Piante tossiche e non tossiche per i gatti

Gatto

A volte capita di vedere un gatto aggirarsi tra le piante di un bel giardino curato. Guardando l’animale più da vicino, però, sembra essere impazzito. Cos’è successo? Le piante sono un importante alimento complementare per i nostri adorati felini di casa, ma alcune possono letteralmente intossicarli. Il fatto è che proprio queste ultime fioriscono particolarmente bene in giardino! Bisogna tener presente però che alcune piante sono tossiche o addirittura mortali per i nostri gatti. In questo articolo vogliamo presentarti le principali piante velenose e non velenose per i gatti.

Per quale motivo i gatti mangiano le piante?

Quando si prendono cura del loro mantello, i gatti finiscono con l’ingoiare molti dei peli leccati usando la loro speciale lingua ruvida. Nello stomaco, questi poi si mescolano con la saliva generando i cosiddetti boli di pelo. Ovviamente le razze a pelo lungo vi sono più soggette rispetto a quelle a pelo corto. Di solito i boli di pelo non riescono a passare attraverso l'intestino e devono quindi essere vomitati dall’animale. È proprio in questo senso che le piante non tossiche possono aiutare i gatti, perché le fibre presenti nelle erbe giovani e non tossiche funzionano da supporto nel processo di espulsione dei peli. In pratica, questo è il modo in cui il gatto pulisce il suo stomaco e previene indirettamente le ostruzioni intestinali.

Un gatto può quindi essere coccolato offrendogli cereali appena seminati, cipero o erba gatta già pronta da acquistare. In questo modo tieni anche i tuoi mici lontani dalle tue piante d'appartamento! Tuttavia esistono grandi differenze tra i diversi tipi di piante: innanzitutto occorre prestare attenzione ai bordi dei fili d’erba, che dovrebbero essere morbidi e non taglienti. Le erbe appuntite o taglienti, infatti, possono causare gravi lesioni alla cavità orale e alle mucose interne del gatto.

Ridurre la formazione dei boli di pelo

  • Pettine e spazzole

Molti proprietari trovano fastidioso che il loro gatto vomiti per poter espellere i boli di pelo. Puoi ridurre questo problema con una spazzolatura o pettinatura quotidiana. In alternativa si può utilizzare un guanto ruvido, specie con i gatti che rifiutano le spazzole. In questo modo i tuoi animali perderanno meno peli. Soprattutto gli esemplari delle razze a pelo lungo hanno bisogno dell'aiuto umano per prendersi cura della loro pelliccia, e questo elimina anche il problema dell’eccessiva perdita di peli.

  • Paste al malto

Un altro aiuto in tal senso è rappresentato dalle paste al malto: i grassi che le compongono facilitano il passaggio dei boli di pelo più piccoli attraverso il tratto gastrointestinale. Ciò consente al gatto di espellerli attraverso le feci invece di vomitarli. Offerta all’animale più volte alla settimana, la pasta di malto può sostituire l'erba gatta quasi completamente. Inoltre, di solito il suo sapore piace molto al micio, quasi fosse uno snack. L’aggiunta di minerali e di vitamine, infine, rende questi prodotti anche salutari. Le paste al malto abbinate ad una quotidiana spazzolatura dell’animale rappresentano una buona alternativa all'erba gatta.

Piante che non sono tossiche per i gatti

Erba gatta

Gatto

La pianta a cui quasi ogni gatto dedica così tanta attenzione contiene una sostanza che ha un effetto inebriante. L’erba gatta o catnip (il cui nome scientifico è nepeta cataria) è particolarmente popolare: i suoi effetti tonificanti rendono i gatti euforici e desiderosi di giocare. Tuttavia, ne esistono alcuni che semplicemente la ignorano. Non si è ancora riusciti a chiarirne la ragione. Bisogna dire comunque che i gatti a cui piace sono tentati di fare praticamente di tutto, quando c’è di mezzo l’erba gatta.

Un nuovo tiragraffi risulta sempre ben accetto. Anche i cuscinetti all’erba gatta sono molto amati dai nostri amici felini, e i graffiatoi ad angolo finiscono con il risultare noiosi rispetto ai tronchi in sisal su cui è stata strofinata dell’erba gatta.

