Come scegliere la lettiera per il gatto

Scegliere la lettiera per il gatto

Se ti stai chiedendo “come scegliere la lettiera per il gatto”, allora sei nel posto giusto. Tutto quello che devi fare è metterti comodo e leggere i nostri preziosi consigli . Quali sono le cose che devi assolutamente sapere? Iniziamo con una doverosa premessa: affinché il tuo micio si senta a suo agio con l’utilizzo della toilette per gatti, è necessario avere l’attrezzatura di base della lettiera. In questo articolo imparerai qualcosa in più sulle diverse tipologie di lettiere per gatti, i loro punti di forza e gli aspetti critici che devi tenere in considerazione.

Perché scegliere la lettiera per il gatto è importante?

Per prima cosa è fondamentale capire perché scegliere la lettiera per il gatto sia così importante. Se vive all’aria aperta, il gatto scava con le zampe una sorta di buca nella terra o nella sabbia, si accovaccia su questa cavità per fare i suoi bisognini, dopodiché li annusa per poi seppellirli. La lettiera, grazie alla sua consistenza, incoraggia questo tipo di comportamento innato nel gatto.

Quali sono le tipologie e le caratteristiche delle lettiere?

Lettiere minerali – non agglomeranti

La lettiera in silicio non agglomerante è il primo tipo di lettiera comparsa in commercio molti anni fa, la prima volta nel 1947: fino ad allora per lo più si utilizzava la sabbia come prima versione. Questo tipo di lettiera, a base minerale, è composto appunto da minerali argillosi: è caratterizzato dal fatto che assorbe bene i liquidi, anche se l’urina rimane nella toilette insieme ai granuli sabbiosi e solo le feci del gatto possono essere rimosse.

Quindi questo tipo di lettiera deve essere cambiato frequentemente. Un altro problema della lettiera minerale è che si crea un po’ di polvere, quando il gatto scava con le zampe. Proprio la polvere può costituire un problema per i gatti delicati con problemi respiratori. In questo caso è importante acquistare un prodotto a basso residuo di polvere.

Vantaggi

  • Materiale simile a sabbia o terra
  • Assorbe l’umidità
  • Facile da reperire

Svantaggi

  • Crea polvere
  • È necessario cambiarla spesso

Lettiere minerali – agglomeranti

Le classiche lettiere agglomeranti sono costituite anch’esse da materiali minerali. Infatti sono realizzate con la bentonite, un tipo di materiale argilloso che si scioglie a contatto con i liquidi. In questo modo l’urina del gatto viene inglobata e può essere rimossa con la paletta. La toilette emana meno odore perché si possono facilmente rimuovere di volta in volta le parti di lettiera utilizzate.

In commercio esistono diverse consistenze e tipologie di lettiera agglomerante, con granulometrie diverse, ad esempio, o con l’aggiunta di carbone attivo o profumi. Questo tipo di lettiera può essere utilizzata più a lungo, fino a quando non è necessario un cambio completo: tuttavia, anche in questo caso vi è presenza di polvere, il che può portare a problemi respiratori nei gatti sensibili. Ecco perché è necessario scegliere un prodotto a basso residuo di polvere al momento dell’acquisto.

Vantaggi

  • Materiale simile a sabbia o terra
  • Assorbe l’umidità
  • Si agglomera a contatto con l’urina
  • Le parti agglomerate possono essere rimosse
  • Minore presenza di odori
  • Economica in termini di consumo
  • Facile da reperire

Svantaggi

  • Crea polvere
  • Se di scarsa qualità, può incollarsi al fondo della toilette
Scegliere la lettiera per il gatto

Lettiere al silicio

Il componente base delle lettiere al silicio è il gel di silicio, materiale per altro contenuto anche all’interno di quei piccoli sacchetti che troviamo quando ci vengono spediti apparecchi elettronici o simili, al fine di proteggere la merce dall’umidità. Questo perché il gel al silicio assorbe l’umidità e quindi anche le lettiere di silicato assorbono bene il liquido.

Ma qual è la sua particolarità?  Le sostanze ad alta intensità di odore vengono assorbite, ma il liquido può nuovamente evaporare. Pertanto, la lettiera per gatti rimane asciutta e non ha odore, anche se l’urina rimane nella lettiera, non potendo essere rimossa. Rispetto alle lettiere minerali, quella di silicio rilascia un basso contenuto di polvere. Tuttavia, molti gatti hanno bisogno di un po’ di tempo per abituarsi a questa consistenza insolita. Le perle sono piuttosto dure e quando raschiano producono un fruscio insolito.

Poiché i gatti in natura preferiscono superfici come sabbia o terra per fare i loro bisogni, questo tipo di lettiera va incontro solo in parte alle preferenze naturali del gatto, quindi non tutti i felini potrebbero accettarla.

