Gli acari del gatto: come riconoscerli e debellarli This article is verified by a vet

gli acari del gatto

Il cerume scuro nei padiglioni auricolari rivela la presenza di acari nelle orecchie del gatto.

Il tuo micio si gratta continuamente l’orecchio o scuote spesso la testa? Potrebbe trattarsi di acari, parassiti che si annidano nelle orecchie dei nostri amici felini provocando forte prurito. Scopri tutto quello che c'è da sapere riguardo gli acari del gatto.

Sono pericolosi gli acari del gatto?

Questi parassiti di solito non sono pericolosi. È difficile che un’infiammazione della parte esterna dell’orecchio possa estendersi sino all’orecchio medio o interno, ma se non viene trattata adeguatamente una infestazione da acari con il tempo può provocare danni all’udito del tuo micio.

Gli acari causano un prurito quasi insopportabile al tuo pelosetto: anche per questo è fondamentale intervenire tempestivamente con una terapia adeguata.

Come capisco che si tratta proprio di acari nelle orecchie del gatto?

Gli acari causano la cosiddetta “rogna auricolare”. In base a quanto è seria l’infestazione, se il tuo gatto ne soffre noterai questi sintomi:

  • Prurito (il micio si gratta con insistenza l’orecchio e scuote la testa)
  • Cerume marrone scuro come il caffè (un insieme di sangue, secrezione auricolare, essudato di cellule e di escrementi degli acari)
  • Forfora
  • Arrossamentoperdita di pelo, pustole
  • Formazione di crosticine e infezioni batteriche secondarie
  • A volte anche infiammazione dell’orecchio medio o di quello interno (otite media o interna), encefalite (molto rara)

Non tutti i gatti mostrano gli stessi sintomi. In alcuni casi il cerume scuro è l’unico indizio.

È importante rivolgersi al veterinario

Gli acari del gatto sono difficilmente visibili a occhio nudo, anche perché si trovano nell’orecchio del tuo amico di zampa. Per questo è fondamentale che tu ti rivolga al tuo veterinario di fiducia, per una diagnosi certa. Con l’anamnesi e l’esame clinico il medico raccoglierà tutte le informazioni importanti.

Attraverso l’esame otoscopico, controllerà quindi le orecchie del tuo micio. L’otoscopio è uno strumento a forma di imbuto che, grazie ad una lente e ad una lampadina, permette al veterinario di ispezionare il condotto uditivo del tuo gatto.

A volte gli acari sono subito riconoscibili: si presentano come piccoli puntini che si muovono nell’orecchio. Se nel condotto uditivo c’è una massa scura simil-cerosa, il veterinario ne preleva un campione da analizzare al microscopio. In questo modo può confermare la diagnosi.

Il veterinario ispeziona il padiglione auricolare del gatto.

La terapia per debellare gli acari del gatto

Per aiutare il tuo gatto e liberarlo da questi ospiti indesiderati, inizia il trattamento farmacologico che ti ha consigliato il veterinario e adotta qualche precauzione. La terapia durerà almeno 3 settimane, così da eliminare gli acari in tutti gli stadi di sviluppo. Dovrai trattare anche eventuali altri felini che vivono con voi, per scongiurare che si contagino a vicenda.

Trattamento farmacologico

A seconda dell’entità dell’infestazione il veterinario ti prescriverà diversi farmaci o combinazioni di farmaci da somministrare al tuo micio. Tra questi ci saranno sicuramente:

  • Antiparassitari
  • Unguenti antinfiammatori
  • Gocce auricolari antibiotiche nel caso di un’infezione secondaria di natura batterica

Prima di somministrare qualsiasi farmaco nelle orecchie del tuo gatto, pulisci attentamente i suoi padiglioni auricolari con un panno umido o un detergente specifico, eliminando tutte le croste. In questo modo la terapia sarà ancora più efficace.

Qualche precauzione in più

Per aiutare il tuo pelosetto a riprendersi in fretta, disinfetta a fondo superfici e oggetti (per esempio la sua spazzola. Durante il trattamento con i farmaci che ti ha prescritto il veterinario, pulisci e cura giornalmente le orecchie del tuo gatto.

Il mio micio si riprenderà?

Gli acari del gatto sono fastidiosi ma curabili. La terapia dovrà durare almeno 3 settimane, per scongiurare il ritorno di parassiti recidivanti. Il prurito nella maggior parte dei casi scompare però già nel giro di pochi giorni.

Cosa provoca un’infestazione?

Gli acari nelle orecchie del gatto (Otodectes cynotis) sono responsabili della rogna auricolare. Questi aracnidi grandi circa 0,5 mm si attaccano con gli arti al condotto uditivo del micio nutrendosi delle cellule cutanee e delle secrezioni che trovano.

Le femmine depongono sulla cute del canale uditivo le uova, che nel giro di pochi giorni si schiudono e sviluppano diventando dapprima larve, quindi protoninfe e infine deutoninfe.)

Posso prevenire un’infestazione di acari del gatto?

Puoi contribuire a scongiurare il rischio che il tuo micio contragga questi ospiti indesiderati usando prodotti antiparassitari sotto forma di collari o prodotti spot-on. Detergi regolarmente anche tutto ciò che può essere ricettacolo di acari, a cominciare dal suo pettine e dalla spazzola, ma anche la cuccia e in generale i luoghi nei quali gli piace nascondersi o sonnecchiare.


Franziska G., Veterinaria
Profilbild von Tierärztin Franziska Gütgeman mit Hund

Mi sono laureata in Medicina Veterinaria all’Università Justus-Liebig di Gießen, in Germania, e ho maturato una vasta esperienza in diversi ambiti quali la medicina clinica per piccoli animali, la pratica veterinaria per animali di grossa taglia e per animali esotici, approfondendo le mie conoscenze in fatto di farmacologia, patologia e igiene alimentare. Da allora svolgo attività come autrice non solo di testi di argomento veterinario ma anche in quello che è l’ambito della mia dissertazione scientifica. Il mio obiettivo è quello di riuscire a proteggere meglio gli animali dagli agenti patogeni di tipo batterico. Oltre alle mie conoscenze mediche, mi piace condividere la mia felice esperienza di proprietaria di un cane: in questo modo posso comprendere da vicino e allo stesso tempo fare chiarezza sulle principali problematiche che riguardano la salute degli animali.


I nostri articoli più utili
3 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
10 min

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.
8 min

Il coronavirus nel gatto: tutto quello che c’è da sapere

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.