Il colpo di calore nei cani

Il colpo di calore nei cani

Chi non è contento dell’arrivo dell’estate?

Le belle giornate, il sole, la luce invogliano tutti a stare all’aperto. Quando fa molto caldo, però è necessario che i padroni di animali stiano ben attenti: anche per i cani esiste il pericolo di ipertermia, comunemente conosciuto come colpo di calore. Sono a rischio soprattutto gli animali anziani e sovrappeso, quelli con il pelo folto o con il pelo lungo, così come quelli che soffrono di problemi circolatori, anche se il colpo di calore sostanzialmente può colpire qualsiasi cane. 

Perché i cani possono essere soggetti a colpi di calore

I cani regolano la propria temperatura corporea respirando con la lingua fuori dalla bocca e attraverso una leggera traspirazione delle zampe. Hanno infatti pochissime ghiandole sudoripare e quindi il loro corpo non si raffredda a sufficienza. La respirazione con la lingua fuori, inoltre, provoca l’evaporazione dell’acqua corporea, causando quindi una grande perdita di liquidi. Durante l'estate, il cibo umido andrebbe somministrato in aggiunta alle solite crocchette. 

Se il cane non riesce a regolare la propria temperatura corporea, può andare incontro al colpo di calore, i cui segnali possono essere respirazione convulsa o affannosa, barcollamento, tremore, spasmi, vomito o diarrea e apatia del cane. A partire da una temperatura corporea di 41 gradi si verifica un forte afflusso di sangue soprattutto nelle parti più superficiali del corpo e quindi la vascolarizzazione degli organi vitali può divenire insufficiente; la paralisi del centro respiratorio può condurre alla morte.

Anche l'eccessiva esposizione ai raggi solari costituisce un pericolo per il tuo pet: scopri come sul nostro Magazine per animali come proteggere il cane dal sole

Che cosa fare in caso di emergenza?

Bisogna portare il cane in un luogo fresco e ombreggiato e se non ha perso i sensi, si consiglia di offrirgli dell’acqua, di bagnargli soprattutto la testa e il collo e di coprirlo con asciugamani o con una coperta umidi. A seconda delle sue condizioni, occorre farlo visitare dal veterinario. 

Prevenire è meglio che curare

Assicurati sempre che il cane non rimanga esposto a lungo al sole, specialmente nelle ore più calde della giornata, e metti sempre a sua disposizione una quantità d’acqua sufficiente. Nelle giornate molto calde non lasciarlo mai in auto e risparmiagli sforzi fisici e lunghe passeggiate nelle ore più calde del giorno. Scegli piuttosto di fare delle belle passeggiate al mattino o alla sera, quando le temperature sono più basse e il sole meno cocente.

Accessorio tipico dei felini, nei mesi estivi una fontanella automatica da tenere accanto alla ciotola delle crocchette potrà favorire l'idratazione corretta anche del cane. 

I nostri articoli più utili

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

Il cane vomita

Ogni padrone si sarà di sicuro trovato di fronte a una situazione del genere, spaventandosi nel vedere il propri cane vomitare improvvisamente. Tuttavia, non c’è bisogno di allarmarsi ogni volta che succede. Può capitare spesso che il cane vomiti e le cause dietro questo problema possono essere molteplici. Se dovesse trattarsi di un episodio isolato, il più delle volte il vomito non rappresenta alcun pericolo per il cane. Se invece il cane vomita spesso e il problema è associato a un peggioramento delle sue condizioni, è necessario rivolgersi a un medico veterinario.