12 domande da porre all’allevatore quando si acquista un cucciolo

domande da porre all’allevatore quando si acquista un cucciolo

Hai capito a quale razza appartiene il cane dei tuoi sogni? Allora probabilmente non vedi l’ora di portare a casa con te uno stupendo cucciolo.  Per evitare spiacevoli sorprese, però, ti consigliamo di acquistare un cane appartenente ad una razza selezionata, rivolgendoti esclusivamente ad un allevatore serio. Con questo articolo vogliamo aiutarti a comprendere se puoi davvero fidarti della serietà di un determinato allevatore.

Breve premessa

Se hai già adocchiato un cucciolo tutto arruffato agitare festoso la sua piccola coda e scrutarti incuriosito con quei suoi occhioni pieni di fiducia… di solito è troppo tardi per prendere una decisione su base razionale. Sfortunatamente lo sanno anche gli allevatori senza scrupoli, che sperano di guadagnare facilmente denaro vendendo cuccioli malati, spaventati e senza la necessaria socializzazione alle spalle. A quel punto, anche se avrai intuito che l’allevatore in questione non merita fiducia, verosimilmente ti sentirai in dovere di offrire la possibilità di una vita felice ad un cane innocente. Il nostro consiglio però è di riflettere: rischi infatti di non fare un favore né a te stesso né all’animale che stai per adottare.

Perché è importante rivolgersi ad un allevatore serio

Siamo sicuri che desideri acquistare un animale sano e di buon carattere, con cui trascorrere tanti anni felici. E immaginiamo che di certo tu non abbia voglia di occuparti di disturbi comportamentali, malattie e conseguenti frequenti visite dal veterinario. Chi compra un cucciolo da un qualsiasi allevatore senza scrupoli spesso si ritrova a fare i conti con tutto questo. Quello che sembrava un affarone si rivela presto un incubo, in termini di investimento economico, perché spesso le spese veterinarie che si rendono necessarie sono di gran lunga superiori al prezzo pagato per l’acquisto del cucciolo. Inoltre, in questo modo avrai contribuito direttamente a finanziare i commerci criminali di quell’allevatore irresponsabile, e indirettamente a perpetuare la sofferenza di altri animali. Ecco perché è fondamentale cercare di selezionare con attenzione l’allevatore presso cui acquistare il tuo futuro cucciolo. Un professionista serio seleziona con criterio e cura gli esemplari da allevare: per questo motivo, per un allevatore affidabile, la salute e il buon temperamento della razza avranno sempre la priorità. Attraverso l’esclusione degli esemplari malati e di quelli con comportamenti non desiderabili, l’allevatore consente ad una determinata razza di mantenere intatte le sue caratteristiche nel tempo e fa in modo che tu possa ricevere un cagnolino che in futuro non ti riservi brutte sorprese.

La ricerca dell’allevatore e il primo contatto personale

Per prima cosa, ti consigliamo di rivolgerti ad altri proprietari di cani e alle associazioni riconosciute della razza canina a cui sei interessato per chiedere i recapiti di allevatori seri. Se invece opti per una ricerca online, tieni presente che un allevatore serio è iscritto ad una federazione o per lo meno ad un’associazione ufficialmente registrata per la razza che stai cercando.  A questo punto, chiama l’allevamento e chiedi di fissare un appuntamento per recarti sul posto di persona. Puoi anche porgli già al telefono le prime domande essenziali per renderti conto se valga la pena fare la strada per visitare l’allevamento: ad ogni modo, l’incontro a tu per tu con l’allevatore e l’osservazione diretta dei cuccioli in situazione saranno sempre più significativi ed efficaci di qualsiasi telefonata. Il nostro consiglio è di porgergli comunque queste 12 domande, quando lo incontrerai: un allevatore serio apprezzerà il tuo interesse e risponderà volentieri e in maniera esaustiva a queste importanti domande.

12 domande da porre all’allevatore quando si acquista un cucciolo

  • Mi mostra l’allevamento?

Un allevatore affidabile sarà lieto di mostrarti i locali e le pertinenze in cui sono ospitati i suoi cani. Durante la visita, è importante che tu ti sinceri che l’allevamento sia pulito e che i cuccioli crescano in un ambiente sufficientemente ampio, luminoso, riscaldato e piacevole. I giovani cani dovrebbero avere sempre a disposizione acqua fresca e giochi, e dovrebbero avere la possibilità di vivere a contatto con i membri della famiglia dell’allevatore, così che possa avviarsi per tempo la loro socializzazione.  Gli allevatori seri inoltre fanno in modo di avere una cucciolata per volta, non diverse in contemporanea, per essere sicuri di poter accudire in maniera adeguata sia la mamma sia ciascuno dei suoi cuccioli.

domande da porre all’allevatore quando si acquista un cucciolo
  • Posso osservare i cuccioli con calma?