Vantaggi

  • Produce poca polvere
  • Vantaggiosa in termini di consumo
  • Buon assorbimento degli odori
  • Peso non elevato

Svantaggi

  • Produce un fruscio sgradevole
  • Consistenza non sempre gradita

Lettiere vegetali

Se vuoi scegliere una lettiera per il gatto che rispetti il pianeta, allora le lettiere vegetali  sono quello che fanno al caso tua. Sono  completamente a prova di ambiente. Perché? Sono realizzate con risorse rinnovabili e quindi sono al 100% biodegradabili. Infatti vengono utilizzati materiali naturali come fibre vegetali, legno o chicchi di mais. La lettiera vegetale è biodegradabile e compostabile. Molte varietà possono anche essere facilmente smaltite attraverso il WC, poiché si dissolvono come carta igienica nell’acqua e non causano problemi all’impianto di trattamento delle acque reflue. La lettiera per gatti a base vegetale è disponibile in versione agglomerante o non agglomerante assorbente. Poiché i rifiuti vegetali spesso sono costituiti da residui industriali, possono contenere additivi come la colla.

Vantaggi

  • Biodegradabile
  • Compostabile
  • Blocca gli odori
  • Produce poca polvere
  • Spesso può essere smaltita nel WC

Svantaggi

  • Può contenere colla o altri additivi

Quali sono gli accessori utili per la lettiera?

Affinché la lettiera possa rimanere sempre pulita, hai bisogno di una paletta igienica. Per scegliere quella giusta devi considerare le dimensioni dei sassolini della sabbiera, che non devono poter passare attraverso le fessure e i buchi della paletta. Nel nostro negozio per animali trovi un’ampia scelta di palette igieniche. Per tenere lontani gli odori esistono anche pratici sistemi di smaltimento per la lettiera. In questo modo si elimina la fastidiosa rimozione giornaliera delle feci dalla lettiera, senza che questa risulti avere un odore sgradevole. Per combattere i cattivi odori esistono anche diversi deodoranti per lettiera, che vanno appunto mischiati alla lettiera per gatti.

Bene, ora che ti abbiamo aiutato a comprendere le differenze tra un lettiera e l’altra, ricordati sempre che alla fine sarà il tuo miciotto a decidere se accettarla o meno. Ma siamo certi che dopo aver letto la nostra piccola guida sarai senz’altro in grado di scegliere la lettiera per il gatto più giusta alle esigenze del tuo amico di zampa.

Proposte d’acquisto dalla redazione di zooplus

I prodotti selezionati nel box sono proposte effettuate dalla redazione, alimenti e accessori che puoi trovare nel negozio online per animali di zooplus e non costituiscono advertising da parte dei brand citati.

I nostri articoli più utili
6 min

Quando il gatto ti vuole bene: 5 segnali per capirlo

Un rapporto sereno e armonioso con il tuo gatto si fonda sull'affetto. Ma come lo si crea e soprattutto come dimostrano il proprio amore i nostri amici felini? I gatti sono considerati creature indipendenti e difficili da interpretare, ma questi 5 comportamenti ti dicono se e quanto il gatto ti vuole bene.
9 min

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.
9 min

Eutanasia del gatto: quando arriva il momento di lasciarlo andare

Nel momento in cui il gatto è gravemente malato, ad un certo punto sorge per forza di cose la domanda: è il momento di risparmiargli questa sofferenza? Decidere se far addormentare il proprio gatto che soffre è qualcosa di molto difficile da affrontare. Da un lato, non puoi restare indifferente di fronte alla sofferenza del tuo micione. Dall'altro lato c'è la paura della perdita: fatichi persino ad immaginare le tue giornate senza il tuo amato compagno di una vita. Peggio ancora se in famiglia ci sono anche altri animali: come faranno a gestire questa perdita?

Quello che conta è il benessere del gatto

Per quanto difficile possa essere, la cosa migliore che puoi fare è mettere da parte i tuoi sentimenti e concentrarti sull’unica cosa importante in questo momento: il benessere del tuo gatto. Sei responsabile per lui, che dipende in tutto e per tutto dalle tue cure, soprattutto in questi suoi ultimi giorni di vita. Purtroppo non ci sono regole né tabelle che ci facciano capire con esattezza quale sia la qualità di vita accettabile per un gatto. Tutto dipende dalla situazione e dalle caratteristiche individuali. Un micetto con una mente calma e un carattere resiliente potrebbe essere in grado di affrontare abbastanza bene persino una paralisi e le restrizioni di movimento dovute a questa infermità. Anche i gattini ciechi possono condurre una vita felice. D'altra parte, i nostri amici felini sono veri e propri maestri nel nascondere il dolore, quando soffrono. Sono capaci di “far finta di niente” per molto tempo: per questo non è affatto facile capire quanto stia davvero soffrendo un gatto e quando sia il momento giusto lasciarlo andare. Ecco quali sono i segnali che possono significare che il tuo gatto prova forte dolore:
  • ci mette molto tempo a mangiare e mangia pochissimo oppure quasi per niente
  • si ritrae quando ti avvicini e in generale sembra apatico
  • determinate situazioni e contatti fisici lo fanno reagire in maniera aggressiva
È chiaro che il dolore in sé non è certo un motivo valido per porre fine alla vita del tuo micetto. L'eutanasia del gatto è un’opzione sensata se e solo se non ci sono più possibilità di trattare il dolore o la malattia del tuo pelosetto così da concedergli una qualità di vita accettabile.

Parla con il tuo veterinario di fiducia