Far dormire il gatto nel letto

Gatti, divano e coccole rappresentano l'abbinamento perfetto per tutti gli amanti dei gatti, tra i quali è diffuso lasciar dormire l'amato felino domestico nel proprio letto. I pareri si dividono tra chi è favorevole e chi contrario a far dormire il gatto nel letto.

Nel testo che segue ti mostriamo i pro e i contro per aiutarti a capire quale delle due posizioni sposare e decidere se far dormire o meno il gatto nel letto con te.

Quali sono i vantaggi di far dormire il gatto nel letto?

Sonnecchiare accanto al proprio gatto, come tutti i fan dei gatti sanno, ha innumerevoli benefici:

  • rafforza il legame con il tuo gatto e le fusa e la sua vicinanza svolgono un’azione rilassante sul sistema nervoso umano. Non a caso si dice che i single che condividono i propri spazi con un gatto sono molto più rilassati rispetto a chi gatti non ne ha;
  • i sostenitori del "co-sleeping" con il proprio gatto ritengono che questi animali infondano nell'uomo pace e serenità. Addormentandosi ai piedi del letto e al mattino saltandoti su per darti il buongiorno (oppure per ricordarti che la ciotola è vuota), il gatto ti rende sicuramente felice. Le fusa hanno, infatti, una potente azione curativa e l’animale in questo modo è in grado di infondere calma al proprio padrone;
  • A questo proposito, è altresì importante precisare che non è compito del gatto compensare le carenze affettive del proprio padrone, ma è necessario considerare sempre in ugual misura il benessere di entrambi. Sia gatto che padrone hanno dei bisogni particolari. La coppia vincente sarebbe avere gatto e padrone entrambi bisognosi di tante coccole!

I gatti neutralizzano gli influssi negativi e procurano benessere e serenità a chi ne adotta uno

  • esiste inoltre una teoria che afferma che i gatti percepiscano la presenza di elementi di disturbo nella casa e le debolezze del proprio padrone, tendendo a sedervisi sopra quando le percepisce. Famoso è il caso di un gatto che si metteva tutte le mattine seduto sulla testa, o meglio sul viso, del compagno della propria padrona. Secondo questa teoria tale gesto non sarebbe molto gentile nei confronti del signore in questione;
  • secondo un approccio più esoterico, i gatti assorbirebbero e neutralizzerebbero le "energie negative" dei loro coinquilini umani, senza esserne influenzati a loro volta. Per questo motivo i gatti sarebbero portatori di energia positiva nella casa;
  • sebbene ciò venga affermato maggiormente quando si parla di cani, molti gatti hanno un palpabile interesse a far sì che i loro amati padroni stiano bene. Potrete giovare di questa influenza positiva solo se saprai intuire gli stati d’animo del gatto e apprezzare quanto tu sia importante per lui. Impara a capire se il gatto ti vuole bene interpretandone i segnali.
Far dormire il gatto nel letto

Come coniugare "intimità" e igiene?

Naturalmente, far dormire il gatto nel letto presenta anche degli aspetti negativi. Ad esempio, alcuni parassiti del gatto potrebbero essere trasmessi all'uomo.

Se il gatto viene regolarmente vaccinato e sverminato, il rischio che questo accada viene sicuramente minimizzato. Tuttavia, un gatto che vive all’esterno potrebbe portare nel letto del suo padrone i parassiti di altri gatti con cui ha interagito.

Tramite un contatto molto stretto il gatto potrebbe quindi trasmettere parassiti all’uomo.

Per quanto riguarda il gatto, alcuni scritti medico-dentistici descrivono casi isolati di riassorbimento dentale nel gatto che sembrano presentarsi con maggior incidenza in quegli esemplari che sono stati fin da molto piccoli troppo spesso a contatto con l’uomo. Questa tesi non sembra essere definitamente comprovata.

Un letto per gatti come soluzione definitiva

Tra le tantissime cucce per gatti disponibili sul mercato troverete sicuramente un' accogliente sistemazione in cui il gatto vorrà trascorrere la notte, e probabilmente anche gran parte della giornata.

Far dormire il gatto nel letto

Se fin da subito farai capire al gatto che non può dormire nel tuo letto, l’animale accetterà semplicemente questa regola. Se invece deciderai con il tempo che non può dormire più nel letto, abitudine precedentemente concessa, l’animale avrà maggiore difficoltà a interpretare questo brusco cambiamento. Per questo motivo è bene mettere a disposizione dell’animale fin dall'inizio un luogo confortevole in cui potrà accoccolarsi.

Nel suo lettino si sentirà di notte e di giorno sicuro e protetto, anche dalle correnti d’aria. Un luogo in cui rifugiarsi è fondamentale per il benessere generale del gatto.

Disabituare tardivamente l’animale può essere faticoso sia per l’uomo che per il gatto. Stabilendo un’associazione positiva, eventualmente ricompensandolo con uno snack per gatti, è possibile ottenere dei buoni risultati.

A cosa devo prestare attenzione quando lascio dormire il gatto nel mio letto?

Per far dormire il gatto nel letto, oltre a una sverminazione trimestrale, è importante assicurarsi che non sia infestato dalle zecche che potrebbero trasmettere all'uomo la borreliosi. Oltre ai parassiti il gatto può trasmettere all'uomo anche malattie di origine batterica.

Qualora il gatto dormisse nel letto con te, è richiesta in camera da letto una maggiore igiene poiché gli animali tendono a perdere per natura tanti peli.

Si deve poi prestare particolare attenzione se si è allergici o asmatici. In questi casi è consigliabile rinunciare alla compagnia notturna di un animale.

Inoltre, il gatto non dovrebbe andare nel letto dei bambini. Per evitare ciò potrebbe essere utile applicare una barriera letto. Durante il giorno e al di fuori del letto, i bambini potranno certamente giocare col gatto fin quando vorranno … e soprattutto fin quando vorrà sua maestà, il gatto. Ma ci sono sempre particolari aspetti igienici che devono essere tenuti in considerazione.

Se deciderai o meno di far dormire il gatto nel letto, ti auguriamo in ogni caso una piacevole convivenza con il tuo coinquilino animale.

Articoli più letti

Gatto del Bengala

Il gatto del Bengala è una razza felina davvero unica. È un gatto domestico nel vero senso della parola, ma nelle sue vene scorre un pizzico di sangue selvatico. Le razze ibride come il Bengala o il Savannah rappresentano la nuova tendenza dell’allevamento felino. Ma cosa sono questi ibridi e a cosa bisogna prestare attenzione quando si decide di introdurre in casa un incrocio tra un gatto domestico e uno selvatico? Questo articolo ti fornirà le risposte a tanti dubbi.

Norvegese delle Foreste

Il gatto delle foreste norvegesi è il frutto di una lunga selezione naturale. Ha fatto la sua comparsa proprio in Norvegia, da dove ha iniziato a conquistare sempre più estimatori grazie al suo aspetto imponente e selvaggio e alla sua indole.

British Shorthair

La razza British Shorthair è ritenuta la più antica razza felina britannica. Si dice che sia stata portata dai Romani in Gran Bretagna, dove è rimasta per lungo tempo isolata. Da oltre 100 anni i British Shorthair vengono allevati in modo mirato. Nel 1871 i primi gatti British Shorthair vennero esposti al Crystal Palace.