Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto!

zooplus utilizza i cookies per garantire il funzionamento corretto del sito, per personalizzare i contenuti e la pubblicità e per analizzare i nostri dati di traffico. Informiamo anche i nostri partner coinvolti in analisi e pubblicità sul tuo utilizzo del nostro sito. Continuando la navigazione nel sito, esprimi il tuo consenso all’uso dei cookies. Accetto i cookies

App zooplus

Scarica
Consegna gratuita già con 35€ di spesa**

Ambiente e alimentazione

Chi sono gli antenati selvatici dei porcellini d’India? Che età raggiunge un porcellino d’India? Qui trovi tutto ciò che devi sapere sul tuo porcellino d’India!

Classificazione e origine:
I nostri porcellini d’India sono originari del Centro e Sud America. I porcellini d’India presenti in quelle regioni vivono in cavità, il che ha fatto sì che assumessero il nome latino "Cavia aperea" (Cave = cavità, Aper = cinghiale) . Tuttavia non scavano da soli queste cavità e non vivono sottoterra, ma preferiscono invece soggiornare nella folta boscaglia. Questi animali molto attivi al crepuscolo impiegano la maggior parte delle ore del mattino e della sera per nutrirsi. A differenza di molti altri animali, i porcellini d’India non marcano il territorio con l’urina e le feci, ma con le ghiandole odorifere, perché tra l’altro non sono neanche in grado di defecare intenzionalmente.
I primi ad addomesticare i porcellini d’India furono gli Inca, che li utilizzavano come mangime e come offerta sacrificale per gli dei. Nel XVI secolo, quando venne scoperto il Sud America, arrivarono in Europa.

Fisiologia:

  • aspettativa di vita: 5 - 8 anni
  • peso: femmine 700 - 1200 g, maschi 800 - 1600 g
  • maturità sessuale: a partire dal ventottesimo – trentacinquesimo giorno di vita.

Comportamento sociale:
I porcellini d’India selvatici vivono in grandi gruppi. Quindi per l’allevamento domestico è necessario tenere l’animale almeno con un suo simile, meglio con più di uno (almeno 4); l’ideale sarebbe un maschio con diverse femmine. Insieme esploreranno l’ambiente e comunicheranno, insomma faranno un po’ tutto. Tuttavia i porcellini d’India non sono animali che amano le coccole; infatti tra loro mantengono un certo distacco e si dedicano soltanto raramente all’igiene reciproca.

Alimentazione:
I porcellini d’India selvatici che vivono nelle aride regioni delle Ande si nutrono prevalentemente di erbe, erbette aromatiche, piante verdi e di foglie, bucce, rami e radici.
Anche i porcellini d’India domestici hanno un apparato digerente adatto per questo tipo di mangimi. Lo stomaco ha le pareti sottili ed è quindi soggetto a gonfiori innocui. Il lungo intestino ha soltanto pochi movimenti peristaltici e il transito del mangime attraverso l’intestino avviene grazie al fatto che arriva continuamente mangime nuovo e quindi la pappa viene spinta avanti. Questo è il motivo per cui il porcellino d’India deve avere sempre mangime a disposizione (preferibilmente fieno o erba).
Dato che i denti dei porcellini d’India (incisivi e molari) crescono costantemente per tutta la loro vita, (ca. 2 mm alla settimana), devono essere sottoposti ad un’usura costante. A questo scopo sono ideali i componenti del mangime a fibra lunga, il fieno non troppo morbido, le erbette aromatiche e i legnetti da masticare.
La digestione dei porcellini d’India avviene nell’intestino crasso, dove la flora batterica si occupa della scissione dei nutrienti. Nell’intestino cieco viene autonomamente prodotta la maggior parte delle vitamine. Le feci dell’intestino cieco vengono regolarmente mangiate dai porcellini d’India quindi un porcellino d’India nutrito correttamente e in modo sano ha bisogno di ben poche vitamine supplementari. Fa eccezione la vitamina C, che i porcellini d’India devono assumere dall’esterno . Questo è possibile in forma di foglie, di verdure ricche di vitamina C come il peperone o di gocce vitaminiche (10 - 20 mg di vitamina C al giorno).

Somministrazione del mangime:
La maggior parte del mangime è costituita da fieno, che deve essere sempre disponibile e che va integrato con erbe, fiori, foglie ricchi di vitamine, minerali e proteine. Inoltre ai porcellini d’India può anche essere somministrato un mangime completo di qualità, meglio se privo di cereali. Invece gli mangimi completi contenenti cereali vanno somministrati agli animali troppo magri o agli animali con un elevato fabbisogno energetico (riproduzione, vita all’aperto) e non sono adatti per gli animali con la digestione difficile. Inoltre in caso di fabbisogno elevato di vitamina C, vanno somministrati loro preparati vitaminici idonei da aggiungere all’acqua da bere.
L’alimentazione dei porcellini d’India deve comprendere il foraggio verde che sostituisce l’erba che normalmente mangiano i porcellini d’India selvatici e che è ricca di fibre e di liquidi. Occorre evitare però le erbe che gonfiano, come il cavolo.
Gli mangimi molto ricchi di calcio somministrati in grandi quantità a porcellini d’India predisposti possono provocare calcoli vescicali; perciò occorre somministrare le piante ad alto contenuto di calcio solo in forma disidratata e in piccole quantità: tra queste l’erba medica e il prezzemolo. In questi casi vanno evitate anche le pietre minerali. L’acqua deve essere sempre disponibile in un beverino oppure, per gli animali che bevono poco, in una ciotola extra.

Razioni consigliate:

  • fieno disponibile in grandi quantità ogni giorno
  • erbette aromatiche: 20 g/kg peso
  • mangime fresco / foraggio verde: ca. 100 g/kg peso
  • mangime secco: a scelta 1 cucchiaio/kg di peso, per esigenze specifiche (riproduzione, vita all’aperto) anche di più
  • Se il pelo è opaco o ispido, somministrare noci o semi di girasole in quantità limitate
  • E’ consentito somministrare snack, cracker e simili, ma sempre in quantità limitate
  • Acqua da bere: 10 ml/100 g di peso, cioè per un porcellino d’India di peso medio, 100 -120 ml/giorno

Carattere: i porcellini d’India sono piccolo animali di poche pretese con un’aspettativa di vita abbastanza elevata. Sono piuttosto pacifici e preferiscono nascondersi piuttosto che mordersi o graffiare; perciò sono adatti per i bambini, anche se non amano molto essere coccolati e accarezzati.

Prezzo IVA incl. Spedizione