Se l’allevatore tiene i cuccioli a casa propria, sarà sicuramente fiero di mostrarteli in tutta la loro tenerezza. E anche se questi goffi, dolcissimi quattrozampe ti faranno innamorare al primo sguardo e desiderare di portarteli subito tutti a casa, ti consigliamo di esaminare la cucciolata nel modo più accurato possibile. I piccoli hanno tutti un aspetto sano e la stanza nella quale sono sistemati ti sembra pulita e sufficientemente curata? Che aspetto ha il loro pelo e come si comportano? Tieni presente che per natura i cuccioli sono aperti al mondo, curiosi e vivaci. Se ti sembrano poco interessati alla tua visita e tendono a starsene apatici in un angolino, o peggio, se hanno un’aria spaventata e magari la pancia gonfia, ti conviene desistere senza esitazioni dall’acquistare uno di quei cuccioli.

  • Posso vedere la madre dei cuccioli?

Perché possano iniziare la loro vita nel miglior modo possibile, i cuccioli devono rimanere almeno 8 settimane con la loro mamma. In molti Paesi si tratta di una norma di legge. In Italia il termine dei tre mesi è consigliato dalla maggioranza dei medici veterinari. Il fatto che i cagnolini vivano presso l’allevatore senza la loro madre è già di per sé un indicatore di scarsa affidabilità. Naturalmente lo sanno bene anche alcuni commercianti poco seri, che, alla richiesta di notizie circa la madre dei cuccioli, mostrano ai loro potenziali clienti una qualsiasi femmina adulta. Ecco perché ti consigliamo di dare un’occhiata intorno a te e osservare con attenzione il comportamento della femmina adulta nei confronti dei cuccioli. Se non mostra alcun interesse verso di loro e anzi li allontana da sé, verosimilmente non è la loro madre. Allo stesso modo, è utile anche far caso al rapporto tra la madre e l’allevatore. Ti sembra di scorgere tra loro un legame stretto, affettuoso e amichevole oppure la relazione tra loro ti sembra sbrigativa e improntata alla diffidenza? In quest’ultimo caso ti conviene metterti alla ricerca di un altro allevatore.

  • Quali informazioni vuole avere da me un allevatore?

Allevare cani di razza per poi rivenderli richiede molto impegno. Senza una grande passione, l’allevatore probabilmente non sopporterebbe i rigidi vincoli dell’ENCI, quelli previsti dal Registro degli allevatori, le verifiche dei vari enti di controllo anche sanitari, le estenuanti mostre canine, per non parlare delle notti insonni accanto a femmine gravide in procinto di dare alla luce i loro piccoli. È chiaro che l’allevatore ricava un buon guadagno dalla vendita dei suoi cuccioli. Se però lo si commisura all’impegno profuso, è chiaro che allevare cani abbia a che fare principalmente con l’amore e la volontà di preservare quella determinata razza. Ecco perché chi investe così tanto, in termini di energie e di denaro, desidera essere certo che i “suoi” cuccioli saranno bene accolti nella loro nuova casa. Non c’è da meravigliarsi, quindi, se l’allevatore ti fa molte domande sul tuo stile di vita, sul tuo lavoro e sui tuoi progetti per il futuro: anzi, interpreta questo suo interesse come un segnale positivo del fatto che sei in buone mani. Meglio l’allevatore riesce a conoscerti e meglio potrà capire se quella razza e quel particolare cucciolo si adattano effettivamente a te e al tuo stile di vita.

  • I cuccioli sono vaccinati, sverminati e dotati di chip?

Gli allevatori sono tenuti a vaccinare i “loro” cuccioli nei termini stabiliti dalla legge: all’età di otto settimane di vita, i cagnolini devono già essere stati vaccinati contro epatite, leptospirosi, parvovirosi e cimurro. Il consiglio è quello di farti mostrare il Certificato di vaccinazione del cucciolo che intendi acquistare, verificarne l’autenticità e controllare che tutte le vaccinazioni obbligatorie siano state registrate. Se entri in contatto con l’allevatore nel periodo che precede la prima vaccinazione, puoi proporgli di accompagnarlo dal medico. Richiedi anche il nome e l’indirizzo del veterinario di riferimento dell’allevamento: infine, è importante verificare che il cucciolo sia dotato di microchip e sia stato regolarmente sverminato.

  • I documenti sono tutti in ordine?

