Giochi di intelligenza per volatili

I giochi di intelligenza per volatili

Mangiare e dormire: in questo consiste la vita quotidiana di molti uccelli domestici

Mentre in natura la vita degli uccelli è molto varia, in gabbia parecchi conducono un’esistenza davvero monotona...e sono molti gli uccelli ornamentali, ma soprattutto i pappagalli, ad essere dotati di un’intelligenza vivace e a divertirsi mettendo in moto il cervello! Oltre alla compagnia dei loro simili, dovrebbe essere offerta loro la possibilità di vivere qualche momento davvero stimolante.

Oltre ai tipici giochi per volatili come le altalene, le corde per arrampicarsi, le palestre e i giochi in legno da becchettare, ci sono giochi per uccelli che li metteranno alla prova, dando loro la possibilità di scervellarsi: si tratta di giochi d’intelligenza, che risultano molto stimolanti per pappagalli e parrocchetti. Puoi scegliere di acquistarli oppure puoi optare per giochi “fai da te”: per esempio un rotolo di carta igienica con i buchi risulta essere un nascondiglio perfetto per il cibo! Ma anche i giochi di intelligenza per cani possono attirare l’attenzione e interessare il tuo amico di piuma: i pappagalli amano spremersi le meningi e impegnarsi per scovare poi piccole ricompense nascoste all’interno dei giochi! Ma dato che agli uccelli piace anche picchiettare sul materiale di cui il gioco è composto, occorre assicurarsi che il legno non sia trattato e sia atossico.
Se il loro padroncino è nella giusta disposizione di spirito, questi giochi di intelligenza possono diventare piacevoli “giochi di società” che uomo e piumato possono fare insieme.

Nel nostro shop troverai tanti altri accessori per uccelli: voliere, beverini e tanto altro per renderlo felice!

Prodotti consigliati

Articoli più letti

Sverminare il gatto

I vermi possono colpire i gattini piccoli relativamente spesso, e se non eliminati possono portare all'insorgere di gravi malattie. Per fortuna questi parassiti del gatto possono essere debellati in modo semplice una volta individuato il problema. La nostra “tigre da accarezzare”, come la definiva con affetto Victor Hugo, va sverminata per la prima volta dopo tre settimane dalla nascita del gatto, per poi ripetere il trattamento ogni tre o quattro settimane. Si tratta tuttavia di linee guida generali. Soltanto un veterinario può stabilire il ciclo di sverminazione del tuo gatto. I medicinali vermifughi vengono spesso somministrati anche nei rifugi per animali, dal momento che alcuni gattini vi giungono in condizioni molto gravi.

La castrazione del gatto

I padroni sono spesso dubbiosi quando si tratta di profilassi e castrazione per il proprio gatto. Una castrazione precoce sembra essere essenziale però quando si tratta di gatti senza un padrone o di gattili strapieni. Faccio qualcosa di sbagliato al mio gatto quando gli impedisco di avere una prole? Quand’è il periodo idoneo per la castrazione? Come si differenzia una sterilizzazione da una castrazione? E quand’è il periodo giusto per l’intervento?

Il raffreddore nei gatti

Il tempo freddo e umido, il fango e le frequenti variazioni di temperatura tipici del periodo autunnale e invernale mettono a dura prova il sistema immunitario di persone e animali. Per questo chi vive con un gatto ha probabilmente già fatto esperienza con il raffreddore del suo felino domestico.