10 gennaio 2018 - Aggiornato il 18 settembre 2018

Malattie dei pesci d’acquario

pesce rosso nell'acquario

La malattia dei puntini bianchi

L‘ictioftiriasi, causata dal parassita unicellulare Ichthyophthirius multifiliis, è conosciuta come la temutissima malattia dei puntini bianchi. Il parassita penetra nelle mucose e si installa nel pesce ospite. Questa infestazione è riconoscibile dall’esterno dai caratteristici puntini bianchi leggermente in rilievo. Se però la malattia è già allo stato avanzato, questi potrebbero unirsi tra loro dando vita a delle macchie grigie. La pelle del pesce secerne tanto muco e si disgrega. La malattia può portare alla morte se gli animali infetti non vengono curati. È pertanto importante riconoscerne per tempo i sintomi per poter agire tempestivamente.

Sintomi:

  • nuoto del pesce irregolare e titubante;
  • il pesce tiene le pinne adiacenti al corpo;
  • il pesce scatta velocemente e si sfrega a pietre, radici e altre decorazioni per grattarsi;
  • eventuale inappetenza;
  • se anche le branchie sono affette dalla malattia: difficoltà respiratoria, respirazione accelerata, il pesce tende a rimanere in prossimità della superficie dell’acqua e prende aria da fuori.

Trattamento:

  • Il trattamento della malattia dei puntini bianchi avviene in acquario, poiché il parassita non solo infesta i pesci, ma anche il fondo della vasca;
  • aumento della temperatura dell’acqua a 28 - 30° (attenzione: non tutti i pesci e le piante acquatiche sopportano le temperature alte. Informarsi preventivamente!)
  • cambio dell’acqua (min. il 30%)
  • aspirare il fondo (anche qui potrebbero annidarsi i parassiti)
  • in caso di utilizzo di verde di malachite ossalato o di prodotti contenenti verde malachite ossalato: spegnere le luci (questa sostanza è sensibile alla luce)
  • il trattamento dura circa 14 - 20 giorni, poiché i parassiti sono vulnerabili ai medicinali solo in un particolare stadio della loro vita, quello di Teronte.

Micosi

Le infezioni fungine dei pesci sono causate dai funghi acquatici Saprolegnia e Achyla. Queste micosi possono attaccare un pesce solo quando indebolito. Lesioni o combattimenti per il territorio, ma anche una temperatura dell’acqua troppo bassa o un acquario non ben curato possono sollecitare il sistema immunitario, rendendo così i pesci soggetti a possibili infezioni fungine. Solo una piccola parte dei funghi acquatici sono patogeni. Nei pesci indeboliti o feriti la conseguente alterazione del pH provoca un cambiamento delle membrane delle mucose, creando le condizioni ideali per la proliferazione dei funghi che potrebbero attaccare la pelle, gli occhi, le pinne e le branchie degli animali.

Anche in questo caso, come per tutte le altre malattie, è di fondamentale importanza saper riconoscere per tempo i sintomi.

Sintomi:

  • comparsa di un rivestimento lanuginoso nelle zone interessate, che risulta evidente soprattutto quando il pesce viene tirato fuori dall’acqua;
  • apatia;
  • inappetenza;
  • nella maggior parte dei casi il pesce non nuota, o nuota poco e su sé stesso, e tende a rimanere fermo in un angolo buio dell'acquario.

Trattamento:

  • Trasferire i pesci in acqua pulita o effettuare un notevole cambio dell‘acqua (50% o più).
  • Regolare la temperatura, eventualmente aumentarla.
  • Sottoporre il pesce malato a bagni in soluzione salina (ca. 1 cucchiaio per 1 l di acqua) per 15-30 minuti.
  • Effettuare bagni in soluzione di permanganato di potassio (1 g per 100 l di acqua) per ca. 30 minuti (Importante: NON effettuarli in acquario, ma in un recipiente).
  • Somministrare delle vitamine per pesci per rafforzarne il sistema immunitario.
  • Trattamento attraverso un prodotto specifico contro infezioni fungine e batteriche.

Articoli più letti

La castrazione del gatto

I padroni sono spesso dubbiosi quando si tratta di profilassi e castrazione per il proprio gatto. Una castrazione precoce sembra essere essenziale però quando si tratta di gatti senza un padrone o di gattili strapieni. Faccio qualcosa di sbagliato al mio gatto quando gli impedisco di avere una prole? Quand’è il periodo idoneo per la castrazione? Come si differenzia una sterilizzazione da una castrazione? E quand’è il periodo giusto per l’intervento?

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

30 nomi di gatti per il 2018

Hai deciso di adottare un gatto come animale domestico? Non possiamo non farti i nostri migliori auguri per questa splendida decisione. I gatti sono delle creature meravigliose e piacevolissimi animali da compagnia. Se non sai ancora come chiamarlo e hai bisogno di un po' di ispirazione ecco alcune idee e consigli preziosi.