I cani e l’inverno

Les chiens et l’hiver

Neve, freddo e sale antigelo: no problem! Ma occorre avere qualche accorgimento in più...

I veri amanti dell'aria aperta non temono nessuna condizione meteorologica: fango, nevicate, sale sulle strade...cani e padroni passeggiano a lungo e si godono l'inverno. Tuttavia non si deve dimenticare che sono proprio queste le condizioni atmosferiche che sollecitano maggiormente le zampe del cane. Non è raro che i cuscinetti si screpolino oppure che le dita si appiccichino. Queste situazioni rendono difficile al cane anche il camminare e spesso possono culminare in ferite o piaghe. Per fortuna, con pochi semplici trucchi, si può porre facilmente rimedio.

Prevenzione: accorciare il pelo

Il pelo lungo delle zampe favorisce, in inverno, la formazione di piccoli cumuli di neve tra le dita. È consigliabile perciò di accorciare il pelo in questa zona con una forbice, con regolarità e prestando molta attenzione.

Protezione

Uno spesso strato di grasso per mungitura o grasso di cervo protegge i cuscinetti e le zone sensibili tra le dita dagli effetti dannosi del sale antigelo e previene le fessurazioni della cute.

Per una protezione ottimale puoi provare anche le scarpette per cani.

A passeggio

Durante le lunghe passeggiare invernali, vanno controllate regolarmente le zampe del cane. La neve che si appiccica tra le dita irrita la pelle e può provocare abrasioni e lesioni, per cui va rimossa con attenzione.

Dopo ogni uscita

I cani in inverno si leccano volentieri le zampe sporche e così il sale antigelo può arrivare a irritare anche lo stomaco, portando, nel peggiore dei casi, a episodi di diarrea. Appena rientrati a casa dopo le passeggiate, in inverno, si consiglia di pulire le zampe con un panno umido oppure di lavarle con un bagno di acqua tiepida.

 

In caso di piccole ferite

Si consiglia di trattare le screpolature dei cuscinetti con bagni delicati di camomilla e di utilizzare creme e unguenti specifici per ferite per le zone delicate. Queste accortezze faranno bene al vostro cane e accelereranno la sua guarigione.

 

I nostri articoli più utili

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

La vecchiaia nei cani: come prendersi cura di un cane senior

Molti cani accompagnano i loro proprietari per molti anni e raggiungono un'età di tutto rispetto. Naturalmente, anche per i nostri amici a quattro zampe il tempo non passa senza lasciare traccia. Con questo articolo vogliamo rivelarti quali sono i tipici segni dell'invecchiamento nei cani e come puoi rendere più facile al tuo fedele amico il trascorrere degli anni. Inoltre affrontiamo insieme la delicata questione del momento in cui dover dire addio al proprio cane.