Le 6 fasi di crescita del gatto This article is verified by a vet

Gattini

Quanto a lungo crescono i gatti e quanto grandi diventano? Da un lato, dipende dal loro corredo genetico, dall'altro la crescita è influenzata anche da elementi esterni quali la nutrizione. Lo sviluppo del gatto si articola in sei fasi. Conoscendo questo processo, possiamo regalare ai nostri gattini un perfetto avvio verso una vita sana, e supportarli nel migliore dei modi nella loro fase adulta.

La crescita del gatto in sei fasi

Dopo circa 66 giorni, le gatte gravide danno alla luce i loro piccoli. In quel momento, i piccoli e dolci gattini non raggiungono nemmeno i 100 gr di peso, ma nei mesi successivi cresceranno sino a diventare dei felini curiosi e vivaci. Possiamo suddividere questo percorso di crescita del gatto in diverse fasi:

Prima fase – La prima settimana di vita

Dopo la nascita, i gattini ancora ciechi e deboli hanno assoluto bisogno del latte materno. Questa sostanza, nota anche come colostro, contiene importanti nutrienti e anticorpi protettivi (ossia proteine ​​protettive). Questi anticorpi sono fondamentali per la salute del gattino, poiché subito dopo la nascita il suo sistema immunitario è ancora incompleto e debole. Avendo ancora pochissimo pelo, i cuccioli di gatto hanno bisogno del calore protettivo della madre, attraverso il quale si orientano.

Dopo circa una settimana, i gattini aprono gli occhi e si assiste alla perdita del loro cordone ombelicale per essicazione. Al fine di garantire ai gattini un avvio di vita sano, occorre prestare molta attenzione alla pesata giornaliera. Ci si può riferire alle tabelle di controllo del peso redatte dai veterinari, così da controllare che i cuccioli si stiano sviluppando correttamente e, se necessario, intervenire modificando la loro dieta.

Seconda fase – Spuntano i denti da latte

Nelle prime settimane di vita, i gattini hanno ancora poca forza: ecco perché trascorrono gran parte della loro giornata a dormire. Di solito primi denti da latte spuntano tra la loro terza e ottava settimana di vita. L'intera dentizione da latte dei gatti comprende 26 dentini i quali, a differenza dei denti permanenti, sono significativamente più piccoli e più appuntiti.

Terza fase – Il primo cibo solido  

Dopo quattro settimane, i gattini hanno già acquisito un po’ di peso: finalmente possono correre e scatenarsi con i loro fratelli! In questa fase, inoltre, iniziano anche a ricevere alimenti solidi: questo è il momento giusto per offrire loro progressivamente un cibo morbido adatto ai gattini. Tuttavia, questo passaggio, dall’alimentazione liquida a quella solida, va condotto con gradualità e pazienza. Infatti il tratto gastrointestinale del micio, inizialmente utilizzato solo per il latte materno, deve ora adattarsi al nuovo tipo di alimento. Procedendo troppo rapidamente, si rischia che il gattino soffra di diarrea, costipazione e dolori addominali.

Gatto

Nel processo complessivo di crescita del gatto, una corretta alimentazione nella sua prima fase di vita rappresenta un fattore determinante. Gli alimenti specifici aiutano a soddisfare le elevate esigenze energetiche del tuo giovane gatto.

Quarta fase – I gattini continuano a crescere

I gattini hanno ormai due mesi e si cibano definitivamente di alimenti solidi. Certo, continuano a crescere e quindi hanno un fabbisogno energetico e nutrizionale più elevato rispetto ai loro conspecifici adulti. Ecco perché è importante dare loro alimenti specifici per cuccioli, concepiti appositamente per questa delicata fase della loro vita. Spetta a te decidere liberamente se offrire al tuo gattino un cibo secco oppure un alimento umido.

 

Questo è anche il momento giusto per la prima visita del tuo micio dal medico veterinario. Nessuno meglio del veterinario può informarti correttamente sulle principali vaccinazioni e, se necessario, sulla corretta alimentazione adatta ai gattini.

