La lingua dei criceti

La lingua dei criceti

Piccolo dizionario umano - criceto

I criceti sono piccoli animali domestici molto diffusi e molto amati da grandi e piccini e, naturalmente, hanno il loro modo di comunicare, sia tra loro, che con noi umani! Anche se non sono rumorosi come i porcellini d’India, che sembrano quasi tubare come degli uccellini, o i conigli, che invece battono spesso con I denti, il loro linguaggio è comunque complesso! Un paio di piccoli consigli ti aiuteranno a capire meglio il tuo nuovo amico!

Mugolio

I criceti fanno dei veri e propri monologhi, per esempio mentre vanno alla ricerca del cibo o quando costruiscono il nido. Un mugolio crescente e insistente, può tuttavia segnalare un malessere dell'animale, una parte del corpicino dolorante; in questo caso è necessario osservare attentamente il proprio animale e il suo comportamento, per approfondire ed eventualmente intervenire, se è necessario.

Starnuto

Con un rumore che assomiglia molto a un piccolo starnuto il criceto mostra la propria agitazione. Un altro modo molto tipico per manifestare nervosismo è il gesto di mordicchiare compulsivamente le sbarre della gabbietta.

Stridio

Un forte stridio segnala che il piccolo animale è spaventato o che ha forti dolori. Come suggerito poco sopra, consigliamo di osservare attentamente il proprio piccolo amico e di valutare quali situazioni o elementi dell'ambiente circostante poterebbero intimorirlo. Se, reso più confortevole l'habitat dell'animale, persistono i versi striduli, occorre valutare l'opzione di un malessere fisico dell'animaletto.

Ringhio

Quando il criceto vuole essere lasciato in pace, soffia o ringhia. È un modo per brontolare e farci capire che non desidera averci intorno, essere infastidito o tormentato con attenzioni non richieste! Insomma, meglio stargli alla larga!

Most read articles

Viaggiare in aereo con il gatto

Viaggiare in aereo per il tuo gatto è molto più difficile che viaggiare in auto. Odori sconosciuti, rumori forti e il cambiamento di pressione rendono il volo un’esperienza non molto piacevole. Tuttavia non sempre si può evitare di portare il gatto con sé in aereo. Poco importa se si tratta di un trasferimento o di un soggiorno lungo all’estero: con un pochino di preparazione renderai il viaggio in aereo il più piacevole possibile per il tuo amico felino.

Ciclidi

Tra i pesci ornamentali che sono arrivati nei nostri acquari dalle zone tropicali e subtropicali, ci sono anche molti membri della grande e multiforme famiglia dei Ciclidi.

Golden Retriever

Origine Il Golden Retriever è storicamente una razza recente. Le sue origini risalgono all’Inghilterra del XIX secolo. Lord of Tweedmouth, considerato il padre della razza, incrociò Nous, un esemplare maschio di Retriever giallo dal mantello ondulato, con Belle, una Tweed Waterspaniel. Da questo accoppiamento nacquero dei cuccioli di Golden Retriever così come li conosciamo oggi. Il Kennel Club fondato nel 1873 riconobbe la razza nel 1913. In breve tempo il Golden Retriever divenne famoso. Oggigiorno appartiene alle razze canine più amate e diffuse.   Carattere Uno dei caratteri distintivi del Golden Retriever è la sua spiccata attitudine a cercare l’approvazione del padrone. Ciò si manifesta nella sua innata gioia nell’apprendere che lo rende adatto a svariati ambiti di attività. Oltre ad essere impiegato nella caccia alla selvaggina, in virtù della sua straordinaria attitudine al riporto, il Golden Retriever trova impiego anche come cane da guida per ciechi, cane da salvataggio e da traccia. È un animale davvero versatile per la sua spiccata intelligenza e la sua straordinaria capacità di ubbidienza. Il Golden Retriever è amatissimo come cane da famiglia: ama i bambini, è molto affezionato al suo padrone e non è aggressivo.   Cura e benessere dell’animale Ogni Golden Retriever dovrebbe ricevere un’accoglienza calorosa appena arrivato in casa. Questa razza ha bisogno di molto movimento. Da adulto può seguire il suo padrone durante le gite in bicicletta; inoltre ama nuotare e i giochi di lancio e riporto. Per questo motivo è importante occupare il tempo l’animale con tante attività. Questa razza risulta essere resistente a tutte le condizioni atmosferiche ad eccezione del caldo, che non sopporta bene. Il suo bellissimo pelo ha bisogno di poche cure: è sufficiente spazzolarlo regolarmente. Solo nel periodo della muta, quando il Golden Retriever perde il suo sottopelo, sono necessarie maggiori attenzioni.   Aspetto Il Golden Retriever appartiene alle razze di taglia medio-grande. Ha una corporatura armoniosa; i maschi di questa razza hanno un’altezza al garrese che può arrivare a 61 cm, mentre le femmine sono più piccole, con un’altezza al garrese che può oscillare tra i 51 e 56 cm. Il mantello del Golden Retriever è aderente e lascia riconoscere le forme del corpo, è impermeabile, folto e può essere sia piatto che ondulato. Il sottopelo è folto e ben sviluppato. Il colore tipico del mantello può variare dal dorato al crema. È ammesso qualche pelo bianco sul petto.   Su zooplus puoi trovare i cibi specifici per il tuo Golden Retriever!