giovane età è utile, dato che i cani adulti che mai sono rimasti soli fanno fatica ad abituarsi a questa novità.

Comportamento dominante del cane

Se il cane non ascolta, è aggressivo nei confronti degli altri cani, mostra un esagerato istinto di difesa e non lascia avvicinare nessuno al suo cibo, si tratta spesso di un atteggiamento di dominanza che deve essere fermato. Ma cosa significa davvero dominanza nel cane? Sono dominanti solamente gli animali alpha? E se il mio cane non ubbidisce, significa davvero che ho un problema di dominanza?

Cose fare quando il cane ha un comportamento distruttivo?

Scarpe, cavi, telefoni, pennarelli, divani, tappeti o bidoni della spazzatura: la furia distruttiva di alcuni cani è potenzialmente molto pericolosa, soprattutto perché in pochissimo tempo potrebbero distruggere tutti i mobili di casa. Ma perché alcuni cani tendono a comportarsi in questo modo, e, soprattutto, come si fa a far  perdere loro l’abitudine? Certamente lo spavento è grande quando per la prima volta torni a casa e trovi il salotto ridotto a un campo di battaglia. Quando hai messo tutto di nuovo in ordine, sicuramente inizierai a chiederti: si tratta di un episodio isolato? Che cosa faccio se succede un’altra volta? Sicuramente non ti comporterai con tanta leggerezza come la prima volta, soprattutto se il tuo cane romperà oggetti di valore o se dovrai portarlo dal veterinario perché ha ingoiato qualche cosa di non commestibile. Come ci si deve però comportare di fronte a un tale atteggiamento?