I cani di un allevamento ufficialmente riconosciuto vengono tutti registrati e dispongono di un documento su cui è riportata la loro genealogia, che l’allevatore sarà ben felice di mostrarti. Collegato a tale documento vi sono i diversi esami di idoneità e i test sanitari a cui i cani ammessi all’allevamento devono essere sottoposti. Se hai davanti un allevatore degno della tua fiducia, sarà lui stesso a presentarti la documentazione completa. Tu comunque controlla bene sia i certificati sia la tavola genealogica dell’animale, e poni le domande del caso. Un allevatore seleziona molto attentamente i maschi da far accoppiare e, su tua richiesta, sarà sicuramente lieto di illustrarti la sua scelta.

  • L'allevamento a parte di un'Associazione o Federazione di razza?

Di norma gli allevatori seri specializzati in una razza fanno parte di un’Associazione ufficiale. Se si tratta di una razza canina riconosciuta, l’Associazione è affiliata ad una Federazione gerarchicamente superiore. Ecco perché è importante chiedere all’allevatore di documentare la sua appartenenza alla Federazione in qualità di socio. Quando cerchi un allevatore, idealmente dovresti contattare soltanto i professionisti i cui recapiti compaiono sul sito web della relativa Associazione di razza.

  • Perché scegliere questa specifica razza?

Abbiamo visto come, senza passione, non sia possibile allevare cani di razza: si tratta infatti di un’attività molto impegnativa ma non particolarmente remunerativa, praticando la quale non si diventa certo ricchi. Un allevatore avrà quindi i suoi buoni motivi per scegliere di allevare cani appartenenti proprio a questa specifica razza. Che cosa la rende così speciale ai suoi occhi? Quali aspetti apprezza di più del suo lavoro? Attraverso un colloquio personale con un allevatore esperto potrai scoprire moltissime cose sulla razza che ti interessa e verificare se i motivi che hanno spinto te a quella stessa scelta hanno una qualche corrispondenza con le esperienze dell’allevatore. Chiacchierare con lui, un professionista che ha maturato anni di esperienza a contatto con questa razza, potrebbe rivelarsi estremamente illuminante e nemmeno lontanamente paragonabile alle descrizioni che trovi sui libri e su internet.

domande da porre all’allevatore quando si acquista un cucciolo
  • Cosa mangia il cucciolo?

Per la salute di un cucciolo, una corretta alimentazione è fondamentale. Se nelle prime 6–10 settimane riceve ancora tutti i nutrienti indispensabili attraverso il latte materno, successivamente occorre abituare in maniera graduale il cucciolo ad alimentarsi autonomamente. I giovani cani hanno un fabbisogno energetico e nutrizionale che è almeno il doppio e può arrivare ad essere quattro volte quello di un cane adulto. Ecco perché un cagnolino di pochi mesi ha bisogno di alimenti speciali per cuccioli che rispondano in maniera appropriata alle sue esigenze nutrizionali. Offrendo al cucciolo un alimento specifico pregiato, l’allevatore serio si assicura che riceva tutti i nutrienti necessari nella giusta quantità, così che possa crescere sano, prevenendo il rischio di eventuali problematiche future. Un allevatore degno della tua fiducia sarà sicuramente felice di rispondere in modo esaustivo alle tue domande rispetto agli alimenti da lui scelti per nutrire la sua cucciolata, consigliandoti al contempo un adeguato programma nutrizionale da seguire nelle prime settimane di vita a casa con il tuo cucciolo.

  • Come è stato avviato il percorso di socializzazione dei cagnolini?

Come è noto, le prime settimane di vita sono fondamentali per il futuro del cane. Lo stretto contatto con la madre, il relazionarsi costante con i fratelli e le cure attente dell’allevatore e della sua famiglia incidono moltissimo sulla personalità del cucciolo: se ben condotti, questi passaggi chiave gli consentono di affrontare la sua vita futura sentendosi sicuro e senza paure. Già nelle prime settimane di vita il cucciolo dovrebbe incominciare a conoscere le diverse cose che incontrerà poi nella sua vita quotidiana: altri cani, persone nuove, bambini, rumori di elettrodomestici, automobili o moto. Una socializzazione ben riuscita è indispensabile perché il cane abbia un carattere equilibrato, si mostri sufficientemente aperto e con un buon temperamento. Al tempo stesso, il percorso di accompagnamento del cagnolino alla scoperta del mondo esterno deve svolgersi per gradi, senza farlo sentire sopraffatto.

Di solito l’allevatore serio fa riferimento ad un programma ben definito, in base al quale il cucciolo fa esperienze di socializzazione già durante le prime settimane in cui vive ancora presso di lui. Provvede a fargli conoscere più cose possibili già prima del suo trasferimento in quella che sarà la sua nuova casa, ma al tempo stesso si preoccupa di non esagerare con troppe visite di persone sconosciute, incontri con altri animali domestici, rumori dell’aspirapolvere, con il volume del televisore e con il fruscio dei sacchetti. Sarà l’allevatore stesso a spiegarti in tutta trasparenza a che punto si trova il cucciolo, rispetto alla familiarità questo tipo di situazioni, e come dovrai proseguirne la socializzazione nella quotidianità che lo aspetta a casa con te.

