5 suggerimenti per aiutare il gatto a superare al meglio il caldo estivo

Gatto

A molti gatti piace godersi la sensazione di calore del sole che fa brillare la loro pelliccia, standosene in panciolle sul tetto di un’auto o sul balcone di casa. Tuttavia, specialmente nelle giornate estive e in condizioni di forte caldo, anche i gatti raggiungono velocemente i loro limiti di sopportazione a causa del sole, con la possibile conseguenza di una scottatura o di un colpo di calore. Qui di seguito vogliamo offrirti cinque suggerimenti per aiutarti a proteggere il tuo animale durante le calde giornate estive.

Estate con il gatto: il solare giusto

Ciò che sicuramente molti ancora non sanno è che anche i gatti possono scottarsi al sole, in estate! Di primo acchito il concetto sembra ragionevole pensando ai gatti privi di pelo come lo Sphynx. Ma come è possibile che anche con i gatti dotati di pelliccia possano scottarsi? Rispetto al resto del corpo, i nostri felini di casa hanno un pelo molto più rado sul naso, sulle orecchie e sul ventre. È proprio in questi punti che un'eccessiva esposizione al sole può causare una scottatura della pelle. Particolarmente i gatti che hanno una pelliccia poco folta e quelli a pelo corto corrono il rischio concreto di scottarsi a causa del sole. I primi segni di una insolazione o scottatura sono arrossamento della pelle, aumento della sensibilità al dolore (dolore al tatto) e forte prurito. Nei casi più gravi possono verificarsi nausea e piaghe cutanee dolorose con presenza di vesciche.

Per questo motivo ti consigliamo di proteggere il tuo gatto dal rischio di scottature applicando un solare ad elevato fattore di protezione sulle parti più vulnerabili del suo corpo. Nello scegliere la crema solare più adatta, è importante assicurarsi che non contenga componenti irritanti quali profumi o allergeni.

Tanta acqua fresca

Nelle calde giornate estive, i nostri amici felini hanno bisogno di avere a disposizione una maggiore quantità di acqua fresca da bere. Se il tuo gatto non beve abbastanza, corre il rischio di una disidratazione. Per incoraggiare il tuo gatto a bere quando fa molto caldo, puoi ricorrere a questi semplici “trucchetti”:

  • distribuisci ciotole d'acqua o fontanelle in più punti della casa
  • cambia l’acqua delle ciotole almeno una volta al giorno
  • semplici contenitori d'acqua posizionati in giardino incoraggiano molti "spiriti liberi" a bere quando si trovano fuori dalle proprie mura di casa
  • non c’è gatto a cui non piaccia il brodo di pollo o di manzo non salato
  • puoi alternare le crocchette agli alimenti umidi, ad elevato contenuto di liquidi.
Gatto

Offri al tuo gatto un posticino all‘ombra per ripararsi dal caldo

Durante i mesi estivi, i pavimenti scuri e le strade asfaltate si surriscaldano talmente che diventa difficile per i nostri amici gatti camminarvi sopra senza scottarsi le zampe. Per mantenere il pavimento di casa piacevolmente fresco, puoi stendevi sopra vecchie lenzuola di colore chiaro o umide. Ideali per rinfrescare i nostri amici a quattro zampe durante le giornate più calde, i tappetini refrigeranti così come un posticino al riparo sotto l'ombrellone sono un ottimo modo per offrire refrigerio ai nostri gatti.

Se possiedi un gatto domestico e non hai uno “spirito libero” che vive con te, di notte o la mattina presto puoi anche aprire le finestre e far circolare l’aria nell’appartamento in maniera forzata, creando una corrente d’aria tra le stanze di casa. In questo caso però è importante che le finestre e i balconi siano messi in sicurezza con una rete per gatti, specie se non vivi al piano terra. Durante il giorno, invece, è consigliabile oscurare le finestre con tende e persiane. In questo modo, la temperatura di casa rimane piacevole per te e per il tuo amico di zampa, anche durante le calde giornate estive.

Rinfrescarsi con una piscinetta

Si sa che tra i gatti e l'acqua il rapporto non è dei migliori. Tuttavia, durante le ondate di caldo estivo, questa avversione dei gatti per l’acqua può venire meno rapidamente. Perché allora non offrire al tuo gatto diverse opzioni per rinfrescarsi, quando la temperatura si fa elevata? Gli “spiriti liberi” che vivono prevalentemente all’aperto possono approfittare piacevolmente di una piscinetta per bambini o di uno spruzzatore da prato posizionati in giardino, ad esempio. D'altra parte, ad un micio domestico che non esce di casa puoi proporre il refrigerio di immergere le zampe nell’acqua fredda o di ritemprarsi con un asciugamano precedentemente inumidito.

Un’idea rinfrescante e allo stesso tempo golosa sono i cubetti di ghiaccio. Puoi renderli più interessanti agli occhi del tuo gatto nascondendovi all’interno una sorpresa.

In estate, proteggi il tuo gatto dai parassiti!

Come sappiamo, le zecche e gli acari amano l'estate e le temperature elevate. Proprio durante questo periodo, infatti, i parassiti si trovano frequentemente tra l’erba e vicino agli alberi. Poiché possono diffondere pericolose malattie infettive, essi costituiscono un pericolo per il tuo gatto. In primavera quindi è molto importante proteggere gli “spiriti liberi”, ossia i gatti che vivono prevalentemente all’esterno, utilizzando un'efficace protezione antiparassitaria. A seconda dello spettro di durata e di azione del prodotto, puoi scegliere tra diverse formulazioni:

  • I collari antipulci riducono anche l’incidenza dei morsi da parte delle zecche. Gli effetti di solito durano diversi mesi.
  • Gli spot on vengono applicati sul collo del gatto, in modo che l’effetto del prodotto si distribuisca su tutto il suo mantello.
  • Le compresse vengono somministrate al gatto per via orale e causano la morte dei parassiti dopo che hanno morso l’animale.

 

Ti ricordiamo che in qualsiasi momento puoi contattare il tuo medico veterinario di riferimento per chiedere informazioni sui componenti, il dosaggio e i possibili effetti collaterali di questi prodotti.

I nostri articoli più utili

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?

Il coronavirus nel gatto

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.