I problemi articolari nel gatto

Donna che tiene tra le braccia il proprio gatto Birmano

Per un piccolo cacciatore come il gatto, la salute di ossa e articolazioni è fondamentale, ma non va data per scontata. Non sono solo l’età e gli infortuni infatti a pregiudicare la salute delle ossa del gatto, anche le carenze alimentari o alcune malattie provocano infiammazioni che possono danneggiare il gatto a lungo termine.

Le ossa del gatto

L’ossatura del gatto è costituita da oltre 230 ossa, numero che varia in base alle articolazioni della coda. Sono circa 38 ossa in più rispetto a un essere umano! La sua colonna vertebrale è flessibile ed è composta da 7 vertebre cervicali, 13 vertebre toraciche, 7 vertebre lombari, 3 vertebre sacrali e da 20 a 23 vertebre della coda. A differenza dell’uomo, la clavicola del gatto non è ancorata allo scheletro, caratteristica che dona a questo animale un’incredibile capacità motoria. Non sorprende dunque che si muova con tanta grazia anche camminando su un sottile steccato!

A causa del suo modo di cacciare "di soppiatto", il gatto non è portato per correre per grandi distanze, mentre brevi scatti e salti sono il suo forte. Lo dimostra il fatto che le sue zampe posteriori sono particolarmente robuste e le articolazioni sono molto flessibili, in particolare nella colonna vertebrale. Mentre cade, un gatto riesce a girarsi completamente in aria con l’aiuto della coda, atterrando sulle zampe e minimizzando i rischi. Cadendo in questo modo, le articolazioni sono protette dalle cartilagini elastiche, che ammortizzano il carico e l’elevata pressione. Questa funzione è favorita anche dalla membrana sinoviale, una membrana dall’aspetto viscoso che dovrebbe rivestire completamente le capsule articolari.

Ossa e articolazioni sane

Essendo un piccolo cacciatore, il gatto deve poter contare su ossa e articolazioni sane. Un gatto sano si muove armonicamente, in modo sinuoso, grazie a una perfetta collaborazione tra articolazioni, muscoli e stimolazioni nervose.

Vivendo insieme all’uomo lo stile di vita del gatto si è fatto sempre più sedentario e la sua alimentazione è diventata meno simile a quella che avrebbe adottato in natura. Questo purtroppo comporta la frequente comparsa di malattie alle ossa e alle articolazioni. A ciò si aggiungono la riduzione del pool genetico dovuta agli allevamenti e le conseguenti malattie ereditarie. Nei gatti più anziani la produzione dell'importante membrana sinoviale diminuisce e la cartilagine non viene più irrorata di sangue, con un conseguente notevole effetto sulla capacità di guarigione in seguito a un infortunio.

Il primo segnale di allarme in caso di problemi a ossa o articolazioni è la scarsa mobilità. Il gatto potrebbe avere difficoltà a saltare o ad accovacciarsi sulla sua cassetta igienica, mostrare un’andatura più rigida, o addirittura zoppicare. Anche se i gatti tollerano molto bene il dolore, potresti notare che il tuo animale ha un'espressione tesa o addirittura sentirlo miagolare per il dolore.

 

Infortuni

Anche gli infortuni sono tra le cause più comuni di questi problemi, ad esempio in seguito a un salto da un'altezza elevata. Questo avviene soprattutto tra i gatti che hanno libero accesso all’esterno. Al minimo dubbio, consulta il veterinario. Un osso rotto infatti può spesso causare danni irreparabili ai tessuti vicini.

Non sempre un grave infortunio è causa del malessere, che spesso è imputabile alle malattie croniche o acute dell’apparato osteoarticolare del gatto.

Malattie dell’apparato osteoarticolare

Tra le malattie più frequenti dell’apparato osteoarticolare del gatto vi sono le cosiddette "malattie degenerative articolari". Queste dolorose manifestazioni del logorio delle articolazioni si verificano più spesso in età avanzata, ma anche il sovrappeso del gatto o un precedente infortunio possono rappresentare un rischio.

Artirte: l'usura della cartilagine provoca l’assottigliamento delle membrane sinoviali e i tessuti si irritano provocando l’artrite. Il tipico sintomo di questo disturbo è l’improvvisa sedentarietà. Subito dopo la fase di eccessiva tranquillità, i gatti affetti da artrite manifestano difficoltà ad alzarsi e camminare. Quando iniziano a muoversi, sembra che i dolori diminuiscano.

Artrosi: l'artrosi è una forma degenerativa dell’artrite. Quando si manifesta un’infiammazione, dovuta a un trauma o a una patologia delle articolazioni come ad esempio l’artrite, il corpo crea tessuto connettivo e osseo per l’articolazione infiammata. Queste alterazioni limitano ulteriormente la mobilità.

I dolori cronici e la capacità motoria limitata pregiudicano fortemente la qualità della vita del gatto. Per questi disturbi è consigliabile un'alimentazione a a base di crocchette per gatti con problemi articolari e un trattamento specifico per il controllo dei dolori. Si può ricorrere alla fisioterapia, ad integratori e complementi alimentari per gatti, ma anche le cure alternative hanno dimostrato un'elevata efficacia. L’importante è farsi consigliare dal proprio veterinario!

Prevenire è meglio che curare

Anche nei gatti uno stile di vita sano è la prevenzione migliore da malattie dell’apparato osteoarticolare. Un'alimentazione sana e bilanciata e il movimento frequente sono fondamentali. Qualora il tuo gatto manifestasse dolore durante i movimenti, o se sai che ha avuto qualche infortunio a ossa o articolazioni, intervenire per tempo con un sostegno per le funzioni osteoarticolari potrebbe essere d’aiuto. Puoi facilmente trovare in commercio integratori alimentari a base di sostanze specifiche per le articolazioni come la glucosammina o gli acidi grassi Omega-3 e Omega-6. Tra i prodotti più apprezzati vi sono quelli con estratto di cozza verde neozelandese, che contiene una combinazione naturale di glucosammina, acidi grassi Omega-3, amminoacidi, vitamine e minerali che favoriscono la buona salute delle funzioni articolari a lungo nel tempo.

Da parte nostra, auguriamo il meglio a te e al tuo gatto!

I nostri articoli più utili

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?

Il coronavirus nel gatto

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.