Alimenti che il cane non può mangiare

Cane

Quali prodotti alimentari comuni tra le persone sono dannosi per i cani?

Esistono alimenti che i cani non possono effettivamente mangiare. Nonostante il fatto che, oggi come in passato, i cani vengano spesso utilizzati per “eliminare gli avanzi” della nostra cucina, è chiaro che bisognerebbe riservare alla loro ciotola soltanto alimenti di elevata qualità e specifici per cani. Un bocconcino goloso ogni tanto è ammesso, purché risulti salutare per la salute del cane. È innegabile che esistano prodotti alimentari comunemente consumati dagli esseri umani che risultano invece nocivi per i cani, quando non addirittura tossici o velenosi.  Per questo motivo, è importante che le persone che vivono con un cane conoscano molto bene quali alimenti e sostanze possono provocare danni anche seri al loro amico a quattro zampe.

Nel caso in cui, nonostante queste accortezze, il tuo cane mangiasse qualcosa che non avrebbe dovuto, ti consigliamo di recarti prontamente, insieme al cane, dal tuo medico veterinario di fiducia. Quest’ultimo ti domanderà a quando risale l’assunzione dell’alimento nocivo e in che quantità è stato assunto. Sulla base di questi elementi, il medico prescriverà la terapia più opportuna. Purtroppo ci sono casi in cui qualsiasi tipo di aiuto giunge troppo tardi o non è sufficiente per salvare il cane: per questo motivo, bisogna sempre fare attenzione ed evitare che il nostro amico di zampa assuma alimenti che non sono adatti ad un cane.

Allena la fermezza nei confronti dello “sguardo da cane bastonato” del tuo animale

Mostra fermezza quando il tuo cane fissa l’ambito bocconcino con lo sguardo pietoso! Ti suggeriamo di allenare la tua resistenza di fronte alle pressioni emotive del tuo amico di zampa. Allontana pensieri quali "Sicuramente gli piacerà quanto a me" e le frasi degli altri del tipo "Guarda come ti fissa!", che suonano come un invito ad offrire al cane ciò che mostra di desiderare! Quel che piace alle persone non è un fattore da considerare per stabilire cosa dare da mangiare ai cani e nemmeno ciò che piace ai cani di per sé lo è. Perché anche quello che un cane mangia volentieri potrebbe risultare dannoso o addirittura, nel peggiore dei casi, pericoloso per la sua stessa sopravvivenza.

Qui trovi un elenco di alimenti che i cani non possono mangiare, sebbene questa lista non possa definirsi esaustiva o completa, in quanto potrebbero esserci anche altri cibi o sostanze potenzialmente dannosi per il tuo amico a quattro zampe.

Generi alimentari che i cani non possono mangiare:

Verdure

Le verdure come il cavolo e in generale le crucifere generano nei cani una forte flatulenza e dovrebbero essere quindi assolutamente evitate.

Anche rafani e ravanelli causano flatulenza nei cani e possono provocare loro una sensazione di bruciore a livello dello stomaco

Bisogna prestare attenzione anche alle solanacee come pomodori, melanzane e peperoni, perché contengono solanina. I pomodori verdi e soprattutto le patate fortemente germinanti contengono un'alta concentrazione di questa tossina naturale. Per questo motivo le patate sono ammesse solo se cotte e private della pelle, in quanto la pelle delle patate, anche da cotta, contiene appunto un‘elevata quantità di solanina. I sintomi di avvelenamento da questa tossina includono irritazione della mucosa orale, diarrea e vomito.

Aglio e cipolle sono severamente vietati ai cani. Infatti la loro assunzione provoca la distruzione dei globuli rossi nei cani: anche una piccolissima quantità di aglio o di cipolla, vale a dire 5 g per kg di peso dell’animale, può risultare altamente tossica, indipendentemente dal fatto che questi alimenti vengano assunti freschi, fritti, cotti o essiccati.

Generi alimentari che i cani non possono mangiare: frutta

Per quanto riguarda la frutta, bisogna sempre tenere presente che può contenere un’alta percentuale di zuccheri. Tuttavia un piccolo morso di mela o di banana ogni tanto può andare bene, ammesso che al cane piaccia.

 

Gli avocado stanno riscuotendo un certo successo, nell’ambito dell’alimentazione, in virtù delle loro proprietà benefiche per la salute dell’uomo. Tuttavia, sono alimenti che i cani non possono mangiare. Alcuni avocado contengono la persina, una tossina fungicida derivata dagli acidi grassi, che è considerata innocua per l'uomo, ma che è tossica per quasi tutti gli animali domestici.

Quali sono i sintomi che possono manifestarsi in un cane che ha assunto dell’avocado?

Rientrano tra i sintomi di avvelenamento da persina il respiro corto, l’idropisia addominale (accumulo di liquidi nei tessuti a livello della cavità addominale), diarrea, vomito e tosse.

 

Anche l’uva, e specificamente l’uva passa e sultanina, va considerata nociva per i nostri amici cani. Fondamentalmente, tuttavia, i sintomi di avvelenamento possono verificarsi con un'assunzione di 10 g di uva per kg di peso corporeo del cane, o meno di 2,8 g di uva passa per kg. L'avvelenamento da uva può manifestarsi nel cane con sintomi quali vomito e/o diarrea, disturbi a livello del tratto gastrointestinale in generale, apatia, perdita dell’appetito, variazioni dei valori ematici, disidratazione, oliguria (insufficiente produzione di urina), anuria (assenza di produzione di urina) e insufficienza renale, fino alla possibile estrema conseguenza della morte dell’animale.