Camedrio maro

Simile al catnip, anche il camedrio maro (il cui nome scientifico è teucrium marum - a destra) esercita un notevole fascino su alcuni gatti. Si tratta di una pianta che proviene dal Mediterraneo occidentale e può essere coltivata bene come pianta da vaso. Con il suo caratteristico fiore viola, tuttavia, questa bella pianta profuma al naso umano di etere, mentre i gatti impazziscono per il camedrio maro anche essiccato e ne restano letteralmente storditi.

Fiori

Piante non velenose per i gatti: valeriana

Valeriana

La valeriana (il cui nome scientifico è valeriana officinalis) è al terzo posto, tra le piante che riscuotono maggiore interesse tra i gatti e che non sono tossiche. Nota anche come radice dei gatti, ha tale fama per il fatto che i nostri felini domestici impazziscono letteralmente, con la valeriana. Rotolano a terra al caratteristico sentore di canfora di questa radice e sembrano gridare di piacere. Anche in questo caso, la ragione di tale comportamento non è ancora stata chiarita.

Altre piante innocue per i gatti:

  • falangio
  • ibisco
  • cipero
  • lavanda
  • melissa (melissa officinalis)
  • bambù
  • albero di giada (crassula ovata)

Piante tossiche per i gatti

In realtà i gatti sono riluttanti a mangiare le tre specie vegetali inebrianti che abbiamo appena illustrato. In linea generale, però, le varie tipologie di erba sono in cima al menu dei nostri felini domestici: servono per espellere i boli di pelo e quindi sono necessarie ai gatti. Molti proprietari hanno dovuto sacrificare le loro piante d'appartamento per amore dei loro coinquilini a quattro zampe. Va detto che di solito si tratta di quelle piante, velenose per gatti, la cui assunzione da parte dell’animale può portare a reazioni tossiche serie. Ecco perché è importante tenere in casa solo ed esclusivamente piante non tossiche per i gatti.

Esempi di piante da poco tossiche a molto tossiche per i gatti:

  • aloe
  • ciclamino
  • alcuni tipi di azalea
  • rosa di Natale
  • dieffenbachia
  • edera
  • spatafillo
  • felce
  • il succo del ficus e delle foglie dell’albero della gomma
  • giacinto
  • aglaonema
  • zafferano maggiore (crocus vernus)
  • oleandro
  • filodendro (monstera)
  • rododendro
  • tulipano
  • stella di Natale
  • calla (zantedeschia)

 

Scopri anche il nostro assortimento di alimenti specifici per ridurre la formazione dei boli di pelo!  

I nostri articoli più utili

Alimenti pericolosi per il gatto

Anche il noto zoologo ed etologo Paul Leyhausen, esperto del comportamento degli animali e autore di importanti pubblicazioni sul modo di comportarsi dei gatti, ha scoperto e sottolineato come i nostri amici felini non mangino solo ciò che è effettivamente buono per loro. Ecco perché è ancora più importante che chi vive con un gatto sia ben informato su quali fra gli alimenti comuni tra le persone possono rivelarsi dannosi per il suo amico peloso. Esiste infatti tutta una serie di alimenti che sono benefici per la salute delle persone ma che viceversa sono altamente tossici per il gatto.   Il seguente elenco non ha pretesa di essere esaustivo ma solo di fornire alcune informazioni utili.

Come alimentare i gatti diabetici

I gatti, così come gli esseri umani, possono soffrire di malattie genetiche o legate all'alimentazione. Alcuni necessitano di cure veterinarie, spesso in combinazione con un’alimentazione idonea. Il diabete è una delle malattie che prevede questa come trattamento. Il diabete felino, in gergo specifico diabete mellito, è una malattia da prendere sul serio. La sua diagnosi è spesso uno shock per il padrone dato che è molto probabile che non ne abbia mai sentito parlare, nonostante l’incidenza. Che cos’è il diabete felino, come viene diagnosticato, e quali sono i trattamenti veterinari da prendere in considerazione, correlati a un’alimentazione specifica?

Preparare in casa gli snack per gatti: facili, veloci e appetitosi!

Preparare in casa i “biscotti” per gatti non è affatto difficile. E i vantaggi sono diversi: cucinare è divertente, sai esattamente cosa c'è dentro quello che cucini e fai felice il tuo gattino con qualcosa di appetitoso. Con questo articolo vogliamo presentarti tre deliziose ricette per preparare a casa gli snack per i tuoi gatti!