Come curare il pelo del cane

Cura del pelo per cani

Non solo le sanguisughe possono essere un problema

Mina e Dana, due esemplari di Border Collie, hanno potuto trascorrere splendide vacanze in fattoria con tutta la famiglia e persino dormire all’aria aperta insieme ai bambini. Ora che le vacanze sono finite, da un paio di giorni i due cani dormono di nuovo nella stanza dei bambini. Tuttavia i due fratelli si lamentano che i loro amici pelosi, specialmente di notte, continuano a grattarsi e che questo fastidioso rumore li tiene svegli.

Questo può essere dovuto ad una scarsa cura del pelo e igiene del cane. Ma non preoccuparti, tutto può essere risolto con un buon Shampoo.

Se si sviluppa la micosi…

...il prurito può risultare davvero fastidioso, soprattutto quando la temperatura dell’ambiente è piacevolmente calda e invitante. Osservando più attentamente, si possono scorgere focolai umidi piatti con croste squamanti dietro le orecchie e nella parte posteriore del naso di Mina e di Dana. E anche il più piccolo dei due bambini da qualche giorno si gratta nella parte interna dell’avambraccio, dove si notano arrossamenti piatti e una desquamazione della pelle. Eppure in nessuno dei due piccoli pazienti sono stati trovati pidocchi, pulci o la trombicula autumnalis. E non è neppure un problema di insetti sanguisughe. Quando nell’uomo o nell’animale si verificano simili cambiamenti a livello di pelle, infatti, il sospetto ricade sulla micosi (microsporum o tricofiton).

La diagnosi da micosi

Per una diagnosi chiara il veterinario cercherà le spore micotiche nel pelo del cane con l’aiuto di una lampada a raggi ultravioletti ed effettuerà una coltura micotica.  Nonostante questa tipologia di micosi della pelle si diffonda attraverso pidocchi, mosche, pulci, acari e oggetti contaminati, l’infezione viene veicolata dagli animali, quindi da cani, gatti, mucche, cavalli, capre e pecore. Tuttavia gli animali in questione non devono necessariamente presentare i sintomi della malattia, per essere veicoli di infezione.

La micosi della pelle è infettiva per tutti?

A rischio di infezione sono gli allevatori, coloro che sono a stretto contatto con gli animali, gli agricoltori e soprattutto i bambini che hanno a che fare costantemente con gli animali. Gli agenti patogeni, tuttavia, sono trasmissibili anche dalle persone agli animali e dagli animali alle persone, per cui in linea di principio è possibile che i cani vengano contagiati da persone infette. Tuttavia non è detto che chiunque o che tutti i membri di una famiglia debbano ammalarsi, perché l’effettivo contagio è strettamente legato alle difese individuali di ciascuna persona e di ciascun animale.

Cosa si può fare contro le micosi della pelle?

In un caso come quello sopra descritto, sarebbe opportuno che tutti i membri della famiglia e gli animali venissero visitati da un medico. A seguito di una propagazione dell’infezione, i pazienti assumeranno la dose necessaria di farmaco per via orale, oppure utilizzeranno unguenti e tinture da applicare direttamente in loco, laddove ovviamente ciascun medico ha la propria personalissima terapia di riferimento, in questi casi.

Per detergere a fondo la cute e il pelo del tuo animale, ad esempio, puoi aiutarti con Clorexyderm 4% Soluzione® a base di clorexidina digluconato, indicata proprio nella profilassi delle infezioni batteriche e fungine della cute del cane e del gatto. La sua funzione disinfettante svolge un’azione antisettica e contrasta il cattivo odore, aiutandoti a mantenere pulita la cute infetta del tuo animale.

In alternativa è possibile applicare anche una soluzione in schiuma, che non necessita di risciacquo e allo stesso aiuta a gestire al meglio il problema delle infezioni batteriche e fungine di cani e gatti, come Clorexyderm® Soluzione schiuma, che contrasta il cattivo odore tipico delle infezioni e deterge a fondo il mantello del tuo animale, ma ha una composizione delicata che non aggredisce la sua pelle irritata.

I nostri articoli più utili

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

La vecchiaia nei cani: come prendersi cura di un cane senior

Molti cani accompagnano i loro proprietari per molti anni e raggiungono un'età di tutto rispetto. Naturalmente, anche per i nostri amici a quattro zampe il tempo non passa senza lasciare traccia. Con questo articolo vogliamo rivelarti quali sono i tipici segni dell'invecchiamento nei cani e come puoi rendere più facile al tuo fedele amico il trascorrere degli anni. Inoltre affrontiamo insieme la delicata questione del momento in cui dover dire addio al proprio cane.