 

Tra il terzo e il sesto mese di vita del gatto avviene il completamento della dentizione. Durante questo periodo, infatti, i denti da latte del gattino vengono sostituiti da 30 denti permanenti. Per fare un confronto tra noi e i nostri pet, gli esseri umani adulti hanno circa 32 denti, mentre i cani dispongono di 42 denti permanenti.

Quinta fase – Il gattino diventa un gatto

Dopo sette entusiasmanti mesi di vita, il gattino è finalmente adulto. Le gatte sono sessualmente mature e sono in grado di procreare. I maschi diventano maturi dal punto di vista sessuale con un mese di ritardo, intorno all’ottavo mese. Da questo momento in poi, dopo aver raccolto le necessarie informazioni e valutata attentamente la questione, si può considerare l’eventualità di una castrazione.

Sesta fase – Sviluppo completato

Raggiunto il loro primo anno di vita, i gatti diventano a poco a poco molto più calmi. Negli anni successivi non cresceranno e, a partire all’incirca dai 9 anni, i loro peli dell'area della bocca diventeranno un po’ più bianchi. Questo è di solito il primo segno del processo di invecchiamento. A questo si associa, progressivamente, una maggiore fatica e riluttanza a compiere movimenti.

Quanto grandi e pesanti diventano i gatti?

Ovviamente non esiste una risposta generale a questo quesito. Da un lato, la crescita di un gatto dipende dai suoi geni e dall’influenza determinata da fattori come la sua dieta durante i primi mesi di vita. D'altra parte, molte razze di gatti differiscono notevolmente per dimensioni e struttura fisica. Nel nostro continente è particolarmente diffuso e popolare il Gatto Europeo dal pelo corto, che è lungo in media tra gli 80 e i 90 cm. A differenza dell’Europeo, un esemplare adulto di Maine Coon (in particolare il maschio) può raggiungere anche 120 cm di lunghezza. Anche il peso varia in base alla razza e al genere: i maschi del Persiano possono pesare fino ad 8 kg, laddove i Singapura, sia maschi sia femmine, sono autentici pesi piuma che di solito non superano i 2 kg.

Quanto a lungo può vivere un gatto?

Un animale sano vive di solito intorno ai 15 anni, ma ci sono gatti che arrivano a vivere fino a 19 anni. Si tratta di una caratteristica individuale ed ereditaria. Elementi quali eventuali malattie, malnutrizione o una cattiva alimentazione possono influenzare negativamente l’aspettativa di vita di un gatto.

Consigli di lettura: puoi scoprire come convertire l’età del tuo gatto in “anni umani” leggendo il nostro articolo Calcolare l’età del gatto. Dai un’occhiata ai tanti articoli sulla corretta gestione dei giovani mici che trovi nella sezione del nostro magazine dedicata ai Gattini!

I nostri articoli più utili

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.

Le 6 fasi di crescita del gatto

Quanto a lungo crescono i gatti e quanto grandi diventano? Da un lato, dipende dal loro corredo genetico, dall'altro la crescita è influenzata anche da elementi esterni quali la nutrizione. Lo sviluppo del gatto si articola in sei fasi. Conoscendo questo processo, possiamo regalare ai nostri gattini un perfetto avvio verso una vita sana, e supportarli nel migliore dei modi nella loro fase adulta.

Sverminare il gatto

I vermi possono colpire i gattini piccoli relativamente spesso, e se non eliminati possono portare all'insorgere di gravi malattie. Per fortuna questi parassiti del gatto possono essere debellati in modo semplice una volta individuato il problema. La nostra “tigre da accarezzare”, come la definiva con affetto Victor Hugo, va sverminata per la prima volta dopo tre settimane dalla nascita del gatto, per poi ripetere il trattamento ogni tre o quattro settimane. Si tratta tuttavia di linee guida generali. Soltanto un veterinario può stabilire il ciclo di sverminazione del tuo gatto. I medicinali vermifughi vengono spesso somministrati anche nei rifugi per animali, dal momento che alcuni gattini vi giungono in condizioni molto gravi.