Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto!

zooplus utilizza i cookies per garantire il funzionamento corretto del sito, per personalizzare i contenuti e la pubblicità e per analizzare i nostri dati di traffico. Informiamo anche i nostri partner coinvolti in analisi e pubblicità sul tuo utilizzo del nostro sito. Continuando la navigazione nel sito, esprimi il tuo consenso all’uso dei cookies. Accetto i cookies

App zooplus

Scarica
Consegna gratuita già con 35€ di spesa**

Ambiente e alimentazione

Chi sono gli antenati selvatici dei nostri cincillà? Che età raggiunge un cincillà? Tutto ciò che c’è da sapere sui cincillà!

Classificazione e origine:
I cincillà sono originari delle Ande del Sud America, più precisamente del Perù, del Cile, della Bolivia e dell’Argentina fino a un’altitudine di 500 m slm. Questi roditori di taglia medio – grande sono molto simili ai porcellini d’India e ai degu, ma costituiscono una famiglia a sé stante.
Alla conquista del Sud America vennero portati in Europa in virtù della loro pelliccia. Soltanto negli ultimi decenni si sono affermati come animali domestici.

Fisiologia:

  • aspettativa di vita: 15 – 22 anni
  • peso: 400 - 1000 g
  • maturità sessuale: femmine a partire dal sesto – ottavo mese, maschi dal quarto – quinto mese.

Ambiente:
L’habitat naturale dei cincillà è costituito dai territori delle Ande sudamericane del Perù, del Cile, della Bolivia e dell’Argentina a un’altezza massima sul livello del mare di 5000 m. Qui vivono in branchi in rifugi quali cavità e crepacci nella roccia. Le loro zampe non consentono loro di scavare da soli le proprie tane. Il pelo del cincillà è un vero e proprio capolavoro della natura, motivo per cui spesso questi animali sono stati impiegati come animali da pelliccia e lo sono tuttora. 60 singoli peli crescono da un’unica radice, il che rende questi animali molto resistenti al freddo. La temperatura ambientale ideale per i cincillà è di 18-21 °C. Non tollerano invece molto bene le temperature elevate. Così nei mesi estivi sono attivi soltanto nelle ore serali. Inoltre il pelo serve loro come difesa. Staccanrazioni ciuffi di pelo, spesso i cincillà che vivono allo stato brado, riescono a sfuggire ai propri nemici. Infatti l‘assalitore si ritrova a lottare con i peli fini del cincillà che gli incollano bocca e lingua e si infilano nel naso e nella gola, provocando tosse e starnuti Ma anche le zampette del grazioso animaletto sono un po‘ speciali rispetto a quelle degli altri roditori. Non sono dotate di artigli, ma di unghie, che gli consentono di afferrare meglio il mangime.

Alimentazione:
A causa dell'ambiente naturale molto arido la dieta dei cincillà è costituita prevalentemente da foglie, rami, erbe, erbette aromatiche e semi. Molto raramente si nutrono di frutti, anche perchè i cincillà possono assimilare soltanto piccole quantità di zucchero.
I cincillà hanno un apparato digerente molto delicato. Il loro stomaco ha le pareti sottili e quindi gonfia frequentemente in modo del tutto innocuo. Il lungo intestino dei cincillà ha movimenti peristaltici molto limitati e il trasporto del mangime attraverso l’intestino avviene grazie al mangime che, sopraggiungendo costantemente, consente al nutrimento in poltiglia di essere spinto avanti. Perciò i cincillà devono sempre disporre di mangime (ottimali sono il fieno e le erbe). Dato che i denti del cincillà (molari e incisivi) crescono costantemente per tutta la vita dell‘animale, essi necessitano di usura costante, per non assumere posizioni errate. A questo scopo sono perfettamente adatti i componenti alimentari a fibre lunghe, principalmente il fieno (non troppo morbido), ma anche le erbette aromatiche e i bastoncini di legno. La digestione dei cincillà avviene nell’intestino crasso, quindi la flora batterica responsabile della scomposizione dei nutrienti, si trova nell’intestino crasso. Nell’intestino cieco i cincillà producono da soli la maggior parte delle vitamine. I cincillà mangiano regolarmente le proprie feci, garantendo così che un animale sano e alimentato correttamente non necessiti di alcun integratore vitaminico.
Nutri il tuo cincillà principalmente con fieno, che l’animale deve sempre avere a disposizione, ma che deve essere integrato con erbette aromatiche, fiori e foglie diverse, ricche di vitamine, minerali e proteine. Inoltre al cincillà può essere somministrato anche un mangime completo pregiato, possibilmente privo di cereali.

Razioni consigliate:

  • fieno a disposizione dell’animale quotidianamente in grandi quantità
  • erbette aromatiche ogni giorno
  • mangime secco: facoltativamente un cucchiaio per animale al giorno

E’ meglio evitare verdura, frutta e foraggio verde, perché possono causare diarrea a molti animali. Se vuoi assolutamente somministrare mangime fresco al tuo cincillà, si consigliano carote, finocchi o altri tuberi in piccole quantità.

Carattere: I cincillà sono roditori molto intelligenti. Hanno l’aspettativa di vita più alta tra tutti i piccoli animali domestici, cosicchè è molto facile affezionarsi a loro. Tuttavia sono molto indicati soprattutto per gli adulti o per i bambini non piccolissimi , dato che hanno uno scheletro molto delicato e non amano giocare o essere coccolati spesso.

Prezzo IVA incl. Spedizione