Siamese

Siamese

Il Siamese è una delle razze di gatti più famose di sempre. Si riconoscono facilmente grazie alla colorazione particolare della loro pelliccia e agli occhi blu. Anche il loro carattere amabile, tuttavia, non dovrebbe passare in secondo piano.

Origini

Il Siamese è una delle razze di gatti più antiche e conosciute, insieme al Persiano. Le sue origini risiedono nel sud-est asiatico e più precisamente nel Siam, oggi Thailandia. In questo Paese dell’Asia Minore il gatto Siamese veniva adorato come l’animale sacro del tempio. Intorno alla fine del XIX secolo i primi gatti Siamesi arrivarono in Europa e furono allevati come una razza a sé. Nel 1892 fu istituito il primo standard di razza relativo al gatto Siamese. Durante il secolo scorso questa razza iniziò ad essere allevata ufficialmente anche in Europa: l'allevamento del Siamese prese quindi il via e si diffuse anche nel resto del mondo.

Aspetto

Il Siamese è un gatto di taglia media, dal corpo magro, gli arti lunghi e le zampe strette. Il peso di una femmina adulta è compreso tra i 3 e i 4 kg, mentre il maschio si attesta tra i 4 e i 5 kg. La sua testa a forma di cuneo ridotto è più lunga che larga, sormontata da orecchie dritte e con una base larga. Gli occhi blu intenso a forma di mandorla, con la loro leggera inclinazione, sono una caratteristica tipica. I gatti siamesi sono albini parziali, il che significa che producono una quantità limitata di melanina pigmentata. Da questo elemento deriva la classica colorazione del gatto Siamese, che si chiama "seal point". Si tratta di una colorazione geneticamente nera alle estremità, che si trasforma in un marrone scuro dal pattern genetico "cs". La colorazione delle macchie scure non avviene immediatamente, ma solo alcune settimane dopo la nascita. Il resto della pelliccia ha una colorazione che varia da bianco a crema. Il Siamese ha un pelo corto, presenta poco sottopelo, e il suo mantello è molto aderente al corpo.

Carattere

A volta i Siamesi vengono definiti scherzosamente “i cani tra i gatti”. Questo perché il comportamento degli esemplari di questa razza presenta similitudini con quello del cane. Infatti è possibile, in una qualche misura, addestrarli e sono animali molto affettuosi. Tuttavia, il Siamese impara solo finché ne ha voglia: se si prova ad insegnargli qualcosa con la forza, si finisce con conoscerne gli artigli. La loro intelligenza e il loro buon carattere li rendono i perfetti gatti di famiglia. Sono molto socievoli e hanno un elevato bisogno di comunicare: amano esprimersi e lo fanno a voce alta, per così dire. Se qualcosa non li soddisfa, lo esprimono vocalmente. Per questo motivo il gatto Siamese è considerato estremamente assertivo. Tuttavia, si tratta di gatti molto orientati verso le persone, che apprezzano trascorrere ore in piacevole compagnia dei loro umani. Se lasci il tuo Siamese troppo a lungo da solo, intelligente com’è, si annoierà rapidamente. Se decidi di tenerlo in appartamento, quindi, dovresti fare in modo che il tuo animale abbia la possibilità di intrattenersi adeguatamente (ad es. con i giochi di intelligenza). I gatti Siamesi mostrano una forte inclinazione alla vita sociale e possono senza problemi essere allevati in coppia: in questo modo hanno la possibilità di trascorrere il tempo insieme, dedicarsi alla loro toilette quotidiana e prendersi cura l'uno dell'altro. Questi animali intelligenti e mansueti possono essere educati anche a camminare al guinzaglio. È meglio abituare il gatto gradualmente al guinzaglio: all’inizio conviene esercitarsi diverse volte all’interno del proprio appartamento, prima di uscire all’aperto. Se ci si prende adeguatamente cura di un gatto Siamese, la sua aspettativa di vita è di almeno 14 anni.

Siamese

Cura e benessere

Prendersi cura di un Siamese è molto semplice, poiché il suo mantello dal pelo corto non ha quasi bisogno di manutenzione. È sufficiente spazzolarlo di tanto in tanto per rimuovere i peli ormai caduti. Dato che questa razza non dispone quasi di sottopelo, non è a suo agio in ambienti umidi e freddi. Per questo è importante assicurarsi che la temperatura dell’appartamento non sia troppo bassa. È anche importante asciugarlo bene nel caso in cui ti accorgessi che si è bagnato, durante una delle sue uscite nel circondario. Di sicuro questi mici amanti del tepore troveranno il loro posto preferito su un termosifone o in altri punti caldi dell'appartamento. Una cuccia riscaldata sarà sicuramente bene accetta dal tuo gatto Siamese. In ogni caso, evita assolutamente le correnti d’aria.

 

L’indole del Siamese è quella di un gatto socievole, che ama stare in compagnia, motivo per cui avrebbe senso farlo vivere con almeno un altro suo conspecifico. La scelta di avere due gatti Siamesi si rivela di solito ancora meno impegnativa del solito, perché si tratta di animali che amano prendersi cura l'uno dell'altro. Sono anche molto legati all'uomo, e per questo motivo è importante concedere loro sufficiente tempo e attenzioni per il gioco e le coccole.

