Il mio gatto è troppo grasso?

gatto obeso

Se è vero che purtroppo, nel mondo, le persone tendono a diventare sempre più grasse, altrettanto lo è per i gatti, che sempre più spesso soffrono di sovrappeso. Per il gatto, che di natura, da buon cacciatore, sarebbe agile e amante del movimento, questa condizione si rivela altrettanto pericolosa di quanto lo è per noi. Troppo grasso sulle costole crea problemi alle articolazioni del gatto, il suo metabolismo ne risulta disturbato ed ecco che inizia il circolo vizioso. Se il tuo gatto è troppo grasso, si muoverà malvolentieri e continuerà a mettere su peso. Ma come è articolato un programma dietetico per gatti in sovrappeso?

Da cosa ha origine il sovrappeso nei gatti?

Nel corso dei millenni la vita dei nostri gatti è molto cambiata. Tanto i gatti selvatici quanto quelli domestici si procurano da sé il loro cibo e sono in movimento tutto il giorno. Tuttavia i gatti che vivono in appartamento spesso non hanno gli stimoli giusti che li spingano a muoversi a sufficienza. A questo si aggiunge il fatto che i gatti di oggi hanno facile accesso ad alimenti nutrienti, spesso in abbondanza. Ad esempio, molti proprietari di gatti lasciano le crocchette a disposizione dei loro animali tutto il giorno, in aggiunta alle porzioni quotidiane di alimenti umidi. Non sorprende che molti gatti siano in sovrappeso!

Come capisco se il mio gatto è troppo grasso?

Per orientarti puoi utilizzare questa regola empirica:

quando il gatto è fortemente sottopeso, è possibile vedergli le costole, le vertebre e le ossa del bacino ad occhio nudo. Visto da sopra, il gatto mostra fianchi forti. È facile sentirgli al tatto le costole e le vertebre e, visto dall’alto, un gatto molto magro presenta una vita stretta. Quando un gatto è normopeso puoi sentirgli al tatto le costole ma non puoi vederle.

Al contrario, quando un gatto è in sovrappeso ha le costole ricoperte da uno spesso strato di grasso. Quest’ultimo circonda la pancia arrotondata dell’animale muovendosi quando il gatto cammina, mentre i fianchi dell’animale si scorgono appena. Se poi siamo in presenza di un forte sovrappeso, al tatto le costole si percepiscono a stento. Il giro vita è nascosto da uno strato adiposo che rende rotondi anche i fianchi e il muso dell’animale. Il gatto diventa goffo, fatica a muoversi, dorme molto e probabilmente mangia ancora di più, in un vero e proprio circolo vizioso.

A quel punto è veramente il momento di agire! Se il tuo gatto è troppo grasso, il suo corpo è pesantemente affaticato dal sovrappeso. Il primo passo da compiere è fare in modo che il tuo amico peloso faccia più movimento. Gioca con il tuo gatto e vivacizza le sue giornate con un tiragraffi ad albero, una cannetta o magari un bel gioco di movimento. A proposito: nel nostro shop online zooplus trovi un’incredibile varietà di giochi per gatti!

Gatto grasso

La dieta giusta per il tuo gatto

Affinché il tuo gatto perda peso in modo sano e controllato, l’approccio incentrato sul movimento dovrebbe procedere di pari passo con una concezione nutrizionale adeguata. Tuttavia, è importante usare molta cautela. I gatti infatti sono molto reattivi rispetto alle loro riserve di grasso perse spontaneamente. Se il gatto non mangia a sufficienza convoglia i lipidi nel fegato: una radicale perdita di grasso può portare a lipidosi epatica (fegato grasso), una patologia diffusa ma alquanto pericolosa. Se il tuo gatto è troppo grasso ha bisogno certamente di un inferiore apporto calorico ma anche di vitamine e di sali minerali quanto un gatto attivo. Una soluzione più appropriata consiste quindi nello scegliere alimenti specifici per gatti in sovrappeso, in grado di supportarlo delicatamente in questo processo di dimagrimento progressivo senza rischiare di danneggiare la sua salute.

Quali alimenti dovrei dare al mio gatto, se capisco che è in sovrappeso?

Ormai il mercato offre molti alimenti “light”, specifici per gatti in sovrappeso. Questi prodotti contengono meno calorie dei normali alimenti ma offrono al contempo un quantitativo sufficiente di nutrienti essenziali affinché il tuo gatto resti in salute. Additivi naturali come l’amminoacido L-carnitina possono influire positivamente sulla riduzione del peso.  Un rapporto equilibrato di calcio e fosforo è importante per l'equilibrio dei minerali nel corpo del gatto e può anche ridurre il rischio di calcoli urinari e renali. Le proteine di alta qualità, inoltre, saziano e aiutano il tuo gatto a percepire meno il senso di fame.

Gatto bilancia

A cosa fare attenzione quando si acquistano alimenti dietetici per gatti

„Light“ non è sempre sinonimo di benessere. Sul mercato sono disponibili alimenti ad apporto calorico ridotto declinati in differenti livelli di qualità. Quindi, non prendere alla cieca il primo prodotto che trovi con su scritto „light“, ma dai un‘occhiata a quanto riportato sull’etichetta. In quanto carnivoro stretto, il gatto ha bisogno che il suo cibo contenga un'alta percentuale di proteine di alta qualità. I carboidrati sono utilizzabili dal gatto solo in piccola parte: ecco perché la carne, il componente nutrizionale più importante per i nostri gatti, dovrebbe sempre trovarsi in cima alla lista degli ingredienti degli alimenti per gatti. I sottoprodotti vegetali o i cereali possono rientrare tra i componenti del cibo per gatti solo se presenti in quantità molto ridotte, perché contribuiscono ad incrementare enormemente la percentuale di carboidrati presente nell’alimento e che il gatto non può utilizzare. Questi componenti caricano ulteriormente gli organi interni dei nostri felini domestici quali reni e vescica, deputati al drenaggio delle sostanze di scarto. Quando si tratta di sottoprodotti, quindi, è sempre meglio dare un'occhiata più da vicino: con "carne e sottoprodotti animali" si intende spesso un’ampia varietà di prodotti di scarto, compresi organi potenzialmente contaminati come fegato e milza, e persino peli e corna.

 

A proposito: chiedi consiglio al tuo veterinario, affinché sia al tuo fianco e ti dia consigli mentre aiuti il tuo gatto a tornare in forma! Il tuo medico veterinario di fiducia è in grado di determinare se e fino a che punto il tuo gatto è troppo grasso e può consigliarti il metodo più appropriato per farlo dimagrire dolcemente.

 

Auguriamo il meglio, a te e al tuo gatto!

I nostri articoli più utili

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?

Il coronavirus nel gatto

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.