09 gennaio 2018

Le piante per l’acquario

Le piante per l'acquario

Per gli acquari le piante sono qualcosa di più di una semplice decorazione

Queste infatti contribuiscono alla pulizia dell'acqua e forniscono energia e ossigeno ai pesci. 

Un prezioso aiuto

Le piante assorbono l’ammonio e il nitrato contenuto negli escrementi dei pesci, depurando così l’acqua dell’acquario. Grazie alla luce proveniente dall'illuminazione per l'acquario, anche l'anidride carbonica viene trasformata in ossigeno mediante la fotosintesi clorofilliana; si tratta quindi di processi che rendono possibile la vita all’interno dell’acquario. Con l’aiuto delle piante gli acquari diventano dei piccoli ecosistemi, che possono funzionare perfettamente con un intervento minimo da parte dell’uomo! 

Le piante per l'acquario offrono ai pesci nascondigli ideali per difendersi dai soggetti più aggressivi e più grandi, cosa particolarmente importante per i pesci giovani, che, senza le “tane” adeguate, spesso andrebbero in pasto a quelli più grandi!

Che cosa bisogna tener presente affinché le piante acquatiche prosperino e l’acquario diventi un sistema stabile?

Per la fotosintesi le piante acquatiche richiedono luce, ecco perché la maggior parte di queste è davvero “affamata” di luce; tuttavia occorre evitare l’irradiazione solare diretta e preferire le fonti di luce artificiali con uno spettro idoneo e la luce indiretta del sole. 
Anche in condizioni ottimali le piante dell'acquario hanno bisogno di tempo per prosperare. Così dopo una ri-piantumazione ci vogliono ancora 4 o 5 settimane prima che si raggiunga un equilibrio biologico. A questo punto il piccolo mondo acquatico si sarà stabilizzato così bene da non essere più necessario alcun particolare intervento diverso dalla regolare pulizia dell’acqua.

Chi, tuttavia, vuole contribuire alla salute delle proprie piante, può regolarmente tagliare via la parte verde, in funzione del tipo di pianta, e ripiantare le estremità potate, ottenendo così tante nuove piccole piantine.

Articoli simili
Related products

Articoli più letti

I parassiti nel cane: zecche e pulci

Le zecche e le pulci sono parassiti che possono colpire il cane, nutrendosi del suo sangue. Nel seguente articolo troverai tutto quello che c’è da sapere su zecche e pulci nei cani.

I parassiti nel gatto: zecche e pulci

Le zecche e le pulci sono piccoli insetti fastidiosi che si nutrono del sangue dei gatti e possono anche causare malattie gravi. Nel seguente articolo scoprirai tutto quello che c’è da sapere su zecche e pulci nei gatti.

Un giardino per il tuo gatto

Se i preventivi dei costi per la costruzione di una recinzione per il tuo giardino ti sembrano troppo alti, puoi prendere in mano la situazione e occupartene tu stesso: ti costerà un po’ in termini di tempo, ma risparmierai un sacco di soldi!

Se invece disponi di poco spazio, dovrai far bastare al tuo gatto una semplice rete di protezione. Scopri qui come installarla.