 

Anche gli agrumi dovrebbero essere esclusi dalla dieta del cane, perché l'eccessiva acidificazione che ne deriva può arrecare al cane .

Altri alimenti e prodotti alimentari che i cani non possono mangiare

Gli alimenti troppo grassi e piccanti non sono compatibili con la digestione del cane perché il loro metabolismo è diverso da quello umano. Nei cani questi alimenti possono causare diarrea o vomito.

Il sale è dannoso per i cani?

Di per sé il sale non è dannoso per i cani. Tuttavia la quantità gioca un ruolo fondamentale: se aumenta il livello di sale presente nel sangue dell’animale, si alza automaticamente la sua pressione sanguigna. Per questo bisogna prestare particolare attenzione all’alimentazione degli amici a quattro zampe più anziani, deboli e malati, per i quali l'aumento della pressione sanguigna rappresenta un grave rischio. A seguito di un eccessivo consumo di sale i reni del cane riportare danni seri.

Anche le noci - vale a dire noccioline, noci di macadamia, noci comuni e noci nere (juglans nigra) - non sono affatto adatte ad essere consumate dal cane. La loro assunzione da parte del nostro amico di zampa può avere conseguenze neurologiche quali tremori, crampi e convulsioni nervose.

 

Ovviamente anche le patatine sono un alimento che i cani non possono mangiare. Anche una piccola quantità, come una o due patatine, può causare problemi di stomaco al cane.

 

È noto come la cioccolata sia altamente tossica per i nostri amici a quattro zampe perché contiene teobromina. La percentuale di teobromina presente nel cioccolato varia a seconda della varietà: quello bianco contiene 0,009 mg di teobromina per grammo, il cioccolato fondente ne contiene fino a 26 mg per grammo. Di conseguenza, una barretta di cioccolato fondente contiene circa 1.600 mg (ossia 1,6 g) di teobromina. I segni di avvelenamento possono includere: difficoltà respiratoria, perdita di coscienza, diarrea, vomito, febbre, crampi e irregolarità del battito cardiaco.

 

Quando dai da mangiare al tuo cane del pesce, assicurati che non ci siano lische. Ma anche le proteine animali sono un potenziale fattore di rischio: per questo motivo dovresti sempre cucinare il pesce prima di darlo al tuo cane e non mettere pesce crudo nella sua ciotola.

Che cosa è tossico/velenoso per cani e cuccioli?

  • le solanacee
  • le cipolle
  • l’aglio
  • le noci di Macadamia
  • le noci comuni
  • l’uva e l’uvetta
  • l’avocado
  • la cioccolata

Che cosa rappresenta un rischio mortale per cani e cuccioli?

  • l’alcol
  • la carne cruda di maiale (rischio di contrarre il morbo di Aujeszky)
  • l’aspirina
  • le cipolle
  • l’uva e l’uvetta

 

Auguriamo a te e al tuo cane di rimanere sempre in ottima salute!

I nostri articoli più utili

Alimenti che il cane non può mangiare

Esistono alimenti che i cani non possono effettivamente mangiare. Nonostante il fatto che, oggi come in passato, i cani vengano spesso utilizzati per “eliminare gli avanzi” della nostra cucina, è chiaro che bisognerebbe riservare alla loro ciotola soltanto alimenti di elevata qualità e specifici per cani. Un bocconcino goloso ogni tanto è ammesso, purché risulti salutare per la salute del cane. È innegabile che esistano prodotti alimentari comunemente consumati dagli esseri umani che risultano invece nocivi per i cani, quando non addirittura tossici o velenosi.  Per questo motivo, è importante che le persone che vivono con un cane conoscano molto bene quali alimenti e sostanze possono provocare danni anche seri al loro amico a quattro zampe. Nel caso in cui, nonostante queste accortezze, il tuo cane mangiasse qualcosa che non avrebbe dovuto, ti consigliamo di recarti prontamente, insieme al cane, dal tuo medico veterinario di fiducia. Quest’ultimo ti domanderà a quando risale l’assunzione dell’alimento nocivo e in che quantità è stato assunto. Sulla base di questi elementi, il medico prescriverà la terapia più opportuna. Purtroppo ci sono casi in cui qualsiasi tipo di aiuto giunge troppo tardi o non è sufficiente per salvare il cane: per questo motivo, bisogna sempre fare attenzione ed evitare che il nostro amico di zampa assuma alimenti che non sono adatti ad un cane.

Biscotti per cani fatti in casa

Ovviamente acquistando gli snack già pronti nello Shop cani di zooplus si fa prima. Ma dopo un po’ non è così divertente. E poi ci sono tanti ottimi motivi per cui puoi decidere di preparare da solo i biscotti per il tuo cane. Con questo articolo te ne spieghiamo le ragioni e ti sveliamo come vengono cotti e conservati gli snack per cani, oltre a presentarti alcune deliziose e facili ricette che il tuo cane adorerà.

Alimenti pressati a freddo per cani: pro e contro

La maggior parte di noi ha familiarità con l’espressione “spremitura a freddo” riferita all’olio extravergine d’oliva, ma viene da chiedersi cosa si intenda esattamente con “pressato a freddo” quando si parla di alimenti secchi per cani. Con questo articolo vogliamo informarti circa la differenza tra questo tipo di crocchette e quelle tradizionali, oltre ad offrirti utili suggerimenti per aiutarti ad individuare la migliore alimentazione per il tuo cane.