03 maggio 2018

Determinare il sesso nei pappagalli e nei parrocchetti

Femmina o maschio?

Nell'allevamento e la cura di pappagalli e parrocchetti, la determinazione del sesso di questi animali ha un'importanza fondamentale, poiché per riprodurre delle condizioni di vita simili a quelle del loro habitat naturale questi uccelli andrebbero proprio adottati in coppia (maschio e femmina).

Come si riconosce il sesso?

Non è facile capire se nella propria gabbia vive una coppia di uccellini innamorati, perché la maggior parte di queste oltre 330 specie di pappagalli e parrocchetti è monomorfa, ossia gli animali non presentano alcuna chiara caratteristica che consente di distinguere i maschi dalle femmine. Perciò i proprietari o gli allevatori cercano di riconoscere il sesso di questi uccelli da elementi secondari come la dimensione, alcune specifiche parti del corpo, il colore e il comportamento. Spesso il risultato di questi sforzi è tuttavia una lunghissima attesa prima di ottenere una covata.

Chi desidera scoprire in modo affidabile il sesso del proprio uccellino deve ricorrere ai due metodi seguenti: il primo consiste in una determinazione del sesso tramite endoscopia che permette di osservare gli organi riproduttivi, il secondo in un'analisi genetica del DNA condotta sul sangue o sulle piume.

Determinazione genetica del sesso

La determinazione genetica è consigliata ai privati che hanno un solo uccellino e vogliono semplicemente conoscerne il sesso, ma non hanno intenzione di mettere su un allevamento, oppure per gli allevatori che hanno bisogno di sapere il sesso degli uccelli già quando questi nidificano per la pianificazione dell'allevamento. Gli svantaggi di questo metodo consistono nelle molteplici possibilità di manipolazione da parte del committente e la sua scarsa forza probatoria. Perciò non viene usato di frequente da chi invece deve vendere i volatili.

Determinazione endoscopica del sesso

Un'analisi approfondita esterna e interna, condotta da un veterinario specializzato e neutrale garantisce la massima obiettività nella valutazione della qualità, delle condizioni di allevamento e dello stato di salute generale del volatile. Questi sono i principali vantaggi dell’analisi endoscopica.

Il metodo endoscopico ha poi un altro beneficio: i risultati comunicano anche lo stato di salute degli organi interni dell'animale. Spesso chi ha un pappagallo o un parrocchetto si meraviglia del fatto che quest'esame riveli che il proprio animale soffre d'infiammazione ai sacchi aeriferi, di micosi, ingrossamento o riduzione del fegato, o di un disturbo ereditario del metabolismo. Proprio a causa delle numerose informazioni diagnostiche fornite da questo metodo relativamente poco complicato, in genere si consiglia a tutti i padroni di pappagalli e parrocchetti di sottoporre a endoscopia il proprio animale almeno una volta nel corso della vita.

 

Articolo di Heike Mundt, allevatrice e commerciante di pappagalli. Dal 1988 la sua attività vende solamente animali nati nel suo allevamento.

Articoli più letti

Il periodo della muta degli uccelli

Come l’uomo d’inverno indossa abiti invernali, pesanti e caldi, e d’estate tira fuori dall’armadio i vestiti estivi leggeri e freschi, così anche gli uccelli cambiano il loro piumaggio. Ma purtroppo questo cambiamento spesso non è così semplice come il nostro cambio dell’armadio… 
Per gli uccelli la muta è molto gravosa: mentre abbandonano le piume vecchie, parallelamente devono svilupparne di nuove. Durante la muta molti uccelli hanno un aspetto arruffato e acciaccato, e le risorse accumulate prima della muta non sempre sono sufficienti per la creazione di un piumaggio completamente nuovo. Quindi non soltanto gli uccelli anziani e malati, ma tutti i volatili dovrebbero essere supportati in modo mirato durante la muta! 

Determinare il sesso nei pappagalli e nei parrocchetti

Nell'allevamento e la cura di pappagalli e parrocchetti, la determinazione del sesso di questi animali ha un'importanza fondamentale, poiché per riprodurre delle condizioni di vita simili a quelle del loro habitat naturale questi uccelli andrebbero proprio adottati in coppia (maschio e femmina).

La nefrite negli uccelli

Spesso quando si riconosce una nefrite in volatili come i pappagalli, le cocorite e i canarini è già troppo tardi per riuscire a curarla. Questo perché per una persona inesperta i sintomi di una nefrite non sono immediatamente riconducibili a questa patologia.