Per consentire a questo animale molto attivo di dare sfogo alla sua vivacità, sarebbe bene posizionare nell’appartamento alcuni tiragraffi. Un modello ad albero con diversi livelli si adatta bene allo scopo, anche perché notoriamente i mici preferiscono osservare il mondo da postazioni sopraelevate. Se ne hai l'opportunità, dovresti concedere al tuo Siamese di muoversi libero anche all’esterno, perché ciò gli consentirà di fare esercizio fisico e lo terrà sufficientemente occupato. In alternativa, puoi rendere sicuro il tuo balcone affinché sia davvero a prova di gatto. Come già accennato, i gatti Siamesi possono anche essere portati al guinzaglio con una apposita pettorina. Tuttavia, è importante allenare l’animale a stare al guinzaglio il prima possibile: il consiglio è quello di esercitarsi sufficientemente, prima cimentarsi in una uscita, in modo che non ci siano brutte sorprese quando ci si trova all'aperto.

Gattino

L’alimentazione del Siamese

In termini di nutrizione, i gatti Siamesi non sono particolarmente esigenti. Di base, puoi offrire al tuo animale alimenti secchi o umidi di elevata qualità con un significativo contenuto di carne. Verifica che non vi siano conservanti, esaltatori di sapidità o altri generi di additivi chimici, tra gli ingredienti degli alimenti pronti che scegli per il tuo gatto. Non è possibile determinare in maniera generale la quantità di cibo giusta per il tuo animale: infatti, sono molti i fattori che influenzano la nutrizione del gatto, come ad esempio l’età e il suo stato di salute. È importante anche offrirgli sempre sufficiente acqua fresca. Dare del latte al proprio gatto è qualcosa da cui bisognerebbe sempre astenersi. I gatti infatti sono intolleranti al lattosio e possono incorrere in gravi problemi digestivi, se lo assumono. Esiste, in alternativa, uno speciale latte per gatti che è ben tollerato e che può essere offerto loro come una sorta di ricompensa, di tanto in tanto.

 

Scopri il cibo per gatti Royal Canin specifico per gatti Siamesi e la nostra selezione di alimenti e accessori per gatti!

 

Salute

Purtroppo non è raro che i gatti Siamesi ereditino malattie derivate dal loro allevamento. Tra queste ricordiamo l'atrofia progressiva della retina, detta anche degenerazione progressiva retinica (di solito abbreviata con prcd-PRA o PRA), una patologia severa che nel caso peggiore può portare alla cecità. In alcuni casi i Siamesi presentano malattie cardiache, disturbi metabolici e cancro (ad es. tumore della mammella). In questi gatti non è raro un difetto di convergenza degli assi visivi degli occhi chiamato, con terminologia tecnica, "strabismo convergente", così come il movimento involontario degli occhi (detto "nistagmo"). Si ritiene che la causa risieda nella carenza di melanina dovuta all'albinismo parziale di questo animale. È importante far effettuare al proprio gatto Siamese regolari controlli presso il proprio veterinario di fiducia, in modo che il medico possa adottare le misure che ritiene più appropriate quando l’animale si trova ancora in una fase precoce della patologia.

 

Allevare un gatto Siamese

I gatti Siamesi diventano sessualmente maturi a partire dai 4-6 mesi di vita. Il periodo di gestazione ha una durata di 63-69 giorni e di solito la cucciolata conta da 4 a 6 gattini. Alla nascita i piccoli hanno un mantello molto leggero. I point assumono il loro colore solo dopo circa 2 giorni. Dopo una settimana, i gattini aprono gli occhi. Tieni presente che i cuccioli dovrebbero stare con la loro madre almeno durante le prime 12 settimane di vita. Gli allevatori seri dovrebbero prestare attenzione a tale aspetto, perché durante questo intervallo di tempo i cuccioli imparano dalla madre le basi del loro comportamento sociale e altri elementi importanti.

Prima di scegliere l’allevatore da cui acquistare il tuo Siamese, dovresti farti un'idea degli animali che alleva e del contesto nel quale crescono. Per questo motivo la cosa migliore che puoi fare è prendere un appuntamento con l'allevatore e dare in anticipo un'occhiata ai suoi gatti. Questi dovrebbero essere vaccinati e sverminati e vivere in un ambiente idoneo alle specie. Non avere paura di chiedere garanzie importanti come l'albero genealogico del tuo gatto! Stai alla larga dagli allevatori che offrono gatti di razza senza documenti. Di solito questi individui cercano di risparmiare denaro a tutti i costi per poter offrire i loro animali a prezzi particolarmente vantaggiosi. Tuttavia, proprio a causa di ciò, di solito risparmiano anche su importanti esami medici e sugli alimenti di elevata qualità. Un altro fattore importante è che vi sia una certa distanza di tempo tra le cucciolate. Stai alla larga dai cosiddetti “moltiplicatori di gatti”, gli allevatori che sfruttano gli animali senza avere alcuna considerazione per la loro salute e il loro benessere.

I nostri articoli più utili

Gatto del Bengala

Il gatto del Bengala è una razza felina davvero unica. È un gatto domestico nel vero senso della parola, ma nelle sue vene scorre un pizzico di sangue selvatico. Le razze ibride come il Bengala o il Savannah rappresentano la nuova tendenza dell’allevamento felino. Ma cosa sono questi ibridi e a cosa bisogna prestare attenzione quando si decide di introdurre in casa un incrocio tra un gatto domestico e uno selvatico? Questo articolo ti fornirà le risposte a tanti dubbi.

Norvegese delle Foreste

Il gatto delle foreste norvegesi è il frutto di una lunga selezione naturale. Ha fatto la sua comparsa proprio in Norvegia, da dove ha iniziato a conquistare sempre più estimatori grazie al suo aspetto imponente e selvaggio e alla sua indole.

Maine Coon

Il Maine Coon è diventato una delle razze feline più amate al mondo, anche in Italia. Questo è dovuto soprattutto alla spontaneità riconducibile al suo carattere.