09 gennaio 2018 - Aggiornato il 27 marzo 2019

La giusta alimentazione dei pesci

pesce angelo che mangia

Una scienza a sé oppure nessun problema?

Se per la somministrazione del cibo ai pesci dell’acquario si seguono alcune semplici linee guida, l’alimentazione idonea e ispirata alla natura degli abitanti dell’acquario non rappresenterà un problema.

Sostanzialmente è valido quanto segue:

  • Va dedicato un po’ di tempo alla somministrazione del cibo ai tuoi pesci. Osserva se tutti i pesci mangiano effettivamente il cibo. Il rifiuto di questo è spesso un segno di malessere o malattia. Invece un’esitazione durante l’assunzione del cibo può verificarsi anche in caso di passaggio da un tipo di mangime all’altro oppure ad un cibo dello stesso tipo, ma di un’altra marca. In casi di questo genere gli animali prima devono essere abituati al nuovo mangime: anche in questo caso vanno osservati con molta attenzione.
  • Non somministrare mai troppo cibo tutto in una volta, ma sempre soltanto la quantità che i pesci possono assumere in pochi minuti (fatta eccezione per il foraggio verde fresco). L’ideale è somministrare il mangime suddiviso in più porzioni giornaliere, almeno una al mattino e una alla sera. I pesci fitofagi amano mangiare di tanto in tanto foglie di spinaci o di insalata sbollentate in acqua bollente. Tuttavia bisogna sempre togliere poi le foglie dalla vasca al massimo 2 giorni dopo la somministrazione, altrimenti potrebbero insorgere processi di putrefazione che possono influenzare negativamente i cicli biologici dell’acquario. 
  • Anche i pesci apprezzano un'alimentazione molto varia. In commercio sono disponibili diverse opzioni, quali le compresse oppure il mangime vivo, congelato o liofilizzato per pesci. Somministrando le tavolette da fissare alla lastra dell’acquario, si possono osservare molto bene gli animali mentre mangiano.
  • Possibilmente il mangime per pesci dovrebbe essere sempre somministrato dalla stessa persona. Gli animali si abituano velocemente all’andatura, la riconoscono e all’arrivo dell’uomo accanto all'acquario, si avvicinano curiosi al punto in cui il cibo viene poi dato.
  • Non disattivare mai il filtro durante la somministrazione del mangime. Se la dimensione delle porzioni è stata scelta in modo corretto, il cibo non andrà nel filtro. Se la porzione era troppo grande, bisogna pulire bene il filtro perché il cibo aspirato può danneggiarlo fino a romperlo.
  • Se si è appena fatto qualche intervento nell’acquario, per esempio una sostituzione parziale dell’acqua o l’accensione della luce, occorre aspettare un po’ prima di somministrare il cibo. I pesci infatti hanno bisogno di qualche momento per ritranquillizzarsi. Aspetta quindi circa 30 minuti prima di iniziare la somministrazione del mangime.

 

Per i tuoi pesci, troverai su zooplus anche tante originali decorazioni per acquario!

Articoli più letti

Malattie dei pesci d’acquario

L‘ictioftiriasi, causata dal parassita unicellulare Ichthyophthirius multifiliis, è conosciuta come la temutissima malattia dei puntini bianchi. Il parassita penetra nelle mucose e si installa nel pesce ospite. Questa infestazione è riconoscibile dall’esterno dai caratteristici puntini bianchi leggermente in rilievo. Se però la malattia è già allo stato avanzato, questi potrebbero unirsi tra loro dando vita a delle macchie grigie. La pelle del pesce secerne tanto muco e si disgrega. La malattia può portare alla morte se gli animali infetti non vengono curati. È pertanto importante riconoscerne per tempo i sintomi per poter agire tempestivamente.

La giusta alimentazione dei pesci

Se per la somministrazione del cibo ai pesci dell’acquario si seguono alcune semplici linee guida, l’alimentazione idonea e ispirata alla natura degli abitanti dell’acquario non rappresenterà un problema.

Risolvere il problema delle alghe verdi

Poche altre famiglie di alghe presentano così tante e diverse varietà come quella dell'alga verde. Molte di loro sono del tutto innocue o si trovano di rado nei nostri acquari. Tuttavia, alcune varietà di alga verde possono diventare una vera e propria piaga per gli acquariofili. Ma come ci si può liberare una volta per tutte di quella patina verde che ricopre senza pietà i vetri, le piante, i ciottoli e le radici decorative dell'acquario?