  • Quanto costa un cucciolo e c’è un contratto d’acquisto?

Ovviamente dovrai parlare con l’allevatore anche degli aspetti economici e sicuramente sarai interessato a conoscere il prezzo che l’allevatore ha stabilito per i suoi cuccioli. Normalmente i cani di razza costano tra gli 800 e 1.200 euro, prezzo che può variare in funzione della razza e dell’allevatore. Se il prezzo è decisamente inferiore alla media, è il caso di nutrire qualche sospetto. Gli allevatori investono tantissimo tempo e denaro nei loro cani, li portano dal medico veterinario, fanno visite di controllo, li fanno vaccinare e sverminare, seguono le femmine dal concepimento al parto, nutrono i loro cani con alimenti specifici, offrono loro cura e giochi per intrattenersi, essendo parte attiva anche nel loro percorso educativo. Ecco perché un prezzo che si aggira intorno ai 1.000 euro è del tutto giustificato: a riprova di ciò, se glielo chiedi, l’allevatore saprà senz’altro spiegarti come è arrivato a formulare quel prezzo.

Inoltre l’allevatore serio venderà i suoi cani soltanto con un regolare contratto d’acquisto che, oltre al prezzo concordato e ai dati suoi e dell’acquirente, riporterà anche indicazioni importanti relative alla responsabilità dell’allevatore, nonché i tratti identificativi del cane, quali razza, sesso, numero di iscrizione ai Registri del Libro Genealogico e numero di microchip.

  • Posso tornare?

Tieni presente che un cane cambia completamente la vita del suo proprietario: ecco perché l’acquisto di un animale domestico va sempre ben ponderato. L’allevatore serio ti assisterà in questa importante decisione con le parole e con i fatti ma per nessun motivo cercherà di convincerti, né tantomeno di forzarti all’acquisto. Piuttosto, ti spiegherà in maniera esaustiva ciò di cui i cani di quella razza hanno bisogno, di quanto movimento necessitano, se vanno d’accordo con i bambini piccoli e quali esigenze hanno in materia di cure, di alimentazione e di educazione. Non solo quindi è normale, ma è persino auspicabile che tu non decida di acquistare un cucciolo già dopo la tua prima visita all’allevamento. Chiedi invece all’allevatore se puoi tornare a fare visita ai cuccioli per familiarizzare con loro. Ogni cucciolo è diverso: meglio l’allevatore ti conosce, più facilmente saprà indicarti il cucciolo più adatto a te, insieme al quale trascorrere una lunga vita felice.

I nostri articoli più utili

I segnali che dimostrano che il mio cane mi vuole bene

Il mio cane mi vuole bene? Quando amiamo qualcuno, naturalmente desideriamo che quel qualcuno nutra per noi gli stessi sentimenti che proviamo per lui. Quindi anche nei nostri animali vogliamo leggere quei segnali, che ci permettono di capire che ci hanno a cuore tanto quanto noi abbiamo a cuore loro. Tuttavia i cani hanno modi diversi di mostrare il loro amore e non potendo usare le parole per dire "ti voglio bene", trovano altri modi molto teneri per mostrarci il loro affetto. Riconoscere questi segnali è più facile di quanto sembri poiché la capacità di comprendere il linguaggio dei nostri amati cani si cela nell'istinto di ognuno di noi.

I segnali che dimostrano che il cane è felice

"Come faccio a capire che il mio cane sta bene?", "Come posso essere sicuro che nel mio rapporto con lui agisco correttamente e che con me ha una bella vita che lo rende felice?". Queste sono domande che i padroni dei cani si pongono spesso. Le probabilità che il cane sia felice sono molto alte, soprattutto se lo tieni in movimento ed è in salute. Questo risultato lo otterrai non solo trascorrendo almeno qualche ora al giorno giocando con il cane, ma anche nutrendolo nella maniera adeguata. Sotto questo aspetto, non ci stancheremo mai di sottolinearlo, una corretta alimentazione del cane è assolutamente determinante per la sua salute fisica e mentale e, di conseguenza, per il suo stato d’animo. Infine una spiegazione conclusiva in merito alla felicità del tuo animale è data anche dal quadro ormonale.

Il cane può dormire nel letto?

È difficile trovare una risposta univoca a questa domanda. La questione è parecchio dibattuta e i pareri sono contrastanti. Probabilmente le argomentazioni a sfavore di quest'abitudine pesano abbastanza. Ti mostriamo alcuni pro e contro per aiutarti a decidere se lasciar dormire il tuo cane con te oppure no, certi che il rapporto con il tuo cane rimarrà splendido in ogni caso!