Determinare il sesso di un gattino

Gattino

Nei gattini le differenze tra le femmine e i maschi, a livello di genitali, sono meno evidenti rispetto a quanto lo siano nei gatti adulti. Può capitare che persino esperti come i veterinari sbaglino, quando si trovano a dover determinare il sesso di un gattino appena nato. Con questo articolo vogliamo spiegarti come si può capire se un cucciolo di gatto è maschio o femmina.

La zona da esaminare

Se vuoi determinare il sesso di uno o più gattini, per prima cosa devi assicurarti che le loro condizioni generali siano adeguate alle esigenze di animali molto giovani e sensibili. Prima di tutto, sincerati che il gattino di cui intendi ispezionare il tratto genitale si trovi in ​​un ambiente caldo e sicuro. I gattini molto giovani sono particolarmente sensibili al freddo. Per questo motivo nei primi giorni di vita dipendono dal calore della loro madre. Assicurati quindi che la persona che li accudisce offra ai suoi mici un ambiente caldo e confortevole. Fai in modo di esaminare l'area genitale del gattino in una zona della tua casa o dell’appartamento che abbia la giusta temperatura.

Gatto

Quanto a lungo posso tenere separato un gattino dalla sua mamma?

Non separare mai il gattino dalla madre per più di 5-10 minuti al massimo, poiché ciò potrebbe mettere a rischio la salute fisica e l’equilibrio psicologico del gattino. A questo punto solleva leggermente la coda del piccolino, il quale potrà reagire mostrando un po’ di fastidio perché in generale i gattini non amano che gli si tocchi la coda, e in modo particolare se lo si fa per esporre i loro genitali.

Come procedere con l‘esame visivo:

  • Se strofini delicatamente la base della coda del tuo micio, è probabile che la sollevi da solo, mostrando così l’area genitale.
  • Quando si cerca di determinare il sesso dei gattini, è necessario procedere con la massima cautela e sensibilità. Ti consigliamo quindi di accarezzare amorevolmente il tuo gattino prima di cominciare ad esaminarlo e di parlargli in modo rassicurante.
  • A questo punto adagia il micio su un asciugamano o su una analoga superficie morbida e calda, che risulti piacevole per il gattino.
  • Se noti che il gattino è molto riluttante a farsi ispezionare, dovresti rimetterlo al suo posto vicino alla madre e riprovare in un altro momento, se necessario.

La forma dei genitali nei maschi e nelle femmine

Se il gattino ti mostra la sua area genitale, vedrai due aperture una sopra l'altra. L'apertura superiore è l'ano mentre l'apertura inferiore sono i genitali. Se osservi più da vicino la forma dell'apertura inferiore, noterai che si tratta di una piccola fessura verticale o di un piccolo foro. Il primo potrebbe anche assomigliare ad una sorta di piccola "i" mentre il secondo ad una specie di due punti (":"). I piccoli gattini con genitali a forma di "i" sono femmine. Quelli invece i cui genitali ricordano il simbolo dei due punti (":") sono maschi. Nel vaso in cui la differenza non fosse così evidente, esiste un altro indicatore che può aiutare a capire il sesso di un gattino: nei maschi la distanza tra l'ano e l’orifizio del pene è maggiore di quanto non sia nelle femmine la distanza tra l'ano e la vulva.

Se poi riesci a distinguere una sorta di piccola protuberanza o sacca, con ogni probabilità si tratta dello scroto e quindi sei di fronte ad un maschio. In certe circostanze, tuttavia, i testicoli non sono ancora visibili, data la fase precoce di sviluppo del gatto: spesso infatti i testicoli dei gattini si trovano ritirati nel canale inguinale, rendendo difficile un loro riconoscimento visivo dall'esterno.

Cosa ha a che fare il colore del mantello con il genere?

Ci sono anche altri aspetti, completamente diversi, che possono fornire ulteriori indizi utili a determinare il sesso dei tuoi gattini. Ad esempio, non tutti sanno che il colore del mantello talvolta suggerisce il sesso del gatto. Un motivo a guscio di tartaruga, ad esempio, caratterizzato da zone rossicce e nere, è presente quasi esclusivamente nelle femmine. Si tratta infatti di un tratto genetico dominante legato al cromosoma X. Infatti entrambi gli alleli, quello del colore rosso e quello del nero, si trovano ciascuno su un cromosoma X.

Purizon
Gatti

Purizon Kitten Pollo & Pesce – senza cereali

  • 70 % di carne
  • Pesce & componenti animali pregiati
  • Senza cereali
  • Elevato contenuto di calcio e fosforo

Poiché le femmine hanno due cromosomi X mentre i maschi hanno un cromosoma X e un cromosoma Y, i maschi non possono avere questi due colori, tranne nel caso di un raro difetto genetico. Analogamente i gatti rossi sono maschi, con pochissime eccezioni, sempre a causa del loro corredo genetico.

Che sia maschio o femmina, di un bel rosso fulvo o di un grigio intenso, pezzato bianco e nero, tigrato, tartarugato o con qualsiasi combinazione di colori, noi di zooplus auguriamo tutto il meglio a te e al tuo adorato gattino.

Scopri l’incredibile assortimento del nostro Shop gattini e leggi anche l’articolo del magazine sul tema  Adottare un gattino: cosa ti serve e cosa devi sapere!

I nostri articoli più utili

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.

Le 6 fasi di crescita del gatto

Quanto a lungo crescono i gatti e quanto grandi diventano? Da un lato, dipende dal loro corredo genetico, dall'altro la crescita è influenzata anche da elementi esterni quali la nutrizione. Lo sviluppo del gatto si articola in sei fasi. Conoscendo questo processo, possiamo regalare ai nostri gattini un perfetto avvio verso una vita sana, e supportarli nel migliore dei modi nella loro fase adulta.

Sverminare il gatto

I vermi possono colpire i gattini piccoli relativamente spesso, e se non eliminati possono portare all'insorgere di gravi malattie. Per fortuna questi parassiti del gatto possono essere debellati in modo semplice una volta individuato il problema. La nostra “tigre da accarezzare”, come la definiva con affetto Victor Hugo, va sverminata per la prima volta dopo tre settimane dalla nascita del gatto, per poi ripetere il trattamento ogni tre o quattro settimane. Si tratta tuttavia di linee guida generali. Soltanto un veterinario può stabilire il ciclo di sverminazione del tuo gatto. I medicinali vermifughi vengono spesso somministrati anche nei rifugi per animali, dal momento che alcuni gattini vi giungono in condizioni molto gravi.